Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Novecento e XXI secolo

Marcel Proust, Contre l’obscurité et autres articles

Davide Vago
p. 187
Notizia bibliografica:

Marcel Proust, Contre l’obscurité et autres articles, s.l., La Nerthe, 2012 («La petite classique»), pp. 60.

Testo integrale

1Il volume ripropone sei articoli che Marcel Proust pubblicò su alcune riviste («Le Figaro», «La Revue blanche» e «N.R.F.») in un arco di tempo molto ampio, che si estende dal 1896 al 1921. Si tratta di pagine ben note ai lettori di Proust, e già disponibili nei due volumi della «Pléiade», Contre Sainte-Beuve e Jean Santeuil, curati da P. Clarac et Y. Sandre.

2In questa edizione dal formato agevole si possono quindi rileggere molti di quei materiali che confluiranno in seguito nella Recherche proustiana, costituendone altrettanti temi-chiave: le considerazioni sulle conversazioni telefoniche e sulla lettura («Journées de lecture», pp. 1-8); lo sbocciare della sensualità nella descrizione dei biancospini del mese di maggio («Au seuil du printemps. Épines blanches, épines roses», pp. 9-15); la promessa di felicità contenuta in una giornata quasi primaverile nel cuore dell’inverno («Rayon de soleil sur le balcon», pp. 16-20); l’illusione contenuta nei nomi propri di città (l’âge des noms già manifesto di «Vacances de Pâques», pp. 21-28).

3I due testi successivi, più teorici, racchiudono la poetica di un Proust ancora giovane («Contre l’obscurité», pp. 29-35), nonché quella della piena maturità («À propos de Baudelaire», pp. 36-60). Nel primo, criticando la «double obscurité […], obscurité des idées et des images d’une part, obscurité grammaticale de l’autre» (p. 30), tipica dei poeti e prosatori della «jeune école» parnassiana e simbolista, Proust insiste sull’incomprensibilità di fondo di ogni opera d’arte, la quale si può esprimere soltanto per mezzo di una forma stilistica chiara e individuale, che rinnovi contemporaneamente lingua e contenuto.

4Nel secondo e fondamentale articolo, del 1921, Proust esprime il proprio giudizio sui versi di Hugo, di Vigny, di de Musset, di Leconte de Lisle e di Baudelaire, denunciando gli errori di Sainte-Beuve e creando sintesi sorprendenti quando definisce ugualmente classici, per esempio, Baudelaire e Racine («rien n’est si baudelairien que Phèdre», p. 45). Il classicismo di Baudelaire è, tra l’altro, particolarmente evidente nelle pièces condannate come «Femmes damnées». Questi due saggi dimostrano, ancora una volta, che critica letteraria e creazione sono per Proust aspetti di una stessa e medesima attività: la «vision du monde» che l’artista propone si traduce ogni volta in scelte sintattiche tanto innovatrici quanto necessarie.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Davide Vago, « Marcel Proust, Contre l’obscurité et autres articles », Studi Francesi, 175 (LIX | I) | 2015, 187.

Notizia bibliografica digitale

Davide Vago, « Marcel Proust, Contre l’obscurité et autres articles », Studi Francesi [Online], 175 (LIX | I) | 2015, online dal 01 avril 2015, consultato il 18 juin 2018. URL : http://journals.openedition.org/studifrancesi/578

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals