Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri195 (LXV | III)Rassegna bibliograficaNovecento e xxi secolo a cura di ...Eva Feole, Corpo a corpo con il l...

Rassegna bibliografica
Novecento e xxi secolo a cura di Stefano Genetti e Fabio Scotto

Eva Feole, Corpo a corpo con il linguaggio. Il pensiero e l’opera letteraria di Monique Wittig

Luana Doni
p. 644
Notizia bibliografica:

Eva Feole, Corpo a corpo con il linguaggio. Il pensiero e l’opera letteraria di Monique Wittig, Pisa, ETS, 2020, 169 pp.

Testo integrale

1Nel suo saggio, Eva Feole illustra il pensiero dell’attivista e scrittrice francese Monique Wittig, esponente di spicco di quello che viene definito “femminismo materialista”, ossia, il pensiero secondo il quale le donne costituiscono una minoranza oppressa che necessita di una liberazione per mezzo del raggiungimento della distribuzione egualitaria di poteri a lungo privilegio esclusivo della classe maschile. Nel Pensiero straight, Wittig sostiene che la questione della differenza sociale fra uomo e donna, basata sulla credenza che esistano delle leggi naturali a sancire una separazione dei generi, non sia nient’altro che il frutto di un pregiudizio radicato, lo stesso pregiudizio che è alla base delle discriminazioni razziali.

2Nell’introduzione al volume, Feole si sofferma sull’evoluzione della ricezione del pensiero di Wittig che in Italia è tornato a far discutere soltanto negli ultimi anni, quando l’emergenza della questione LGBT è diventata pregnante nel discorso politico internazionale sui diritti civili.

3Entrando nello specifico del pensiero di Wittig, la scrittrice accorda alla parola letteraria il potere di attuare una vera e propria rivoluzione delle mentalità e dei costumi. Wittig abbraccia infatti il pensiero di Nathalie Sarraute, in opposizione a quello sartriano: l’engagement letterario è prima di tutto una rivoluzione del linguaggio. È il linguaggio stesso a veicolare per sua natura il pensiero politico dominante, il pensiero straight, appunto, ragion per cui la manipolazione della parola da parte di chi costituisce nella società un punto di vista minoritario, ossia non dominante, può costringere il linguaggio a dire l’indicibile attraverso una serie di scelte stilistiche contrarie alle convenzioni prestabilite e a attraverso rappresentazioni umane disturbanti.

4Wittig attacca ferocemente l’uso politico della psicanalisi in quanto esempio del discorso dominante sugli oppressi da parte degli oppressori, soprattutto per quanto riguarda l’accorpamento del termine lesbismo a quello di omosessualità tout court. Il lesbismo, per Wittig, è una condizione materiale di esistenza. La visione dell’eterosessualità come regime politico mette Wittig a confronto con numerose critiche da parte delle esponenti del femminismo eterosessuale. Per Wittig la lesbica si situa al di là delle categorie di sesso; le lesbiche non sono donne in quanto non aderiscono alla rappresentazione politica, ideologica e economica della donna. Inoltre, il fatto di ridurre il lesbismo a una questione meramente sessuale sminuisce per l’autrice quello che in realtà è: l’occasione della presa di coscienza di una profonda rottura del regime eterosessuale. Il lesbismo per Wittig è, prima di tutto, una scelta politica; per questa ragione, il suo giudizio nei confronti di quei femminismi in favore della creazione di gruppi in difesa della donna risulta essere particolarmente severo, poiché questi non fanno che ribadire quelle differenze “di natura” imposte dal pensiero dominante.

5Il pensiero di Wittig è riflesso in maniera evidente anche nel suo modo di fare letteratura; la sua opera è infatti riconosciuta per la sua eterogeneità: Wittig ha una visione strutturalista dell’opera letteraria che si oppone a quella marxista in quanto, per l’autrice, la letteratura non è riconducibile alla posizione di classe di chi la fa. Inoltre, la concezione dello scrittore come “lettore ideale” e della letteratura come confluenza e influenza reciproca tra passato e presente, fa della sua opera il prodotto di una determinante consapevolezza intertestuale.

6Ma come si attua questa rivoluzione del linguaggio operata da Wittig? Innanzitutto attraverso lo sradicamento delle barriere di genere. L’Opoponax, pubblicato nel 1964, fornisce un primo esempio di letteratura wittighiana. Il testo, sottolinea l’A., è narrato attraverso il pronome impersonale francese on usato per sottolineare che la storia non è soltanto quella di Catherine Legrand ma quella collettiva, di bambini e bambine. Inoltre la non identificabilità di genere del pronome on permette alla narrazione di assumere una neutralità di valore. Lo stesso processo, anche se non identico, è attuato nel romanzo Les Guérillères. Le corps lesbien, pubblicato nel 1973 è, invece, un testo difficile da definire: centoundici componimenti in prosa narrano una storia d’amore violenta, cannibale e rigenerante. I personaggi continuano a essere ridotti a dei pronomi ma la vera rivoluzione sta nell’uso e nella riscrittura in chiave lesbica del mito e del folklore popolare.

7Nella sezione dedicata alla ricezione dell’opera, Feole affronta il discorso sulla definizione di “scrittura femminile”. Wittig si dice fermamente contraria alla definizione data da Béatrice Didier che assimila il femminile della scrittura al desiderio di procreazione; la scrittura femminile non deve essere identificata come un’escrescenza del corpo della donna ma come un lavoro materiale in quanto officina di costruzione letteraria.

8Tra le responsabili della rivalutazione e riscoperta del pensiero wittighiano negli Stati Uniti troviamo Judith Butler, punto di riferimento per i gender studies. Nel suo Gender Trouble, Butler riporta alla luce di pensiero di Wittig esponendone però i limiti concettuali; la teorica statunitense afferma infatti quanto il femminismo materialista di Wittig sia in realtà esistenzialista e come l’universalizzazione del punto di vista lesbico non sia che un tentativo di “lesbicizzazione del mondo”. Il fraintendimento delle teorie wittighiane da parte di Butler è stato oggetto di numerose critiche da parte delle femministe francesi ancorate alle teorie esposte in La pensée straight. L’interpretazione di Butler, tuttavia, rimane un punto di riferimento per il femminismo americano e europeo, il che ha causato la progressiva assenza di Wittig nel dibattito femminista internazionale per molti anni.

9In Italia, il pensiero di Wittig è stato riportato in auge da studiose, traduttrici e attiviste come, tra le altre, Simonetta Spinelli, Rosanna Fiocchetto e Antonia Ciavarella. Grazie alle personalità appena citate e all’importante lavoro di Eva Feole, la scrittura di Monique Wittig può continuare a parlare e a gridare il dissenso nei confronti di una società patriarcale, dura a morire poiché radicata in anni di pregiudizi, che non verrà mai abbastanza “stancata” da chi, come Wittig, ci ricorda, ancora una volta, che non bisogna mai smettere di disturbare.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Luana Doni, «Eva Feole, Corpo a corpo con il linguaggio. Il pensiero e l’opera letteraria di Monique Wittig»Studi Francesi, 195 (LXV | III) | 2021, 644.

Notizia bibliografica digitale

Luana Doni, «Eva Feole, Corpo a corpo con il linguaggio. Il pensiero e l’opera letteraria di Monique Wittig»Studi Francesi [Online], 195 (LXV | III) | 2021, online dal 01 décembre 2021, consultato il 26 mai 2022. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/47629; DOI: https://doi.org/10.4000/studifrancesi.47629

Torna su
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search