Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri195 (LXV | III)Rassegna bibliograficaSeicento a cura di Franco Piva e ...Giambattista Marino, Le Camerone ...

Rassegna bibliografica
Seicento a cura di Franco Piva e Vittorio Fortunati

Giambattista Marino, Le Camerone (1598), La Prison du Cavalier Marin (1612), suivi de Le Camerotto (1645) de Girolamo Brusoni

Laura Rescia
p. 600
Notizia bibliografica:

Giambattista Marino, Le Camerone (1598), La Prison du Cavalier Marin (1612), suivi de Le Camerotto (1645) de Girolamo Brusoni, Traduction et édition critique par J.P. Cavaillé, avec la collaboration de F. D’Angelo, Paris, Classiques Garnier, 2020, «Bibliothèque du xviie siècle» 37, pp. 225.

Testo integrale

1Questo volume ha il duplice merito di offrire un’accurata traduzione francese con testo a fronte di tre testi importanti nella storia del libertinaggio franco-italiano, e al contempo la prima edizione moderna, annotata e commentata, degli stessi. Per quanto riguarda il Camerone, il testo riprodotto è un’assoluta novità, poiché non basato sull’edizione originale postuma, stampata a Parigi nel 1626, bensì su un manoscritto inedito, conservato alla Biblioteca Nazionale di Firenze. Questo offre diverse varianti formali e sostanziali, tra cui un passaggio non censurato di particolare interesse. Dispiacerà a questo punto apprendere che l’editore scientifico non presenta la collazione dei testimoni manoscritti e a stampa di un testo del Marino poco conosciuto e studiato.

2La ricca introduzione inquadra i testi nell’ambito della tradizione franco-italiana della scrittura carceraria, soffermandosi dapprima sul poema Camerone, inerente la prima incarcerazione napoletana del giovane Marino, e analizzandone i temi trasgressivi proprî della scrittura burlesca e libertina, per poi focalizzarsi sulla Prigione, una narrazione in forma epistolare, relativa all’esperienza del carcere sabaudo, avvenuta nel 1611 e dovuta a una presunta violenta satira contro Carlo Emanuele di Savoia e la sua corte. L’orrore della prigione, luogo infernale, le trasgressioni oscene, la rabbia per la violenza della privazione di libertà, l’umorismo nero, caratterizzano i due testi, che illustrano in modo esemplare i limiti e i rischi del rapporto di patronage tra mecenate e artista.

3Se i motivi dell’incarcerazione di Brusoni, accademico degli Incogniti che soggiornò nei Piombi veneziani tra il 1643 e il 1644, restano oscuri, la sua esperienza è riccamente documentata nel Camerotto, di cui viene pubblicata qui soltanto la seconda parte, composta interamente dalle epistole redatte in quel periodo, la cui autenticità è ancora oggetto di discussione. Qui è la postura d’autore a emergere come tratto di estrema sprezzatura ancor prima che atteggiamento stoico, nella volontà di non farsi “infettar l’anima dai vapori pestiferi” della malinconia, nata da uno spirito capace di affrontare quest’esperienza facendosi forte di quel riso libertino, potente strumento di resilienza e trasgressione, che tanto connota tutta la scrittura degli “esprits forts”.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Laura Rescia, «Giambattista Marino, Le Camerone (1598), La Prison du Cavalier Marin (1612), suivi de Le Camerotto (1645) de Girolamo Brusoni»Studi Francesi, 195 (LXV | III) | 2021, 600.

Notizia bibliografica digitale

Laura Rescia, «Giambattista Marino, Le Camerone (1598), La Prison du Cavalier Marin (1612), suivi de Le Camerotto (1645) de Girolamo Brusoni»Studi Francesi [Online], 195 (LXV | III) | 2021, online dal 01 décembre 2021, consultato il 20 mai 2022. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/47109; DOI: https://doi.org/10.4000/studifrancesi.47109

Torna su
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search