Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri196 (LXVI | I)Rassegna bibliograficaOttocento b) dal 1850 al 1900, a ...Eloge du “parergon”. L’art décora...

Rassegna bibliografica
Ottocento b) dal 1850 al 1900, a cura di Ida Merello e Maria Emanuela Raffi

Eloge du “parergon”. L’art décoratif du livre fin-de-siècle, dir. S. Lesiewicz et H. Védrine

Ida Merello
p. 195-196
Notizia bibliografica:

Eloge du “parergon”. L’art décoratif du livre fin-de-siècle, dir. S. Lesiewicz et H. Védrine, Otrante, La Fresnaye-Fayel, 2021, 300 pp.

Testo integrale

1Il volume sembra riguardare solo marginalmente gli studi letterari: in realtà, la messa a fuoco del libro decorato, alla fine dell’Ottocento, costituisce un tassello significativo nel passaggio tra simbolismo ed Esprit nouveau, mostrando una continuità al posto di uno iato. Gli autori “de la musique avant toute chose” a partire dagli anni Novanta cominciano a immaginare il libro come un oggetto organico musicale e visivo, sotto l’influenza dell’Art & Craft inglese. Sophie Lesiewicz et Hélène Védrine parlano di un «simbolismo tipografico» dove si stabilisce un’alleanza tra verso e linea. Le due autrici riconoscono anzi una trinità (illustrazione/decorazione/tipografia) per l’importanza e la complessità degli ornati, e mostrano il ruolo della bibliofilia (definita da Henri Beraldi “bibliophilie créatrice”), che ha permesso la produzione di preziose opere d’arte.

2Il nuovo secolo non fa che sancire quanto già profondamente radicato, ossia la sensazione del libro come unicum tra testo e decorazione, dove anche gli inchiostri svolgono un ruolo importante. È impossibile rendere conto dei sedici contributi in maniera esaustiva, tanto più che trascendono il campo letterario, tuttavia si tratta di un’opera di consultazione importante per tutti i letterati, con interventi di grande significato. Si potrebbe considerare come il secondo volet della Crise des valeurs symbolistes di Décaudin, dove, anziché inseguire le diverse correnti poetiche della Belle Époque e le loro diramazioni, si sottolinea la trasformazione del simbolismo attraverso l’edizione del libro, con attenzione anche ai criteri armonici inseguiti da Lucien Pissarro nello studio del simbolismo dei colori (Florence Alibert, Leave the fire ashes, what survives is gold. La couleur et l’or dans les livres des Eragny Press de Lucien Pissarro, pp. 45-58). Alcuni interventi appaiono più vicini al punto di vista letterario, in particolare gli articoli di Serge Linarès e Marine Le Bail. Linarès (Effets de manuscrit dans le livre fin-de-siècle. Du décoratif à l’ontologique, pp. 125-142) pone l’attenzione sulla moda della riproduzione manoscritta, citando subito il racconto di Anatole France Sainte Euphrosine, uscito per la Librairie des Amazones, dove l’illustrazione segue il filo dell’ironia, alludendo alla tradizione medievale dalle sponde dell’Art Nouveau. È Octave Uzanne per Les Bibliophiles indépendants a dare spazio all’inventiva tipografica della scrittura come disegno: nelle sue edizioni la copertina della Porte des rêves di Schwob si percepisce prima come grafica che come scrittura. Ma l’attenzione maggiore di Linarès si porta sul tentativo di Segalen nella Collection coréenne di mantenere le abitudini di lettura occidentale in una grafica asiatica, improntata a quella dei Maestri calligrafi e stampatori dell’impero di Mezzo.

3Marine Le Bail (Le livre librement rêvé de Marcel Schwob, pp. 143-160) ritorna invece a Schwob, cercando di individuare le idee dell’autore sulle arti grafiche attraverso le riflessioni sulle decorazioni alla Porte des rêves suggerite da Uzanne a Georges de Feure. L’A. mostra come Schwob rivaluti la parte di ornamento intorno ai testi, più ancora delle immagini fuori testo, in corrispondenza col gusto del tempo. È un punto di vista ribaltato quello di Évanghélia Stead (Ergon ou Parergon? Trois légendes d’or, d’argent et de cuivre par Jérôme Doucet et Georges Rochegrosse, pp. 223-238): Jacques Doucet compone le Trois légendes d’or d’argent et de cuivre in funzione delle illustrazioni di Rochegrosse. Il testo diventa un pretesto per un’opera d’arte editoriale.

4Anche il volume delle Éditions d’Otrante di Florian Balduc è di pregio, non solo per la qualità della carta che le contraddistingue, ma anche per una serie di preziose immagini a colori dei libri citati negli articoli.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Ida Merello, «Eloge du “parergon”. L’art décoratif du livre fin-de-siècle, dir. S. Lesiewicz et H. Védrine»Studi Francesi, 196 (LXVI | I) | 2022, 195-196.

Notizia bibliografica digitale

Ida Merello, «Eloge du “parergon”. L’art décoratif du livre fin-de-siècle, dir. S. Lesiewicz et H. Védrine»Studi Francesi [Online], 196 (LXVI | I) | 2022, online dal 01 avril 2022, consultato il 02 juillet 2022. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/48974; DOI: https://doi.org/10.4000/studifrancesi.48974

Torna su
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search