Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Seicento

Nathalie Grande, Le Rire galant. Usages du comique dans les fictions narratives de la seconde moitié du xviie siècle

Chiara Mainardi
p. 140-141
Notizia bibliografica:

Nathalie Grande, Le Rire galant. Usages du comique dans les fictions narratives de la seconde moitié du xviie siècle, Paris, Honoré Champion, 2011, pp. 332.

Testo integrale

1Attraverso l’esplorazione degli usi del comico, Nathalie Grande contribuisce a definire l’estetica della galanteria nelle finzioni narrative in prosa della seconda metà del xvii secolo. Evidenziando la continuità che si delinea tra il xvii e il xviii secolo, sia sul piano letterario che su quello delle idee, l’A. tenta di correggere l’immagine del Grand Siècle troppo spesso appiattita sull’estetica del classicismo. Da un lato l’A. riesamina la funzione liberatoria del riso e del sorriso, dall’altro contribuisce alla definizione della nozione di comico galante, dando risalto ad alcune aree finora inesplorate della finzione narrativa. Allargando la nozione di ‘comico’ alle forme di divertimento intellettuale e di ironia, l’A. analizza le forme della comicità allorquando questa subisce l’influenza della galanteria, concetto in formazione nella seconda metà del secolo. Il rire galant, che utilizza il ridicolo e la satira, trasgredendo le bienséances, si ritrova in un corpus letterario costituito da narrazioni ludiche, aneddoti piccanti, trasgressivi, mistificazioni letterarie e novelle comico-galanti. Nel volume si confrontano le innovazioni introdotte dall’estetica galante nelle tradizioni ereditate dal comico attraverso lo studio del travestimento, del registro comico volgare e della licenziosità clericale. L’Histoire amoureuse des Gaules di Bussy, Le Portefeuille di Mme de Villedieu, L’Héroïne mousquetaire di Préhac, Vénus dans le cloître dell’Abbé du Prat, e La Princesse de Clèves di Mme de Lafayette sono alcune delle letture che l’A. privilegia in questo suo progetto. L’ A. pone due limiti cronologici alla sua ricerca: Les Nouvelles françaises (1656) di Segrais come terminus a quo e le Histoires ou contes du temps passé (1697) di Perrault come terminus ad quem. Il volume si suddivide in tre parti: la prima tratta la ricerca dell’enjouement galante nelle finzioni narrative, la seconda il passaggio dalla galanteria al libertinaggio, con i piaceri della trasgressione, l’ultima affronta le finzioni sovversive della satira politica. Un interessante epilogo propone una nuova lettura della Princesse de Clèves che, evidenziando elementi parodistici e satirici interni all’opera, lascia la porta aperta ad una lettura enigmatica e ironica del testo stesso.

2Si segnala che nel capitolo consacrato alle finzioni anticlericali e antireligiose, l’autrice afferma in nota che l’attribuzione dell’opera Vénus dans le cloître a Chauvigny de la Bretonnière, anziché all’Abbé du Prat, necessiterebbe di un esame approfondito, ma non fa alcun riferimento all’edizione critica di Jean Sgard (2009), che abbiamo già recensito in questa rassegna (n. 164) e che analizza il problema nell’introduzione al testo. Molto curata è la bibliografia dell’opera, suddivisa in fonti e studi critici.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Chiara Mainardi, « Nathalie Grande, Le Rire galant. Usages du comique dans les fictions narratives de la seconde moitié du xviie siècle »Studi Francesi, 166 (I | LVI) | 2012, 140-141.

Notizia bibliografica digitale

Chiara Mainardi, « Nathalie Grande, Le Rire galant. Usages du comique dans les fictions narratives de la seconde moitié du xviie siècle »Studi Francesi [Online], 166 (I | LVI) | 2012, online dal 30 novembre 2015, consultato il 10 août 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/4666

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals