Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Cinquecento

John Nassichuck, «Ceste Virginal». À propos d’une expression d’Étienne Jodelle

Filippo Fassina
p. 396
Notizia bibliografica:

John Nassichuck, «Ceste Virginal». À propos d’une expression d’Étienne Jodelle, «Bibliothèque d’Humanisme et Renaissance», LXXI, 1 (2009), pp. 89-99.

Testo integrale

1Con il presente studio, l’A. intende dimostrare che Jodelle è fortemente debitore, almeno dal punto di vista lessicale, nei confronti degli autori precedenti la Pléiade. A questo fine, viene portata come esempio l’espressione ceste virginal, presente nel IV sonetto delle Amours. La prima attestazione in Francia del termine ceste risale a Jean Lemaire de Belges e indica una sorta di cintura ornamentale della dea Venere, ma l’origine risale a Omero (Iliade, XIV, 214) ed è ripresa da Boccaccio (De Genealogia Deorum, III, xxii, 2). Tuttavia, è interessante notare il passaggio da una connotazione di seduzione, quale si rileva nelle fonti a una cristianizzazione del linguaggio che rende il ceste appunto virginal. Tale glissement de sens si trova già in quella che è, secondo l’autore, la fonte diretta di Jodelle: Maurice Scève, che nel suo Microcosme orna con questa cintura Eva stessa, per sottolineare, diversamente dalla tradizione, il pudore della progenitrice.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Filippo Fassina, « John Nassichuck, «Ceste Virginal». À propos d’une expression d’Étienne Jodelle »Studi Francesi, 164 (LV | II) | 2011, 396.

Notizia bibliografica digitale

Filippo Fassina, « John Nassichuck, «Ceste Virginal». À propos d’une expression d’Étienne Jodelle »Studi Francesi [Online], 164 (LV | II) | 2011, online dal 30 novembre 2015, consultato il 05 juin 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/5570

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals