Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Cinquecento

Guillaume Berhon, «Estre heritier du seul bien paternel». Sur la date de la mort de Jean Marot

Filippo Fassina
p. 394
Notizia bibliografica:

Guillaume Berhon, «Estre heritier du seul bien paternel». Sur la date de la mort de Jean Marot, «Bibliothèque d’Humanisme et Renaissance», LXXI, 2 (2009), pp. 301-307.

Testo integrale

1Generalmente si ritiene che Jean Marot sia morto verso la fine del 1526 e che al suo incarico di valet de Garde-Robe di Francesco I sia succeduto immediatamente il figlio Clément. Recentemente, tuttavia, Gérard Defaux e Thierry Mantovani, nella loro edizione delle opere di Marot (Œuvres poétiques complètes, Paris, Bordas, t. I, 1990, t. II, 1993) hanno tentato di dimostrare che la data di morte di Jean è da anticipare o al 1518 o al 1524. Grazie a una serie di informazioni contenute sia nelle opere letterarie di Jean e Clément, sia nei documenti contabili e notarili della corte di Francesco I, l’A. dimostra invece che, senza dubbio, nel 1518 e nel 1524 Jean Marot era ancora vivo e riceveva regolarmente il compenso per la sua carica. Viene confermata la tradizionale data di morte, che addirittura potrebbe essere posticipata all’inizio del 1527.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Filippo Fassina, « Guillaume Berhon, «Estre heritier du seul bien paternel». Sur la date de la mort de Jean Marot »Studi Francesi, 164 (LV | II) | 2011, 394.

Notizia bibliografica digitale

Filippo Fassina, « Guillaume Berhon, «Estre heritier du seul bien paternel». Sur la date de la mort de Jean Marot »Studi Francesi [Online], 164 (LV | II) | 2011, online dal 30 novembre 2015, consultato il 29 mai 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/5557

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals