Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Novecento e XXI secolo

Céline Hersant, LAtelier de Valère Novarina. Recyclage et fabrique continue du texte

Stefano Genetti
p. 568-569
Notizia bibliografica:

Céline Hersant, L’Atelier de Valère Novarina. Recyclage et fabrique continue du texte, Paris, Classiques Garnier, 2015, «Études sur le théâtre et les arts de la scène» 2, 322 pp.

Testo integrale

1Sul telaio dell’Introduzione intitolata «De fil en aiguille» (pp. 7-38), l’Autrice, che attualmente dirige la théâtrothèque Gaston-Baty presso l’Université Sorbonne Nouvelle-Paris 3 e che qui rielabora una tesi diretta da Jean-Pierre Sarrazac, cui si deve la prima messa in scena dell’Atelier volant di Novarina (1974), traccia la storia dell’associazione tra scrittura e tessitura e ne intesse i fili. Ritiene infatti questa metafora lo strumento più adeguato per accostarsi all’opera poliedrica e debordante di Valère Novarina scrittore e metteur en scène dei suoi libri: un teatro programmaticamente utopico, che procede per vasti progetti, continuazioni, parcellizzazioni e riprese, dove voci, figure, lingue e generi si confrontano, si contaminano e si trasformano in un continuo montaggio di differenti e tuttavia interconnessi moduli drammaturgici e «plateaux textuels» (p. 20). Incentrato sulla scrittura più che sugli allestimenti, lo studio dei dispositivi intertestuali comporta, internamente all’opera di Novarina – e in questo la presente monografia apporta uno stimolante contributo metodologico –, una riflessione sull’autocitazione come indizio autoriflessivo dai risvolti paradossali e sulla rature, la cancellazione che, nel palinsesto testuale, rende visibile l’impronta della genesi delle forme, l’impronta del riciclaggio come condizione della creazione. In risposta all’incessante ri-composizione testuale praticata da Novarina, la studiosa elabora un atteggiamento di lettura duttile, rapsodico e reticolare, che alterna analisi minuziose e considerazioni di ampio respiro, ad esempio quando applica la categoria bachtiniana del carnevalesco e si sofferma sulla scena ricorrente del pasto. Oppure quando, forte delle analogie tra arti plastiche e scrittura teatrale che Novarina stesso sottolinea nel commentare Piero della Francesca (pp. 152-155), fa appello all’art brut e in particolare alla visione «plurifocale» (p. 113) evocata da Jean Dubuffet a proposito del recupero di scarti epurati da ogni scoria culturale, per rendere conto delle riscritture di La Chair de l’Homme (1997), coi suoi oltre tremila personaggi e gli inventari detti rosaces, come quella «des Philosophes», dove sono raccolte 786 definizioni di Dio, da sant’Agostino a John Lennon.

2Il titolo del volume mantiene la promessa: tra descrizioni dettagliate e riproduzioni in fac-simile di alcuni avantesti, penetriamo nell’atelier dell’artista, tra i tavoli sui quali vengono disposti materiali lavorati secondo processi di produzione cifrati e predeterminati, cui oulipianamente presiedono costrizioni sfruttate in quanto spinte a esplorare i limiti di una scrittura di matrice aforistica, giacché la formula breve si rivela cellula generatrice di ciò che l’autore definisce una «logodynamique» (p. 187). Mettendo a profitto fonti diverse, dalla tesi di Novarina su Antonin Artaud, théoricien du théâtre (1964) ai suoi testi teorici e carnets di lavoro – Le Drame dans la langue française, ad esempio, relativo alla creazione di La Lutte des morts, roman théâtral suddiviso in ventiquattro tappe – e fino agli scritti più recenti dove si fa meno criptata la componente autobiografica, Céline Hersant isola le logiche che presiedono all’opera: citazione, appropriazione e inserto; estrapolazione, ripetizione e variazione; adattamento – come in Falstafe – e ibridazione, alterazione e rovesciamento parodico, ad esempio di slogan e proverbi, in linea con la tradizione surrealista; collezione e proliferazione, assemblaggio e segmentazione, collage e découpage. Nel proporre una suddivisione dell’opera in periodi, dai monumentali cantieri della prima fase – L’Atelier volant è già l’ampliamento di un testo degli anni Sessanta – ai cicli che, dagli anni Novanta, si costituiscono in serie per aggregazione di testi autonomi – L’Opérette imaginaire, L’Origine rouge, Le Vrai sang –, l’A. individua una serie di motivi che, come cifre nel tappeto, garantiscono la coerenza di un’opera dove gli effetti di frammentazione e di circolazione si moltiplicano e si intersecano.

3Un cenno meritano infine le interessanti appendici che precedono la ricchissima Bibliografia e gli Indici dei nomi, delle opere e tematico. Vi figurano le preziose notices sui vari lavori di Novarina, commissionate dall’autore stesso a Céline Hersant e aggiornate al 2014, l’elenco delle opere esposte in occasione della mostra, curata dal drammaturgo, saggista e pittore presso il Centre Pompidou nel 2003 e intitolata La Parole opère l’espace, dove ritornano tra gli altri i nomi di Artaud e Dubuffet, nonché il diario dell’Autrice stessa in quanto assistente di Novarina tra il 2003 e il 2004, testimone privilegiata della “fabbricazione” di testi quali L’Équilibre de la croix e La Scène.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Stefano Genetti, « Céline Hersant, LAtelier de Valère Novarina. Recyclage et fabrique continue du texte », Studi Francesi, 180 (LX | III) | 2016, 568-569.

Notizia bibliografica digitale

Stefano Genetti, « Céline Hersant, LAtelier de Valère Novarina. Recyclage et fabrique continue du texte », Studi Francesi [Online], 180 (LX | III) | 2016, online dal 01 janvier 2017, consultato il 18 juin 2018. URL : http://journals.openedition.org/studifrancesi/5445

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals