Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri196 (LXVI | I)Rassegna bibliograficaOttocento b) dal 1850 al 1900, a ...D’après Flaubert, dir. E. Dayre e...

Rassegna bibliografica
Ottocento b) dal 1850 al 1900, a cura di Ida Merello e Maria Emanuela Raffi

D’après Flaubert, dir. E. Dayre et F. Godeau

Ida Merello
p. 192-193
Notizia bibliografica:

D’après Flaubert, dir. E. Dayre et F. Godeau, Paris, Kimé, 2021, 310 pp.

Testo integrale

1Il volume raccoglie una serie di studi intorno alle influenze di Flaubert sulla letteratura contemporanea mondiale. Non tutti gli studi sono di interesse per la nostra rivista, ma una carrellata per quanto rapida permette di avere il polso della situazione. Purtroppo anche la lunghezza dei titoli impedisce un’ampiezza di analisi dei singoli articoli.

2Isabel Poulin (“Ce n’était qu[e] […] qu’on crève à toutes pages”. Vladimir Nabokov (d)’après Mme Bovary: le transport romanesque au prisme de l’animal, pp. 25-36) sceglie la tecnica da anni in voga di posizionarsi dal punto di vista animale, mostrando non solo l’attenzione di Nabokov ai cavalli presenti in Madame Bovary, ma anche individuando in essi il motivo riassuntivo della sensualità di Emma nonché della sua fine bestiale. Il punto di vista animale traduce per l’A. la parte muta dell’esistenza umana.

3Diana Rînciog (Réécritures roumaines de Mme Bovary: locul unde nu s-a intamplat nimic (le lieu où rien n’est arrivé), Haia Sanis et Floare ofilită (Fleur fanée) de Mihais Sadoveanu (1880-1961), pp. 37-46) mostra l’influenza di Flaubert in Romania come iniziatore dell’impressionismo letterario e stabilisce rapporti con alcuni scrittori, tra cui Mihail Sadoveanu, e registi cinematografici.

4Hans Färnlof (“Madame n’est plus servie - Fru Marianne de Victoria Benedictsson, pp. 47-58) presenta invece l’influenza di Flaubert in Svezia: concentrandosi su Fru Marianne mostra come tale romanzo costituisca una reazione contro Flaubert e una replica al dibattito contemporaneo sul matrimonio, Influenzato solo dalla prima parte del romanzo di Madame Bovary.

5Léopold Reignier (Amiable little imitations. Nabokov après Flaubert, images thématiques et influences stylistiques, pp. 59-69) ricorda invece l’attenzione del giovane Nabokov a Flaubert: una grande importanza è dedicata allo stile di Madame Bovary. Nabokov dà rilievo alla sonorità e analizza la frase di Flaubert sottolineando l’importanza della congiunzione e per introdurre un’immagine culminante. Mostra la stessa attenzione che ne ebbe Proust, qui senza fare un pastiche, ma inventando Flaubert in un’altra lingua. Secondo l’autore, la precoce lettura di Flaubert ha inoltre potuto indurre a imitazione inconscia di strutture linguistiche.

6Luis Carlos Pimenta Gonçalves (Du roman à la bande dessinée: Flaubert d’après Druillet et Simmonds, pp. 87-100) percorre l’influenza di Salammbô, che Flaubert non aveva voluto illustrata, proprio nei suoi illustratori e nelle messe in scena. L’A. ricorda il lavoro di Druillet, il suo balletto alla Géode su Salammbô e un suo libro illustrato. L’attenzione di sposta poi sull’autrice britannica Posy Simmonds, e ai suoi fumetti su Mme Bovary (Gemma Bovery, si richiama effettivamente una delle immagini femminili entrate nel crogiolo di Madame Bovary).

7Mathias Lavin (Bovarysme dans la vallée du Douro - A partir de Val Abraham de Manoel de Oliveira, pp. 101-112) prende in considerazione l’influenza di Madame Bovary nel film A partir de Val Abraham di Manoel de Oliveira, per vedere come l’opera del regista costituisca una forma di illuminazione del testo. Ad esempio Oliveira riprende il gusto delle sonorità, illustrando così il gusto di Flaubert. Il suo film si inscrive in un periodo in cui molti sono i lavori cinematografici che hanno per oggetto il romanzo di Flaubert, ma Oliveira non fa mai riferimento a una lettura diretta: il testo d’origine è utile solo per orientare il canovaccio narrativo. In Oliveira il bovarismo sembra designare un’ambivalenza tra l’esaltazione mistica e il sintomo nevrotico.

8Tomoko Hashimoto (Figure de l’éblouissement, ou comment donner forme à l’informe? Mme Bovary par Vincente Minnelli, pp. 113-124) studia l’adattamento cinematografico di Madame Bovary da parte di Vincente Minnelli e prima di tutto ne identifica l’opera come una variante del melodramma. Dal punto di vista narrativo lo interessa la questione femminile all’interno di una società maschile e patriarcale e appunto per questo il soggetto di Flaubert è propizio a un woman’s film, caratterizzato dall’instabilità psicologica di Emma. La personalità di Charles viene modificata dalla personalità dell’attore che lo incarna, Van Heflin: personalità che l’abitudine da parte degli Studios di affidare sempre lo stesso ruolo ai medesimi attori sovradetermina anche la figura di Charles Bovary. L’A. mostra il parallelismo tra l’uso dei vetri e degli specchi nel film di Minnelli e il medesimo uso soprattutto nei brouillons di Flaubert. L’inconsapevolezza da parte di Emma del confine tra reale e immaginario è rappresentata nel film di Minnelli attraverso il montaggio e il motivo dello specchio.

9Pierre Bas (Mme Bovary et la fille de Ryan, pp. 125-139) dopo alcuni giudizi un po’ sbrigativi sui film tratti da Mme Bovary, esalta invece la libertà della Figlia di Ryan; in realtà, se si ammettesse un’influenza flaubertiana, dovrebbe essere mescolata con l’Education sentimentale del 1845.

10Vanessa Guignery (Ne pas boucler avec Flaubert, pp. 141-160) compie un’interessante analisi dell’opera di Julian Barnes. Le diverse tecniche di scrittura dell’autore sono messa in rapporto con lo stile di Flaubert per dimostrare un’ossessione e una capacità di rivisitazione modulata in diverse formule come la cronologia, il romanzo, il saggio, il dizionario, il bestiario. Barnes utilizza altrettanto bene i testi letterari che la corrispondenza mostrandosi interamente penetrato dall’opera di Flaubert.

11Damien Dauge (Entre Flaubert et la musique: réflexions sur les adaptations, pp. 161-172) mette subito in evidenza come sia difficile intravedere l’influenza netta di Flaubert nelle opere musicali. È difficile trovare nelle canzoni l’aspetto di critica sociale e anche la figura di Emma appare banalizzata. Per quanto riguarda i compositori, l’A. cita Darius Milhaud, che ha preparato un album per il film di Renoir, Massenet per il tentativo di mettere in musica Hérodiade e Satie. Ma subito mette in rilievo come Massenet, pur essendo amico di Flaubert grazie a Turgenev, mostri una sensibilità molto diversa. Anche per quanto riguarda Satie, l’ispirazione di Salammbô nelle Gymnopédies, vale soprattutto come nebulosa.

12Atsuko Ogane (Salomé danse-t-elle dans Hérodiade? Le sacrifice et la danse dans Hérodias et Hérodiade, pp. 183-186) riprende il soggetto di Salomé, cui dedica i suoi studi, definendo qui il rapporto tra l’episodio biblico, il testo di Flaubert, quello di Wilde e la musica di Massenet. Se il centro dell’episodio è costituito dalla danza, Flaubert fa comprendere come prima di tutto si tratti del racconto di un sacrificio.

13Lúcia Amaral de Oliveira (Mme Bovary au théâtre: la mise en scène de Bruno Lara Resende à Rio de Janeiro,2015, pp. 187-198) confronta il copione di Bruno Lara Resende con il testo di Flaubert.

14Piotr Śniedziewski (La réception créatrice de Flaubert en Pologne: sur les rochers du Calvados. “Roman de la vie des pêcheurs normands” de Sygietynski, pp. 199-210) analizza una forma di imitazione del modo di lavorare di Flaubert: procedimenti analoghi per rappresentare la malinconia e uno stesso uso delle finestre.

15Jana Truhlřová (L’Education sentimentale de Flaubert et la jeune prose slovaque des années 1960, pp. 211-225) riferisce sulla ricezione di Flaubert in Slovacchia facendo notare che è molto più tardiva rispetto agli altri paesi dell’Europa Centrale: i suoi testi sono tradotti infatti tra il 1940 e il 1967.

16Galyna Dranenko (Flaubert, une icône idolâtrée en Russie, 1865-1918, pp. 227-244) riferisce della ricezione in Russia, ricordando l’importanza di Turgenev per la diffusione delle opere. Madame Bovary diventa il prototipo del romanzesco.

17Alfred Tumba Shango Lokoho (L’Afrique après Flaubert, le défi d’un auteur, pp. 245-260) propone una lettura del viaggio in Oriente di Flaubert, per mostrare il tipo di attenzione riservata all’Africa.

18Arselène Ben Farhat (Réécrire les œuvres de Gustave Flaubert pour les jeunes arabes, pp. 261-278) fa notare come non ci siano adattamenti teatrali o cinematografici nei paesi del Medio Oriente o del Golfo, ma soltanto la moda di riscrivere i romanzi di Flaubert da parte di giovani lettori. Una serie di tavole mostra il tipo di variazioni e analizza le strategie di riscrittura

19Kalliopi Ploumistaki (Gustave Flaubert et la littérature néo-hellénique. De la génération des années 30 à Stamatis Alexis, pp. 279-290) ricorda che anche in Grecia le traduzione di Flaubert arrivano tardi, agli inizi del Novecento; Madame Bovary è l’opera più nota, ma subito viene mescolata con materiale greco. Un romanzo del 2000 fonde Flaubert e il Nouveau Roman.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Ida Merello, «D’après Flaubert, dir. E. Dayre et F. Godeau»Studi Francesi, 196 (LXVI | I) | 2022, 192-193.

Notizia bibliografica digitale

Ida Merello, «D’après Flaubert, dir. E. Dayre et F. Godeau»Studi Francesi [Online], 196 (LXVI | I) | 2022, online dal 01 avril 2022, consultato il 03 juillet 2022. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/48929; DOI: https://doi.org/10.4000/studifrancesi.48929

Torna su
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search