Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri195 (LXV | III)Rassegna bibliograficaNovecento e xxi secolo a cura di ...Emmanuel Hocquard. La poésie mode...

Rassegna bibliografica
Novecento e xxi secolo a cura di Stefano Genetti e Fabio Scotto

Emmanuel Hocquard. La poésie mode d’emploi

Fabio Scotto
p. 645-647
Notizia bibliografica:

Emmanuel Hocquard. La poésie mode d’emploi, dir. N. Koble, A. Lang, M. Murat, J.-F. Puff, Dijon, Les presses du réel, 2020, 387 pp.

Testo integrale

1Il poeta, editore, saggista e traduttore Emmanuel Hocquard (1940-2019) è stato senza alcun dubbio una figura tra le più significative della poesia francese contemporanea, autore di un’opera multiforme caratterizzata da una rimessa in discussione della nozione di genere e fortemente influenzata dall’oggettivismo americano di Reznikoff e Palmer, così come dalle tecniche di scrittura per montaggio note come cut-up. Aprendo la poesia ad altri saperi quali la linguistica, la filosofia del linguaggio e la logica di Wittgenstein, ha rivisitato in forma parodica i generi classici come il sonetto e l’elegia incentrando il suo discorso sulla grammaticalità del soggetto dell’enunciazione, che ha de-liricizzato per farne una funzione letterale volutamente tautologica. Da non dimenticare, inoltre, i suoi meriti di editore di Orange Export Ltd (1969-1986), collana indipendente di poesia emblematica della ricerca contemporanea, la pratica della traduzione collettiva alla Fondation Royaumont (1984-2000), le sinergie tra poesia francese e poesia americana create con l’associazione “Un bureau sur l’Atlantique”, l’attività d’insegnamento all’École des Beaux-Arts de Bordeaux (1992-2005), di cui si rammenta la summa ne Le cours de Pise (Paris, P.O.L, 2018, si rinvia alla scheda su questo libro di L. Magno, n. 188, LXIII/II, 2019 della presente Rassegna), oltre alla fitta collaborazione con artisti.

2Di tutto ciò tratta ora in sede critica il doveroso omaggio tributatogli da una numerosa schiera di studiosi e scrittori in un volume che raccoglie gli Atti di un Colloque tenutosi all’Université Paris-Sorbonne (1-3 giugno 2017) il cui titolo, evidente parafrasi del celebre romanzo perecchiano La vie, mode d’emploi, sottolinea, per l’appunto, il carattere sperimentale e meta-poetico della sua opera. Articolato in sei sezioni, precedute da una Introduction (pp. 7-19), in cui è ritracciata nelle sue varie fasi la biografia della sua vita ed opera sottolineando i tratti «à la fois évidents et mystérieux» delle sue poesie, il libro consente un approccio molteplice e vario, se non talora anche contraddittorio all’opera di Hocquard, qui ripercorsa e interrogata da autori che gli sono stati amici e sodali, o che ne furono meri lettori.

3Nella prima, «Description d’une poétique» (pp. 21-81), Stéphane Baquey si sofferma sulle occorrenze della «table» nella nominazione hocquardiana in diversi momenti del suo percorso, al fine di pervenire a una definizione che ne dice la natura, in costante divenire, di spazio e tempo operoso su di essa depositato e vissuto (La table d’Emmanuel Hocquard), mentre Anne Emmanuelle Volterra indaga il modo in cui il poeta edifica un’«anti-grammaire» attraverso una ridefinizione del pensiero che disarticola le relazione di tempo e spazio e la consequenzialità nella narrazione dei fenomeni a vantaggio di una «conception figurative du langage» la quale, smascherando la presunta enigmaticità del mondo, lo riconduce, con Wittgenstein, all’evidenza della sua realtà (Emmanuel Hocquard, principes d’une anti-métaphysique). Damien Blanchard mostra come la pratica della letteralità si esplichi come stupore in un’impossibile uscita dal linguaggio; essa si palesa nel ricorso ora alla forma sentenziosa e gnomica, ora a meccanismi di distanziamento dalla parola attraverso tecniche retoriche d’interruzione o spezzamento (De l’éblouissement). È quanto Benoît Leclerc, riflettendo sulla letteralità del termine «politique», sottrae alla declinazione maschile o femminile del termine, così come alla sua nozione d’impegno, per ascriverlo alla «pratique d’écriture» (Politique du littéral).

4La seconda parte, «Lire ce que désigne le mot de “poésie”» (pp. 83-140), s’apre sul contributo di Michel Murat, che studia il modo in cui Hocquard, senza essere un inventore di forme, tuttavia se ne serva in modo tipografico distribuendole tra verso e prosa secondo prosimetri che ricorrono ora al sonetto come forma, al verso come struttura e all’elegia come genere (Remplacer la forme par le mot forme). Anne Portugal, soffermandosi sull’uso della punteggiatura, individua una «théorie de la virgule» come elemento costitutivo del linguaggio poetico dell’autore sullo stesso piano della parola (Les deux côtés de ma virgule), mentre Cole Swensen illustra la singolarità della postura teorica di Hocquard traduttore-editore di traduzioni, il quale, propendendo per l’autonomia della traduzione come testo rispetto all’idea di sua equivalenza con l’originale, ha escluso dalle sue edizioni il testo-fonte a fronte, a profitto di una traduzione-opera nella lingua d’arrivo, che, senza cancellare la distanza abissale fra le lingue di hörderliniana memoria, la accresce mostrandone le zone ancora inesplorate (Emmanuel Hocquard: l’invention du traducteur). Jean-Marie Gleize vede nel «roman-photo» di Hocquard Le Commanditaire d’ascendenza hammettiana un’opera «néogénérique» esemplare di quella «formule radicale» che, valicando le distinzioni di genere, attiva forme inedite e matriciali di creazione superando la nozione generica di «poésie» a vantaggio di una «littéralité» di valore necessariamente “politico” («Littéralement lessivée»). Tornando sulla traduzione, Pascal Poyet propone, rivolgendosi direttamente all’autore, una sorta di montaggio di suoi testi e citazioni al fine di mostrare una «méthode d’écriture et de traduction» nella quale, per così dire, le due pratiche di fondono in una (Un terrain qui n’appartient pas. Sur la traduction).

5In una ricerca come quella di Hocquard, orientata alla sperimentazione in senso trans-generico e anche trans-letterario, gli aspetti legati alla transmedialità e ai dispositivi sono particolarmente rilevanti. Ne parla la terza parte del volume miscellaneo, «Intermédialité et dispositifs» (pp. 141-191), che s’apre con il contributo di Luigi Magno, il quale si sofferma sul dispositivo fotografico nell’opera dell’autore inteso come “gesto”; ridisegnando la cronistoria del suo rapporto con la fotografia, evidenzia nell’opera una progressiva «dissolution du sujet-pronom-lettre» parallela alla dispersione corporea dell’artista-scrivente, che culmina in un anonimato simbolico di cui individua la varietà tipologica e i meccanismi (dall’idiotizzazione alla pornografia come modalità complementare del gesto lirico), rivolti ad un’esplorazione espressiva del perturbante (Des gestes photographiques chez Emmanuel Hocquard). Zsófia Szatmari mostra le valenze trans-generiche nell’opera multimediale Voyage à Reykjavik (1997), prodotta sia in supporto libro che in supporto video (Lettres d’amis en vidéo: constitution du “Voyage à Reykjavik”), così come Marie-Jeanne Zanetti illustra cosa significhi «écrire à la chambre», ovvero «à partir d’un écart qu’elle matérialise, et qui suppose la mise en place d’un dispositif technique complexe» che estende la possibilità di scrittura a mezzi espressivi diversi dalla parola (Écrire à la chambre. Dispositif poétique et esthétique pratique d’Emmanuel Hocquard).

6Nella quarta parte, «Espèces d’espaces» (pp. 193-236), Emmanuel Rubio analizza le topografie di alcuni testi come Le Commanditaire, dei quali evidenzia l’identità mobile e fluttuante, mai lineare né omogenea (Retour à Bondy-Nord: “Le Commanditaire” à l’épreuve de l’architecture); Jean-Charles Depaule, a sua volta, si muove tra gli esterni e interni urbani delle «topographies physiques, sensibles, sociales» nella loro identità contraddittoria (Hocquard, à propos d’espace), che Yasser Elhariry individua come un enigma locativamente mediterraneo (Tangeri, Gibilterra) in Orogénique.

7La quinta parte, «Pratique poétique et formes de vie» (pp. 237-303), si concentra sulle tecniche espressive alla luce della crise de vers contemporanea che scaturirebbe dalla necessità di reinventare il rapporto fra la parola e la cosa e quindi di ridefinire (o superare) lo statuto del soggetto. Philippe Charron sottolinea l’esigenza di «dé-grammaticalisation» del linguaggio, della vita e del corpo come condizione per una reazione possibile (La pratique idiote d’Emmanuel Hocquard); Flora Isidore identifica nella poesia una «expérience spatiale» slegata da un luogo specifico, spazio testuale e mentale più che fisico, inconsueto e solitario (Habiter l’inhabituel: construction d’une solitude); Xavier Person, muovendo dall’aneddoto legato a un suo incontro con il poeta, rivela nell’oscurità letterale della trasparenza una possibile chiave di lettura della sua relazione con la scrittura e con il mondo (Vertige de la transparence, ou le secret de la quiche lorraine). Se Pascalle Monnier, partendo dalla Miss Avisham di dickensiana memoria, si sofferma sulla tipologia dei personaggi inventati da Hocquard come reattivi fantastici (La ballerine perdue de Miss Avisham), meno enigmaticamente Jean-François Puff pone l’accento sulla postura poetica anti-lirica di Hocquard, fondata su «un dispositif d’expressions à la première personne, référé à une troisième personne» e tale da indurre la diffidenza dell’autore nei confronti del lettore (stigmatizzata dalla formula cave auctorem); ne risulta una lettura basata sulla distinzione spazio-temporale tra dentro e fuori (CAVE CANEM. L’œuvre et son dehors). Interessante il profilo culturale ad ampio spettro proposto da Gilles A. Tiberghien, che attinge ai gusti extra-letterari e filosofici del poeta per innestarvi una riflessione sull’opera d’essi tributaria (dal gusto per il polar alla filosofia) e sulle tipologie di caratteri predilette (Emmanuel Hocquard: planque et filatures en poésie).

8La sezione conclusiva, «Conditions de travail» (pp. 305-372), dà conto dell’esperienza editoriale di Orange Export Ltd. (Élodie Bouygues, Raquel et Hocquard éditeurs. Orange Export Ltd.: physique et poétique du livre), dell’esperienza pubblica d’animazione culturale (Abigail Lang, Des communautés pour quoi faire), dell’insegnamento (David Lespiau, Pise, ou Emmanuel Hocquard à l’École de Beaux-Arts de Bordeaux), della relazione personale con la poetica e l’opera e del suo posizionamento nel contesto polemistico dell’epoca (Olivier Cadiot, Où veux-tu en venir?). In Appendice, oltre ai profili biografici degli Autori, un «Index des noms de personnes et de personnages cités» (pp. 380-387).

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Fabio Scotto, «Emmanuel Hocquard. La poésie mode d’emploi»Studi Francesi, 195 (LXV | III) | 2021, 645-647.

Notizia bibliografica digitale

Fabio Scotto, «Emmanuel Hocquard. La poésie mode d’emploi»Studi Francesi [Online], 195 (LXV | III) | 2021, online dal 01 décembre 2021, consultato il 26 mai 2022. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/47659; DOI: https://doi.org/10.4000/studifrancesi.47659

Torna su
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search