Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri196 (LXVI | I)Rassegna bibliograficaOttocento b) dal 1850 al 1900, a ...Alberto Beretta Anguissola, Il ro...

Rassegna bibliografica
Ottocento b) dal 1850 al 1900, a cura di Ida Merello e Maria Emanuela Raffi

Alberto Beretta Anguissola, Il romanzo francese dell’Ottocento. Un racconto in otto percorsi

Ida Merello
p. 189-190
Notizia bibliografica:

Alberto Beretta Anguissola, Il romanzo francese dell’Ottocento. Un racconto in otto percorsi, Roma, Carocci, 2021, 230 pp.

Testo integrale

1Volume seduttivo, al punto di incontro tra critica e narrazione, quasi opera autonoma, si nutre dei materiali citati e li ripropone in maniera avvolgente. Con qualche fuga in avanti nel Novecento per l’amato Proust, resta quasi interamente concentrato sui romanzi dell’Ottocento. Nella postfazione l’A. dichiara di aver riletto per due anni circa duecento romanzi ottocenteschi e, tracciando un paragone con la letteratura contemporanea, malinconicamente conclude che se ora gli scrittori sono meno ingenui e disposti all’enfasi retorica, tuttavia nell’Ottocento erano meno politically correct, più anticonformisti e con lettori più capaci di accettare idee diverse dalle proprie. Il volume non è distinto per autori, bensì per grandi temi, quali amori infiniti, guerre, vittime, Dio, soldi, morte, scienza, ciascuno dei quali a sua volta parcellizzato. Non si tratta di un modo di sezionare, facendoli appassire, i grandi romanzi di due secoli fa, ma di poter isolare immediatamente le scene principali, ritornando anche più volte sulla stessa opera. L’amore prevede il colpo di fulmine, come quello di Mme de Rênal in Le Rouge et le Noir, di Coralie per Lucien nelle Illusions perdues o di Frédéric nell’Education sentimentale, ma anche le cristallizzazioni, di Julien per Mme de Rênal, di Fabrice Del Dongo per Clelia, di Adolphe per Ellénore, destinate a decristallizzarsi, una volta conquistata la preda. Si osservano le strategie per ottenere la cristallizzazione, obbligando l’altro a interessarsi di sé, attraverso la fuga, il disdegno, persino la crudeltà, anche se gli strumenti naturali sono la voce, la tenerezza, il candore.

2Un posto analogo è occupato dagli amori platonici, dagli amori etero e omosessuali, con attenzione all’androginia maschile e femminile. L’A. trascorre dall’amore forzatamente platonico della Sanseverina agli amori solo carnali, individuando una scissione non solo di tipo petrarchesco tra la carne e lo spirito ma anche tra carne e amore, come succede ad esempio in Maupassant. Rileggendo i romanzi che hanno per oggetto un incesto, l’A. si domanda se si possa creare una categoria di “incesto percepito”, dal momento che la valutazione varia nei romanzi a seconda del contesto. Cita per questo i romanzi di George Sand, dove l’atmosfera campestre rende possibili e naturali rapporti che presso altri scrittori - o semplicemente fuori dall’idillio - sarebbero peccaminosi, come il felice matrimonio di una madre adottiva con il figlio, o lo straordinario legame dei gemelli Landry e Silvinet nella Petite Fadette. Presenta anche il tabù dell’impotenza in Armance, il motivo dell’androginia maschile e femminile, oggetto di fascinazione da inizio a fine secolo, da Mlle de Maupin a M.Vénus di Rachilde, da Séraphita a Fragoletta. In questa giungla di testi starebbe bene anche Gabriel, scritto da George Sand nel 1839 e non senza rapporti con Fragoletta. L’A. riporta anche un’amicizia maschile talmente forte da poterne definire difficilmente i contorni, presente nella Débacle di Zola, dove Jean, più volte salvato da Maurice, lo bacia con ardore, e poi lo uccide, senza riconoscerlo, tra gli insorti.

3Amore e guerra si collegano qui, ma l’A. pone in mezzo la sezione «Infiniti», ossia i tentativi di Grandi Opere, al di là delle possibilità umane, che percorrono un po’ tutto l’Ottocento, dal Chef-d’œuvre inconnu à L’œuvre (ci starebbe bene forse anche Manette Salomon).

4Nella sezione «Guerre» torna La Débacle, insieme ai Chouans, al Chevalier Des Touches, e all’Education sentimentale; mentre nella sezione «Vendette» giustamente il posto d’onore va al Conte di Montecristo. Le vittime non coinvolgono soltanto Dreyfus, ma anche le creature nate deformi, come Quasimodo, o deformate dagli uomini, come Gwynplaine, e quei personaggi di Balzac vinti dai loro eredi, dal Cousine Pons alla cousine Bette. Nella sezione «Dio» l’A. racconta la storia di Mme Gervaisais (dei fratelli Goncourt), condannata a morire per il fanatismo dei preti, e non dimentica la crudeltà di Frollo o il motto antigesuita che conclude Le Juif errant di Sue.

5I romanzi di Balzac portano l’autore a diverse considerazioni sulla Comédie humaine. Per Balzac, la diversità tra parroci avidi e parroci buoni non dipende da circostanze di milieu, ma solo dalla casualità naturale. Per contro, rispetto al cattolicesimo moderato dell’Italia, i Francesi si distinguono in cattolici dagli accenti molto forti (Barbey, Bloy, il secondo Huysmans), per cui le creature buone devono sopportare i peggiori mali per soccorrere i malvagi; o in voltairiani.

6Altrettanto seducenti i punti di vista che nelle sezioni Soldi, Morte, Scienza, portano l’A. a riparlare di Balzac, Stendhal, Zola e di larga parte degli autori già citati, ma facendoli brillare da un altro punto di vista: il rapporto con il denaro, estremamente complesso, e sotto cui si nascondono impulsi primari più forti, le diverse rappresentazioni della morte, l’uso fantastico della scienza in Zola, in funzione etica per Hugo nei Misérables, le svariate rappresentazioni della morte. L’opera dell’A. poteva incorrere nel rischio di trasformarsi in un dizionario, invece è un caleidoscopio, dove i romanzi dell’Ottocento si scompongono e ricompongono.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Ida Merello, «Alberto Beretta Anguissola, Il romanzo francese dell’Ottocento. Un racconto in otto percorsi»Studi Francesi, 196 (LXVI | I) | 2022, 189-190.

Notizia bibliografica digitale

Ida Merello, «Alberto Beretta Anguissola, Il romanzo francese dell’Ottocento. Un racconto in otto percorsi»Studi Francesi [Online], 196 (LXVI | I) | 2022, online dal 01 avril 2022, consultato il 04 juillet 2022. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/48889; DOI: https://doi.org/10.4000/studifrancesi.48889

Torna su

Diritti d'autore

CC BY-NC-ND 4.0

Creative Commons - Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale - CC BY-NC-ND 4.0

https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0/

Torna su
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search