Navigazione – Mappa del sito
Discussioni e comunicazioni

«À coups de “mauvaises lectures”»: itinerari michelettiani e riscrittura in Arthur Rimbaud

Andrea Schellino
p. 87-107

Testo integrale

  • 1 M. Paulinich, Rimbaud e Michelet. Un’ipotesi di lettura, in AA. VV., Teosofia e religiosità romanti (...)
  • 2 Si vedano: De Baudelaire à Rimbaud: le chemin de la voyance, in M. Matucci, Les deux visages de Rim (...)

1Alcuni tra i maggiori critici di Rimbaud hanno da tempo segnalato la preponderante presenza nei testi del poeta di influenze michelettiane, che si affiancherebbero, per suggestione ed importanza, a quelle di Hugo e Baudelaire1; eppure, mentre soprattutto con quest’ultimo si è provveduto ad un convincente raffronto2, quasi inesplorato appare il campo di inferenze tra Rimbaud e Michelet.

  • 3 Nell’articolo Arthur Rimbaud, stampato su Lutèce. P. Verlaine, Œuvres en prose complètes, édition d (...)
  • 4 Ibidem, p. 966.
  • 5 E. Delahaye, Rimbaud. L’artiste et l’être moral, Paris, Messein, 1923, p. 45. La poesia è la XIX di (...)
  • 6 E. Delahaye, Rimbaud. L’artiste et l’être moral, op. cit., p. 45.

2I primi ad evocare il nome dello storico francese in questo contesto erano state due illustri fonti per la vita e l’opera di Rimbaud, Verlaine e Delahaye. Nel 18843 Verlaine aveva deplorato l’empietà michelettiana che soggiaceva a Les Premières Communions; undici anni dopo Pauvre Lelian, senza citare Michelet, se la prendeva con i «trop moisis historiens»4 che avevano ispirato a Rimbaud convincimenti tanto rivoluzionari da spingerlo a scrivere Le Forgeron. Fino a che punto questo modello rivestisse una funzione significante, lo mostra un ricordo di Delahaye, secondo cui nell’inverno del 1871-1872 Rimbaud si era prefisso di superare il Medioevo oscuro di Michelet, rischiarandolo, per l’amico di Charleville, tramite le «étoiles de sang» e le «cuirasses d’or» di un verso di una poesia della Sagesse5 verlainiana: «Il me parle d’un projet nouveau – qui le ramène aux poèmes en prose essayés l’année précédente, veut faire plus grand, plus vivant, plus pictural que Michelet, ce grand peintre de foules et d’actions collectives, a trouvé un titre: “L’histoire magnifique”, débute par une série qu’il appelle la “Photographie des temps passés”»6.

  • 7 E. Starkie, Jean-Arthur Rimbaud, ed. it. a c. di A. Comotti, Milano, Rizzoli, 1981, cfr. pp. 186-18 (...)
  • 8 J. Michelet, Introduction à l’Histoire Universelle, Paris, Librairie Hachette, 18342, p. 83.
  • 9 Dalla lettera di Rimbaud a Demeny del 15 maggio 1871. A. Rimbaud, Œuvres complètes, édition établi (...)
  • 10 R. Barthes, Michelet, Paris, Seuil, 1988, p. 21.

3Delahaye aggiunge che in questo progetto abortito sarebbe dovuto rientrare anche Beth-Saïda, ma qui ci importa sottolineare che Rimbaud considerava Michelet come un maestro di prosa per la sua potenza immaginifica ed evocatrice. Alcuni anni dopo, Enid Starkie, biografa di Rimbaud, propose di accostare l’interesse dell’ultimo Rimbaud per la prosa alla teoria michelettiana della sua superiorità sulla poesia7. In effetti Michelet considerava, molto vichianamente, la prosa un progresso della maturità del genere umano, giustificandone la valenza su basi estetiche ed ideologiche: «La prose est la dernière forme de la pensée, ce qu’il y a du plus éloigné de la vague et inactive rêverie, ce qu’il y a de plus près de l’action. Le passage du symbolisme muet à la poésie, de la poésie à la prose est un progrès vers l’égalité des lumières; c’est un nivellement intellectuel»8. Non siamo perciò molto distanti dall’insofferenza di Rimbaud per la versificazione tradizionale, che lo aveva già condotto a sperimentare forme inaudite e rivoluzionarie; abbandonata anche questa alchimia ai limiti del vers libre, Rimbaud aveva pensato che le «formes nouvelles» che richiedevano le sue «inventions d’inconnu»9 fossero quelle dei poemetti in prosa, che differissero però dagli antecedenti di Baudelaire ad Aloysius Bertrand. D’altro canto Michelet si ricollegava alle teorie degli Aufklärer franco-inglesi, per i quali la prosa è il linguaggio di una civilizzazione più evoluta; secondo Roland Barthes «pour Michelet, la prose est un signe de l’homogène, et c’est à ce titre qu’elle est valeur, fruit d’une grâce ou d’une conquête»10.

  • 11 Dalla lettera di Rimbaud a Demeny del 15 maggio 1871. A. Rimbaud, Œuvres complètes, 2009, op. cit., (...)
  • 12 Ibidem, p. 347.
  • 13 «Quel est celui de nous qui n’a pas, dans ses jours d’ambition, rêvé le miracle d’une prose poétiqu (...)
  • 14 Dalla lettera di Rimbaud a Demeny del 15 maggio 1871. A. Rimbaud, Œuvres complètes, 2009, op. cit., (...)
  • 15 J. Michelet, La Bible de l’Humanité, Paris, Chamerot, 18643, p. 252.
  • 16 Ibidem, p. 274.
  • 17 Dalla lettera di Rimbaud a Demeny del 15 maggio 1871. A. Rimbaud, Œuvres complètes, 2009, op. cit., (...)

4Nella celebre Lettre du Voyant Rimbaud reclama il rinnovamento della poesia contemporanea, ormai persa nelle secche dell’esprit francese; di contro si staglia il modello eterno della poesia greca, «Vie harmonieuse»: in Grecia «vers et lyres rythment l’Action»11. Accanto alle aspirazioni che Rimbaud affida all’avvenire, abbiamo anche questa: «La Poésie ne rythmera plus l’action; elle sera en avant»12. In un certo senso non è scorretto pensare che per Rimbaud questi postulati potessero essere recuperati dalla nuova prosa poetica, una volta constatati i limiti delle forme di versificazione tradizionali; è agevole osservare quindi che le parole di Rimbaud presuppongono più le istanze di Michelet che quelle di Baudelaire, maestro del poema in prosa13. Persino nei suoi intenti programmatici, Rimbaud rifugge qualsiasi incanto baudelairiano, attuando il parricidio che sans égard aveva lasciato subodorare nella Lettre du Voyant. Come scrive Rimbaud, il nuovo linguaggio non dovrà indulgere ad alcuna tentazione «Rollaque»14 o vaghezza printanière, ma mantenersi accanto all’Azione. Ne La Bible de l’Humanité Michelet ricordava che il poeta greco, il tragediografo, «ne remettait à personne le soin, l’effort, le danger de l’action. Lui-même jouait son héros»15; l’intima fusione tra ritmo ed azione, in tutte le sue molteplici implicazioni, è poco oltre invocata da Michelet: «Rien de plus rare que de trouver un rythme»16. Per Rimbaud non è tuttavia sufficiente restituire al presente la bella favola antica, ma occorre spingersi oltre, al punto che la poesia detterà il ritmo all’azione e la realtà seguirà fiduciosa le invenzioni del Voyant, cittadino del nuovo avvenire «matérialiste»17. Dall’intersezione tra il ruolo scopertamente sociale e politico del poeta, ed il suo ragionato afflato sregolatore, che sono due esigenze ricavate da una “lettura trasformatrice” di Michelet, si genera per Rimbaud il poeta-Voyant: l’entusiasmo filoneistico della Lettre du Voyant, oltre al mimetismo azione-ritmo, è perciò debitore di Michelet.

  • 18 È proprio nel segno di questa saturazione latente che occorre, per Leuilliot, studiare la “distribu (...)

5Questa premessa ci permette di accostarci al penetrante lavoro di digestione e trasformazione che Rimbaud ha attuato verso Michelet; questa presenza è tuttavia difficile da notare con precisione, poiché è dissimulata attraverso una costante operazione di riscrittura, all’interno di un contesto linguistico e tematico complessivo che necessariamente non è più quello di Michelet18. Per scendere invece alla questione peculiare, i prelievi michelettiani agiscono evidentemente su Rimbaud a livello volontario (come rielaborazioni penetranti nel testo) e involontario (non solo ideologico, ma ritmico e stilistico). Come vedremo, le memorie ed i prelievi michelettiani operano in profondità su Rimbaud, sia sul piano programmatico, sia su quello letterario: il serbatoio linguistico e tematico dello storico francese fu una miniera per il giovane Rimbaud.

  • 19 Si intende dire che la donna, a causa del suo ritmo sanguigno circolare e della sua comunanza con l (...)
  • 20 Ella è un «être relatif», anche se, va aggiunto, neppure l’uomo per Michelet può prescindere dall’u (...)
  • 21 È altresì vero che il modello di struttura comunitaria tratteggiato da Michelet è matriarcale, come (...)

6Un primo elemento di riflessione è quello della donna e del suo ruolo sociale. È risaputo che la figura femminile riveste nell’opera di Michelet una funzione fondamentale ed anche che egli si adoperò a riscattarla dalla sua condizione subalterna; uno dei compiti che lo storico engagé rivendicava era quello dell’affrancamento morale tramite l’amore. La donna per Michelet è stata asservita per la sua costitutiva debolezza19 ed è necessario pertanto che si riequilibri la situazione riconoscendone la libertà e persino la superiorità sull’uomo. La donna michelettiana ha mantenuto il contatto originario con la natura, e dunque le spetta mediare tra essa e l’uomo, il quale ha smarrito l’antica unità. Michelet prevede che in un avvenire prossimo la donna sarà un’autentica religione e l’angelo di pace della società; la donna ha valore in relazione all’uomo ed alle sue esigenze20, e la sua funzione si sprigiona all’interno del ménage familiare, e solo di riflesso nella società21. L’emancipazione della donna avviene pertanto in Michelet all’interno della struttura tradizionale della società borghese, ossia la famiglia monogamica; si tratterà semmai di sottrarla all’influenza perniciosa esercitata dalla Chiesa cattolica che, in continuità con il Medioevo, ha creduto di poterne controllare l’educazione. Rimbaud, suo attento lettore, non fu insensibile a questa prefigurazione ed incluse l’emancipazione della donna nel progetto di riscatto del Voyant:

  • 22 Dalla lettera di Rimbaud a Demeny del 15 maggio 1871. A. Rimbaud, Œuvres complètes, 2009, op. cit., (...)

Quand sera brisé l’infini servage de la femme, quand elle vivra pour elle et par elle, l’homme, – jusqu’ici abominable –, lui ayant donné son renvoi, elle sera poète, elle aussi! La femme trouvera de l’inconnu! Ses mondes d’idées différeront-ils des nôtres? – Elle trouvera des choses étranges, insondables, repoussantes, délicieuses; nous les prendrons, nous les comprendrons22.

  • 23 J. Michelet, La Sorcière, préface de Roland Barthes, Paris, Le club français du livre, 1959, p. XXI (...)
  • 24 Si veda: A. M. Paliyenko, Re-reading la femme poète: Rimbaud and Louisa Siefert, in «Nineteenth-cen (...)
  • 25 Rimbaud conosceva ed apprezzava anche Marceline Desbordes-Valmore; nel verso del manoscritto della (...)

7Queste frasi sono state interpretate talvolta come una prova dell’arditezza di Rimbaud di prefigurare una sorta di protofemminismo o pensiero della differenza, in quanto il riscatto della donna avviene in virtù di un totale abbandono dei modelli accettati di interazione uomo-donna; in aggiunta Rimbaud non si sbilancia neppure a prevedere quali saranno i «mondes d’idées» e i contributi misteriosi tratti dall’Ignoto e dati all’umanità, ma non ne sconfessa affatto la dignità e la meraviglia. Abbiamo poc’anzi visto che in Michelet al contrario il riscatto dell’asservimento della donna non sembra filtrare da un riconoscimento radicale della sua autonomia. Tuttavia proprio Michelet fornì a Rimbaud un modello femminile in grado di produrre da sé deliri e creazioni degni del Voyant; la sorcière, parto storico della sempiterna unione tra donna e natura, assolve a questa funzione. Un passo al principio de La Sorcière fu indubbiamente lo spunto di Rimbaud: «La femme s’ingénie, imagine; elle enfante des songes et des dieux. Elle est voyante à certains jours; elle a l’aide infinie du désir et du rêve»23. Ugualmente la fiducia nelle possibilità inespresse della donna era un grande topos della letteratura illuminista e non solo, in Francia. Sulla scia di Enfantin, molti autori socialmente impegnati avevano propagato le aspettative del femminismo idealista; Rimbaud d’altra parte ammirava la poetessa Louisa Siefert24, cui si possono affiancare Claire Demar, Flora Tristan, Pauline Roland, Jeanne Deroin e naturalmente la più blasée George Sand25. D’altronde la donna-Voyante non fu la sola creatura femminile cui si interessò Rimbaud. Anche in Vierge folle, tra gli incubi di Une Saison en Enfer, il diabolico Sposo infernale tiene a manifestare la sua opinione sulle donne e sull’amore:

  • 26 A. Rimbaud, Œuvres complètes, 2009, op. cit., p. 260.

Il dit: «Je n’aime pas les femmes. L’amour est à réinventer, on le sait. Elles ne peuvent plus que vouloir une position assurée. La position gagnée, cœur et beauté sont mis de côté: il ne reste que froid dédain, l’aliment du mariage, aujourd’hui. Ou bien je vois des femmes, avec les signes du bonheur, dont, moi, j’aurais pu faire de bonnes camarades, dévorées tout d’abord par des brutes sensibles comme des bûchers…»26

8Michelet avrebbe difficilmente sottoscritto lo scetticismo sarcastico che grava sulle prime affermazioni, ma l’ultima frase di questo stralcio, se si considera che a pronunciarla è un alter ego satanico che deplora i bruti divoratori di donne (ed i «bûchers», fuor di metafora, echeggiano distintamente i numerosi roghi descritti in La Sorcière), è un richiamo implicito all’idea del patto diabolico che alcune donne stipularono per Michelet con il Principe della Natura.

  • 27 Rispettivamente in Les Chercheuses de poux, Les Mains de Jeanne-Marie, Les reparties de Nina, Ouvri (...)
  • 28 J. Michelet, L’Amour, op. cit., p. 381 (“Notes et éclaircissements”).
  • 29 Ibidem, p. 201.

9Nei testi rimbaldiani troviamo poi una ricca campionatura di figure femminili: dalle cercatrici di pidocchi alla rivoluzionaria Jeanne-Marie, dalla sciocca Nina a Henrika o Léonie Aubois d’Ashby27 delle Illuminations, e diverse tra loro sono debitrici di Michelet. In linea di massima anche per lo storico francese l’uomo deve infine spezzare «l’infini servage de la femme» e ciò avverrà grazie al potere riscattatore dell’amore: «par un effort de cœur, elle sortît de l’état passif qui presque toujours fut le sien, prît action et mouvement, se fît lui, non plus par la sourde fatalité d’imprégnation, mais par la volonté, l’amour»28. In realtà il ruolo della donna è sempre stato demiurgico, sebbene l’uomo lo abbia volontariamente disconosciuto; l’ambito della fecondità, che si intreccia per Michelet con quello della creazione, è interamente demandato alla donna: «elle a dû concentrer tout l’effort de ses meilleures années sur un art supérieur, celui de créer l’homme, de commencer en vous tous ces développements de l’esprit, ces facultés puissantes, qui vous donnent tant d’orgueil»29.

  • 30 R. Barthes, Michelet, op. cit., p. 120.
  • 31 J. Michelet, L’Amour, op. cit., cfr. p. 129.
  • 32 L’aspirazione ideale ad esser «un enfant, paradisiaquement un enfant» a fianco di una donna consola (...)
  • 33 Ibidem, p. 249.
  • 34 J. Michelet, La Femme, Paris, Calmann Lévy, 1894, p. 423.
  • 35 Lettera di Rimbaud alla famiglia del 30-12-1884. A. Rimbaud, Œuvres complètes, 2009, op. cit., p. 5 (...)
  • 36 Lettera di Rimbaud alla famiglia del 6-5-1883. A. Rimbaud, Œuvres complètes, 2009, op. cit., p. 527 (...)

10In tutti e due il tema sororale, quando è questione della donna ideale, è preponderante. A Michelet innanzi tutto, che privilegia la virtù distensiva e consolatrice del femmineo, importa «la femme-sœur, femme par les mouvements réguliers de son sang, et sœur par son pouvoir de confier “tels secrets de nature”»30. Il conforto assicurato dalle cure femminili si sprigiona massimamente nel contesto del foyer31. Anche Rimbaud aveva sognato una donna che potesse costituire il ristoro alle sue sofferenze esistenziali32, come avveniva già in Les Sœurs de Charité; questo miraggio di un conforto femminile non viene meno neppure nei momenti più drammatici della sua attività letteraria: nel diorama folgorante di Mauvais Sang, il locutore sulla spiaggia armoricana si illude di poter abbandonare l’Europa per poi tornare mutato in un brutale conquistatore, «d’une race forte». In questa illusione salvifica, la donna curerà l’infermità – più che fisica, affettiva – dell’uomo: «Les femmes soignent ces féroces infirmes retour des pays chauds»33. Per Michelet la donna è costituzionalmente in grado di consolare e curare l’uomo, poiché «la femme est le vrai médecin»34. In ogni caso Rimbaud, a differenza di Michelet, non ha alcuna visione idilliaca del matrimonio e non ritiene affatto che il rinnovamento della società passi da lì, come voleva lo storico parigino. Solo quando l’ispirazione letteraria fu spenta definitivamente, Rimbaud recuperò il desiderio di una vita coniugale che per molti versi non si discosta da quella descritta da Michelet: cercare tra le «femmes pauvres et honnêtes»35una compagna, «reposer dans un endroit qui me plaise à peu près et trouver une famille»36.

  • 37 M. Paulinich, Rimbaud e Michelet. Un’ipotesi di lettura, art. cit., cfr. p. 268.
  • 38 J. Michelet, Les Femmes de la Révolution, éd. de P. Labracherie et J. Dumont, Paris, Librairie Hach (...)
  • 39 J. Michelet, Histoire de la Révolution, préface de C. Mettra, Paris, Rencontres, 1967, passim.
  • 40 A. Rimbaud, Œuvres complètes, 2009, op. cit., p. 188. Si veda: Y. Reboul, Jeanne Marie la sorcière (...)

11La figura femminile eticamente più vicina alle eroine di Michelet è la protagonista di Les Mains de Jeanne-Marie, prototipo della comunarda che partecipa attivamente al grande rivolgimento sociale. Questa orgogliosa rivoluzionaria è l’opposto dell’esangue ed asettica femmina parnassiana, che anche Michelet avrebbe deplorato. In lei sembrano raccogliersi, come ha notato Marina Paulinich37, le scarmigliate popolane di Michelet che si aggirarono per le strade della Parigi del 6 ottobre 1789, per gridare il loro diritto alla dignità umana e capovolgere l’ordine oppressivo. Jeanne-Marie appartiene indubbiamente all’orda selvaggia de Les Femmes de la Révolution38 (nonché alle rivoluzionarie dell’Histoire de la Révolution39), che sopravanza in coraggio e furore i compagni maschi. La ribelle di Rimbaud accoglie però anche tratti della sorcière, poiché le sue mani «décanteuses de poisons» conoscono «le sang noir des belladones»40.

  • 41 Jeanne d’Arc e Lutero in particolare sono gli archetipi, rispettivamente, del modello prometeico e (...)
  • 42 L’artista ed il Popolo condividono per Michelet la forza che una costante martirizzazione garantisc (...)
  • 43 J. Michelet, La Sorcière, op. cit., cfr. pp. 234-240.
  • 44 Introduzione di Roland Barthes a J. Michelet, La Sorcière, op. cit., cfr. p. XIX.
  • 45 Dalla lettera di Rimbaud a Demeny del 15 maggio 1871. A. Rimbaud, Œuvres complètes, 2009, op. cit., (...)
  • 46 Introduzione di Roland Barthes a J. Michelet, La Sorcière, op. cit., cfr. p. XIX.
  • 47 Non posso purtroppo soffermarmi sui singoli brani e ne affido dunque l’analisi al lettore, indicand (...)

12La figura affascinate della sorcière michelettiana non si limita a fornire a Rimbaud una variante femminile, ma investe e modifica i contorni del Poète-Voyant della lettera del 15 maggio 1871 a Demeny; accanto infatti alla penetrante mistica dell’eroismo che Michelet affida ai protagonisti dell’Histoire de France41 – e a quel grande personaggio collettivo che è il Popolo42 –, Rimbaud poté rinvenire nella sorcière, soprattutto nei primi secoli del Medioevo, la rivolta alle istituzioni sociali e religiose, l’eresia e l’aspirazione ad una liberté slegata da ogni freno inibitorio; pur avendo una funzione storicamente determinata e limitata (dal xvii secolo la strega cessa semplicemente di esistere, poiché Satana – la natura –, grazie alla scienza moderna, ha trionfato)43, la sorcière assurge a concreto modello prometeico e vagamente magico per Rimbaud: come ha notato Roland Barthes, ella è «peut-être la figure mythique de l’intellectuel, de celui qu’on a appelé le traître»44. In un certo senso quindi l’aspirazione del Voyant rimbaldiano, perché assimilabile in parte al “delirio storico” della sorcière, è d’avance destinata allo scacco, all’amara resipiscenza di Alchimie du Verbe. Distaccato osservatore del mondo per volontà e necessità, ma dolorosamente disprezzato da esso, il poeta, come la strega, riconosce lucidamente l’alienazione della società in cui vive; tuttavia, abbagliato da un’ardente speranza, aspira a dirigere e riformare la praxis attraverso l’utopia di un «langage universel»45, finalmente scevro da ogni contingenza e incomprensione. Dietro questa figura riconosciamo l’ombra e la tentazione della sorcière, che non allevia le sventure umane se non «à travers un rite et au prix d’une illusion»46. Non mi sembra quindi casuale che la sorcière ricorra testualmente nei passaggi più allucinati ed ossessivi di Rimbaud, nonché nelle frequenti sconfessioni; le concordanze verbali indicano una coerente frequenza del termine nelle ultime poesie e in Une Saison en Enfer: il lessico di Rimbaud, per così dire, si fa ensorcelé, e il tema michelettiano assume una valenza diegetica, seppur sfumata47.

«Siècle à mains»

  • 48 M. Paulinich, Rimbaud e Michelet. Un’ipotesi di lettura, art. cit., cfr. p. 268.
  • 49 J. Michelet, L’Amour, op. cit., pp. 37-38.
  • 50 Citato da P. Viallaneix in P. Viallaneix, La «Voie royale», essai sur l’idée de peuple dans l’œuvre (...)

13Una fondamentale differenza ideologica tra Michelet e Rimbaud si profila dietro tutto lo sforzo liberatore e progressista delle loro opere: dall’emancipazione della donna e degli animali al riscatto dell’intera umanità, verso l’armonia perduta. Il piano di Michelet, sebbene lo storico debba contribuire a ridare dignità ai dimenticati della storia, è tipicamente universalistico; il suo soggetto di riferimento è il Popolo, entità assoluta in grado di coagulare le proprie forze nel momento cruciale della Rivoluzione. Anche il ruolo di mediazione naturale della donna, da cui per Michelet nascerà un avvenire governato dall’amore, non potrà aver luogo senza che prima l’uomo si prefigga di mutare la società e rinnovare e educare la donna nel matrimonio. Nei testi dello storico francese dunque si nota una costante fede nel popolo e nella storia, proprio in virtù delle possibilità dell’«homo faber»48: «Nous ne voulons pas une Pandore toute faite, mais une à faire»49. La continuità storica può essere interrotta da periodi di ripiegamento, come il Medioevo, senza che sia possibile bloccare il cammino dell’umanità verso l’anno zero, ossia la rivoluzione del 1789. Da lì almeno fino alla repressione della Commune, cui Michelet poté tristemente assistere, la storia (o post-histoire) si doveva stagliare nelle sue speranze come un «Juillet éternel»50; la missione medesima dello storico è al servizio del lento ma inesorabile moto ascensionale del Popolo verso la libertà.

  • 51 M. Paulinich, Rimbaud e Michelet. Un’ipotesi di lettura, art. cit., p. 268.
  • 52 Sebbene si tratti pur sempre di personaggi-archetipi, che spesso ricompongono idealmente l’inespres (...)
  • 53 A questo proposito, per un testo filorivoluzionario come Le Forgeron sono state proposte nel corso (...)

14A parte le illusioni covate nelle poesie sulla Comune, Rimbaud si pone su un piano diverso da quello michelettiano, quando aspira ad un rinnovamento dell’umanità; la liberazione collettiva si sprigiona a partire dal suo nucleo esistenziale e personale, «proiettato com’egli è a risolvere oltre la sfera dell’umano le sue lacerazioni interiori»51. Il felice equilibrio tra aspirazioni individuali e riscatto universale ha luogo soltanto nel momento della voyance, o almeno nella fede in essa; esaurito lo slancio di questa impossibile promessa, il fallimento investirà entrambi gli ambiti. Il grande soggetto emancipatore di Rimbaud non è quindi il popolo, ma il Voyant, il poeta che tenta ed indaga la sua anima, cogliendo l’Ignoto, interdetto alla comune umanità. Questa distinzione tra Michelet e Rimbaud naturalmente può essere soltanto approssimativa, ma utile per rendere l’idea di un tono e di uno sfondo tendenzialmente diversi, per quanto il fine, quello della liberazione dell’umanità, sia simile; ecco quindi che al contempo Michelet ha una visione complessivamente umanista della storia, e pertanto crede che i singoli individui possano agire in essa trasformandola (gli eroi dell’Histoire de France)52; Rimbaud, da parte sua, per un certo periodo pensò che una violenta azione popolare, di massa, avrebbe potuto rovesciare definitivamente lo status quo borghese53.

  • 54 Ibidem, p. 857.
  • 55 J. Michelet, Histoire de France, Paris, Librairie Hachette, 18352, t. 1., pp. 128-129.
  • 56 Ibidem, p. 2.

15Anche la questione del complesso trapasso di temi michelettiani in Mauvais Sang, a proposito dei motivi della “razza inferiore” e del “barbaro” non è esente da contraddizioni54. Nell’Histoire de France Michelet aveva rifiutato il determinismo ereditario proposto da Augustin Thierry, secondo cui ogni popolo è composto da diverse razze, incapaci di fondersi completamente; per Thierry i popoli moderni ereditano meccanicamente le peculiarità dei gruppi razziali, al massimo palliando il retaggio intestino degli inevitabili conflitti razziali: la categoria di “popolo” non ha alcuna preminenza, poiché è solo un mélange di razze che conservano le caratteristiche ancestrali. Per Michelet invece studiare la storia dei Celti, dei Latini e dei Germanici non permette di per sé di comprendere il genius francese: esso mantiene un’irriducibile libertà storica, che non lo fa essere un semplice complesso razziale. La Francia è un organismo dallo sviluppo insondabile ed imprevisto, perché nella storia vige un principio di libertà che va salvaguardato; il popolo è idealmente una fusione compiuta di razze. Indubbiamente per Michelet, quindi, i Galli originari poco hanno a che fare con il popolo francese moderno, frutto di un complesso lavoro storico di affinamento e formazione: «les Français ne sont plus les Gaulois; on chercherait en vain, parmi nous, ces grands corps blancs et mous, ces géants enfants qui s’amusèrent à brûler Rome»55. Fondamentalmente, questo popolo audace e bellicoso, era «la plus sympathique et la plus perfectible des races humaines»56, dunque la matrice esemplare. Il contributo essenziale alla formazione del popolo francese fu dato per Michelet dalla religione cristiana, che penetrò con successo tra le popolazioni barbariche e si fuse perfettamente con le credenze autoctone.

  • 57 A. Rimbaud, Œuvres complètes, 2009, op. cit., p. 251.
  • 58 Ibidem, p. 253. Non diversamente è possibile accostare l’aspirazione conciliatoria del Quinet di Le (...)

16Rimbaud certamente lesse con interesse queste pagine e se ne ricordò durante la scrittura di Mauvais Sang, che mostra una rilevante ispirazione michelettiana. Sebbene tuttavia questo o quel particolare, nonché l’ispirazione complessiva dei testi, dimostrino un’attenta lettura dei capitoli dedicati ai Gaulois, il senso complessivo rovescia puntualmente le tesi di Michelet. Rimbaud infatti denuncia con violenza l’irriducibilità del suo Mauvais Sang gallico – la sua barbarie antisociale – al côté civilizzato ed imposto della Francia, che si raccoglie attorno alla nozione di cristianesimo. L’Esprit cattolico non si è mai conciliato per Rimbaud con il sostrato pagano, e questa lacerazione plurisecolare si proietta e rappresenta sulla pelle del protagonista di Mauvais Sang, che ne rivive drammaticamente il conflitto attraverso figure tipiche: il pagano, il proscritto, il negro… Per Rimbaud l’elemento gallico, lungi dall’essersi fuso in un popolo unitario durante il corso storico, permane riconoscibile come «race inférieure»; essa è oziosa ed idolatrica, incapace di integrarsi nella comunità, e soprattutto refrattaria allo spirito moderno e positivista, della scienza e del progresso. In Mauvais Sang scienza, modernità e cattolicesimo sono dalla stessa parte («l’amour divin seul octroie les clefs de la science»57), coalizzate nella repressione degli elementi spuri al loro ideale di civilizzazione. Come si nota, le differenze tra Rimbaud e Michelet, pur nell’orizzonte di problemi simili, sono sostanziali; laddove Michelet concilia, mostrando il popolo come un’unità compiuta, Rimbaud spacca e demistifica tragicamente la società coeva, seppure a partire dalla radicale estraneità personale a qualsiasi soluzione conciliatoria; e anche la chiusa di Mauvais Sang, è meno una sardonica rassegnazione, che la denuncia dei meschini accomodamenti altrui: «Je m’y habituerai. Ce serait la vie française, le sentier de l’honneur!»58.

  • 59 R. étiemble, Le mythe de Rimbaud. Structure du mythe, Paris, Gallimard, 1952, cfr. pp. 72-80.
  • 60 E. Starkie, Jean-Arthur Rimbaud, op. cit., cfr. pp. 116-117. André Guyaux, nelle note a Le Bateau I (...)
  • 61 Il capitolo II del secondo libro di La Mer è intitolato “La Mer de Lait”, poiché per Michelet l’ele (...)
  • 62 A. Rimbaud, Œuvres complètes, 2009, op. cit., p. 162.
  • 63 J. Michelet, La Mer, op. cit., p. 40. La disquisizione sulle correnti marine del capitolo “Fleuves (...)
  • 64 J. Michelet, La Mer, op. cit., p. 171.
  • 65 Ibidem, pp. 173-174.
  • 66 A. Rimbaud, Œuvres complètes, 2009, op. cit., p. 163.

17Un capitolo a parte merita la presenza di immagini, tecniche stilistiche e suggestioni michelettiane in alcune poesie di Rimbaud e nelle Illuminations; un caso eclatante è quello di Le Bateau Ivre; la poesia dell’estate del 1871 è densa di riferimenti estrinseci di vario tipo. étiemble la considerava ingenerosamente un pastiche dalla struttura approssimativa, composto per compiacere Verlaine ed i parnassiani59; sicuramente la loro influenza fu preponderante, e Rimbaud non si sforzò neppure di dissimularlo. Enid Starkie cita come probabili fonti di Le Bateau Ivre libri diffusi tra i ragazzi alla fine del Secondo Impero, tra cui La Vie des Océans di Figuier, Vingt mille lieues sous les mers di J. Verne e La Mer di Michelet, oltre a Hugo, Poe e Baudelaire60. Il libro di Michelet è infatti un susseguirsi di immagini rutilanti e di descrizioni immaginifiche del mare e dei suoi abitanti; le sue acque sono un crogiuolo fecondo che acquista un aspetto lattescente61 (in Rimbaud il Bateau si bagna «dans le Poème/ De la Mer, infusé d’astres, et lactescent»62), popolato da una vivida flora cangiante. Le sensazioni cromatiche, come spesso avviene in Michelet, emergono a stretto contatto, senza tema di choccare il lettore: «un grand torrent bleu qui court sur les eaux vertes, très-bleu, d’un indigo si sombre, que les Japonais appellent le leur: le fleuve noir»63; le meduse, penetrate di fosforo elettrico, hanno un ruolo a parte nella «grande féerie d’illumination que la mer déploie aux nuits orageuses»64: «leurs cheveux lumineux, comme une sombre lampe qui veille, lancent des lueurs mystérieuses d’émeraude et d’autres couleurs qui, jaillissant ou pâlissant, révèlent un sentiment, et je ne sais quel mystère»65. In Rimbaud queste esplosioni coloristiche e luminose, che sfruttano un lessico palesemente michelettiano, incorniciano le strofe; abbiamo perciò «les azurs verts» e le «bleuités» dei flutti, ma anche «l’éveil jaune et bleu des phosphores chanteurs» (i nottiluchi marini) e il sole «taché d’horreurs mystiques,/ Illuminant de longs figements violets»66.

18Le terre polari, estremi disabitati dove la natura e le sue leggi subiscono inaudite metamorfosi, esercitano un fascino particolare su Michelet; la luce solare vi acquista inedite configurazioni:

  • 67 J. Michelet, La Mer, op. cit., pp. 229, 306. Anche in La Montagne vi sono alcune descrizioni dei po (...)

«ce jeu d’étincelles, et cet infini d’éclairs pâles, qui, jusque sous la nuit du pôle, fait sa sinistre féerie», «Cette masse de pics, de chaînes, de précipices, qui porte à quatre mille cinq cents pieds son front de cristaux est comme une apparition dans la sombre mer. Ses glaciers, sur les neiges mates, se détachent en vives lueurs, vertes, bleues, pourpres, en étincelles, en pierreries, qui lui font un éblouissant diadème»67.

  • 68 A. Rimbaud, Œuvres complètes, 2009, op. cit., p. 163.
  • 69 Ibidem, p. 209.
  • 70 “Métropolitain”, Rimbaud et Michelet in B. Claisse, Rimbaud ou “le dégagement rêvé”. Essai sur l’id (...)
  • 71 A. Rimbaud, Œuvres complètes, 2009, op. cit., p. 309.
  • 72 Ibidem, p. 309.
  • 73 “Métropolitain”, Rimbaud et Michelet in B. Claisse, Rimbaud ou “le dégagement rêvé”. Essai sur l’id (...)
  • 74 A questo proposito Claisse riporta le scene michelettiane del corteggiamento e dell’unione delle ba (...)
  • 75 Marine entre Hugo et Michelet in B. Claisse, Rimbaud ou “le dégagement rêvé”. Essai sur l’idéologie (...)

19Anche in Le Bateau Ivre il ghiaccio ed i poli sono immediatamente associati alle scintille di luce che li trasfigurano, o comunque a sensazioni cromatiche intense: «J’ai rêvé la nuit verte aux neiges éblouies», «Glaciers, soleils d’argent, flots nacreux, cieux de braises!»68. La vera e propria ebbrezza cromatica michelettiana colpì a tal punto Rimbaud, che egli se ne risovvenne almeno in due punti delle Illuminations. Il primo è relativamente impersonale, ed è in Après le Déluge, dove lo Splendide-Hôtel è costruito nel «chaos de glaces et de nuit du pôle»69. Il secondo brano è più interessante, poiché costituisce uno di quei deliri policromatici di cui si diceva, nell’ambito peraltro di una fantasmagoria “metropolitana”. Per Claisse70 Métropolitain suggerisce inizialmente l’idea di un’urbanizzazione mostruosa, di una città sterminata (Londra) che ingloba le coste e la campagna, trasformandoli in «boulevards de cristal»71; in questo deserto di bitume, la vita umana si riduce ad un livello larvale. L’ultimo paragrafo di Métropolitain invece sembra costituire la descrizione di una riserva sottratta all’alienazione cittadina, che conserva intatta l’energia vitale, il dinamismo vivificatore – «ta force» – (forse anche erotica, stando al termine maiuscolo «Elle»). In questo contesto opera la memoria di Michelet; Rimbaud infatti sfrutta la tavolozza di colori michelettiana che, come abbiamo visto, predilige i colori puri e brillanti, senza nuances, nonché il dinamismo rinnovatore dei poli («les glaces, […] et les parfums pourpres du soleil des pôles, – ta force»72), per dare al lettore l’impressione di un luogo «préservé de la violence originelle»73, un possibile terreno di «vraie vie» dove l’amore assume la forma del furioso abbraccio74. L’altra Illumination che per Claisse riceve una spiegazione tempestiva dal raffronto con La Mer è Marine, in cui tutto concorre a confondere terra e mare, e lo sfondo ideologico è l’auspicio di un’umanità riappacificata con la natura75.

  • 76 J. Michelet, L’Amour, op. cit., p. 332.
  • 77 Da Enfance IV. A. Rimbaud, Œuvres complètes, 2009, op. cit., p. 291.
  • 78 Da Villes [I]. Ibidem, p. 302.
  • 79 Da Les Ponts. Ibidem, p. 300.
  • 80 J. Michelet, La Femme, op. cit., pp. 78-79.

20Vi sono poi casi di brani in Michelet percorsi da una feconda vena lirica, che Rimbaud sfruttò a varie riprese, senza che sia quindi possibile individuare un riferimento esclusivo nei suoi testi. Così in L’Amour è scritto che i fiumi delle Alpi, il Rodano e la Reuss «en traversant les beaux lacs qui les retiennent un moment, n’y arrêtent pas leur cours. Ils y prennent un essor immense. En sortant, tout leur est possible. Transfigurés d’un vif azur, ils vont emportant le reflet de ces paysages sublimes et du ciel miré dans leurs eaux»76; la maestria nell’utilizzo della paletta di luci e colori accomuna questo testo a varie Illuminations. Rimbaud predilige i materiali e le pietre che esprimono senza mediazione impressioni di lucentezza e purezza, e nelle Illuminations abbiamo una ricca campionatura: acier, or, argent, émeraude, agate… Nondimeno abbondano le particelle dove si esprime la luminosità solare: «mélancolique lessive d’or du couchant»77, «des vêtements et des oriflammes éclatants comme la lumière des cimes»78, «un rayon blanc, tombant du haut du ciel, anéantit cette comédie»79… In Michelet quasi ogni rilassamento lirico nasconde un attimo di particolare luminosità o brillantezza, che rivela macchie di colore diverse dalla normalità; in La Femme è descritta la scena mattinale del Panthéon inondato di luce: «Entre les colonnes légères du charmant temple ionique, […] l’azur circulait, mais rosé d’une inexprimable lueur. Je fus saisi, ravi, atteint, et plus que je ne l’ai été de très-grands événements. Ils ont passé; cette lueur me reste et m’illumine encore»80.

21In altri casi invece la dislocazione e la riscrittura di Rimbaud non occultano interamente il riferimento, e perciò è possibile isolare con precisione il brano michelettiano. In un capitolo di carattere eminentemente storico (lo storico vi descrive il quietismo secentesco) di Le Prêtre, la Femme et la Famille, Michelet si sofferma su Les Torrents di Mme Guyon. In esso la mistica francese racconta che i torrenti, i ruscelli e i fiumi delle Alpi corrono verso il mare come l’anima a Dio, per effetto di una “inclinazione spirituale”. Michelet narra di essere stato colpito dalla dottrina della morte mistica, in grado di restituire infine l’anima alla vita in Dio. Per lo storico la speranza di un’esistenza personale dopo la morte è un’illusione, non è conforme a natura; l’unica continuità possibile è quella tra personalità diverse, e costantemente perfettibili. Michelet confessa di aver compreso la verità dell’estinzione della vita individuale prima della lettura di Les Torrents, durante un’apra ascesa del San Gottardo, seguendo a ritroso la Reuss che discende impetuosa dalla montagna. Questo fiume, all’altezza del Pont-du-Diable, piomba nell’abisso, trasformandosi per un momento in una tempesta tra cielo e terra; procedendo la salita il terribile fragore si placa, fino al completo esaurimento di ogni rumore e segno di vita. In questa sospensione anche il sole sembra spegnersi, prefigurando la fine del mondo naturale e dell’individuo:

  • 81 J. Michelet, Le Prêtre, la Femme et la Famille, op. cit., p. 120.

Montez plus haut, montez encore. Vous traversez une caverne, vous passez un roc creusé. Et voilà que le bruit cesse; c’en est fait de ce grand combat. Il y a paix, il y a silence… Et la vie? recommence-t-elle? Après cette lutte de mort, trouvez-vous la renaissance?... Pâle est la prairie, plus de fleurs, l’herbe est rare et pauvre. Rien d’animé qui remue, pas un oiseau au ciel, pas un insecte à terre. Vous revoyez le soleil, il est vrai, mais sans rayon, sans chaleur81.

  • 82 M. Paulinich, Rimbaud e Michelet. Un’ipotesi di lettura, art. cit., cfr. p. 272.
  • 83 Da Enfance IV. A. Rimbaud, Œuvres complètes, 2009, op. cit., p. 292.
  • 84 Rispettivamente da Jaques Rivière e da René étiemble. Dal Rimbaud del 1914 in J. Rivière, Rimbaud. (...)
  • 85 Che una coriacea tradizione ecdotica aveva compromesso: Ruchon scrisse di una «poésie “sans fil”». (...)
  • 86 A. Rimbaud, Œuvres complètes, 2009, op. cit., pp. 290-292.

22Enfance nelle Illuminations è una suite dove agisce indiscutibilmente una sottile operazione sincretistica di alcuni testi di Michelet82. L’ultimo paragrafo della quarta sezione in cui è diviso, condensa e distilla le immagini e le sensazioni stranianti del brano di Le Prêtre, la Femme et la Famille: «Les sentiers sont âpres. Les monticules se couvrent de genêts. L’air est immobile. Que les oiseaux et les sources sont loin! Ce ne peut être que la fin du monde, en avançant»83. Al frammento erano già stati attribuiti una significazione metafisica e, al polo opposto, un senso tout court letterale, circoscrivendo il testo alla sua afasia inespressiva84. L’accostamento al testo michelettiano mi sembra aprire invece la strada ad una nuova riflessione meno apocalittica del paragrafo, che lo lega peraltro all’impostazione personalistica di questa quarta sezione di Enfance85 (i paragrafi precedenti, quadri di figure emblematiche, iniziano con l’anafora «je suis», tranne il quarto che sfrutta la variante «je serais»86). Oltre alla luce, uno dei temi prediletti da Michelet è la montagna, simbolo universale dell’elevazione e della volontà umana. Le Alpi, poste al centro dell’Europa, ne sono la fonte vivificatrice, un autentico Altare venerato dai popoli ai loro piedi. In La Montagne, a questo monumento d’acqua e ghiacci si contrappongono i Pirenei, per antonomasia figli del fuoco e della luce:

  • 87 J. Michelet, La Montagne, op. cit., pp. 82-83.

Aux Pyrénées, les verts d’eau si singuliers de leurs gaves, certaines prairies d’émeraude, en contraste avec leurs ruines, le marbre vert, le marbre rouge qui perce le noir rocher, tout cela est fort à part. Un miracle incessamment se fait voir à leurs sommets, une transfiguration constante, dans un certain léger bleuâtre, dans l’inexprimable rosé (qui passe entre l’aube et l’aurore), dans la pourpre, dans les ors, et dans les flammes du soir87.

  • 88 Ibidem, p. 83.
  • 89 Alcuni proposero il trittico di Van Eyck “L’agnello mistico” (il poeta infatti scrive «en haut du t (...)

23L’impressione più forte che coglie colui che contempla il profilo dei Pirenei è l’irrealtà, l’impossibilità di distinguere se questa «image flottante»88 sia una nuvola o le pendici dei monti. Questa atmosfera visionaria dove gli oggetti naturali sono rivestiti di una “mistica senza mistica” è simile a quella di Mystique, Illumination pervasa da un complessità visiva e policromatica, e per cui sono state proposte referenze non testuali; sebbene lo spunto della ekphrasis pittorica, suggerito da Rimbaud stesso, fornisca una convincente chiave di lettura89, non si deve escludere che a questo paesaggio immaginario contribuirono brani michelettiani. La memoria di precisi inserti linguistici mi sembra evidente (soprattutto «prairies d’émeraude», «léger bleuâtre» e «flammes du soir»), oltre allo sfondo comune:

  • 90 A. Rimbaud, Œuvres complètes, 2009, op. cit., p. 305.

Sur la pente du talus les anges tournent leurs robes de laine dans les herbages d’acier et d’émeraude.
Des prés de flammes bondissent jusqu’au sommet du mamelon. […]
La douceur fleurie des étoiles et du ciel et du reste descend en face du talus, comme un panier, – contre notre face, et fait l’abîme fleurant et bleu là-dessous90.

24Per l’ultimo raffronto di questo tipo che vorrei proporre, preferirei invertire i termini di paragone; riporto in principio Fleurs di Rimbaud affinché sia chiaro il mio discorso:

  • 91 Ibidem, p. 306.

D’un gradin d’or, – parmi les cordons de soie, les gazes grises, les velours verts et les disques de cristal qui noircissent comme du bronze au soleil, – je vois la digitale s’ouvrir sur un tapis de filigranes d’argent, d’yeux et de chevelures.
Des pièces d’or jaune semées sur l’agate, des piliers d’acajou supportant un dôme d’émeraudes, des bouquets de satin blanc et de fines verges de rubis entourent la rose d’eau.
Tels qu’un dieu aux énormes yeux bleus et aux formes de neige, la mer et le ciel attirent aux terrasses de marbre la foule des jeunes et fortes roses91.

  • 92 B. Claisse, Rimbaud ou “le dégagement rêvé”. Essai sur l’idéologie des Illuminations, op. cit., p.  (...)
  • 93 A. Rimbaud, Œuvres, Introduction, relevé de variantes et notes, par Suzanne Bernard, op. cit., cfr. (...)
  • 94 B. Claisse, Rimbaud ou “le dégagement rêvé”. Essai sur l’idéologie des Illuminations, op. cit., p.  (...)
  • 95 Ibidem, p. 57.

25Fleurs è il modello di una descrizione in cui il poeta provvede alla cristallizzazione di elementi naturali votati, per loro essenza, alla rapida dissoluzione: l’utopia umana, insomma, di pietrificare l’effimero (meno auspicata che denunciata). Il bouquet di fiori della poesia è trasfigurato, tra preziose organze e velluti policromi, in gemme e metalli lucenti; Rimbaud sembra in effetti attirato dall’inorganico, dal non-cosciente, mentre la natura è ridotta al lusso volgare di un harem. Senza ridurre univocamente (come Claisse) la prosa ad una descrizione disforica dei fasti del Secondo Impero, indubbiamente il testo segna più di un’ambiguità; il lettore si ritrae da Fleurs con il sovraccarico che susciterebbero «les fioritures de la miniature maniériste»92. La nausea provocata dall’apparenza scintillante del vano decoro denuncia la mercificazione e la reificazione contemporanee. Di questa scena dell’inautenticità è stata a lungo commentata la dimensione teatrale93 che, appunto, evocherebbe ironicamente la spaccatura moderna tra essere (in questo caso i fiori come natura) ed apparire (i gioielli), in una «comédie d’illusion»94per pochi nababbi. La presenza umana, in questo quadro così involuto e falso, è ridotta a qualche coccio frantumato («d’yeux et de chevelures», che potrebbe altresì alludere ad un’impressione floreale pseudoumanizzata) accuratamente intrecciato con l’argento di un tappeto. La vertigine cromatica e pletorica ha però un punto di fuga, come talvolta avviene in Rimbaud, nell’ultimo paragrafo, nelle terrazze di marmo che raccolgono le rose «jeunes et fortes» attirate dal mare e dal cielo: non è sbagliato vedere nel metaforico «dieu aux énormes yeux bleus» e nella folla di fiori «l’espoir d’une autre Harmonie»95.

  • 96 J. Michelet, La Femme, pp. 133-135.

26La raffinata filiera di immagini e di espressioni floreali ha un referente in due brani michelettiani; questi densi serbatoi agiscono soprattutto a livello lessicale e formale, sebbene occorra ricordare che in Michelet l’esaltazione estetica della natura e le espansioni liriche della prosa hanno sovente la funzione di attirare l’attenzione del lettore – miscere utile dulci – sulla necessità di una nuova alleanza tra uomo e natura: da spettatore, insomma, a soggetto attivo, verso la futura Armonia. In La Femme le pagine dedicate alla donna ed alla sua missione sociale si alternano ad altre spese per celebrare le bellezze naturali; ad esempio, il risveglio dei fiori nella stagione primaverile è un complemento alla vita nervosa della fanciulla. Per caratterizzare questo miracolo ciclico, Michelet sfrutta la purezza dei metalli preziosi, con espressioni simili a quelle rimbaldiane: «Une petite clochette d’argent, marquée d’un point vert au bord, le perce-neige, disait le réveil de l’année. […] les jeunettes, les pressées, primevères et pâquerettes, fleurs enfants qui cependant, par leur petit disque d’or, se disent enfants du soleil. […] flotter au vent cette mouvante mer d’or»96.

  • 97 J. Michelet, L’Insecte, op. cit., p. 156.

27L’altro brano che propongo è invece tratto da L’Insecte, in cui le somiglianze lessicali ed espressive con Fleurs sono rimarchevoli: l’impressione è che Rimbaud abbia più o meno coscientemente disgregato ed assimilato la prosa michelettiana, erodendone i contorni semantici fino al risultato dell’ambiguità. Michelet in questo passo descrive il mondo degli insetti come una fantasmagoria di colori e materiali ricercati: «Étincellent l’or et l’émeraude, le saphir et le rubis!»97. Questa squisita estetica entomologica è una mimesi della furia inventiva della Natura, che si spinge ben oltre l’immaginazione umana; anche qui non manca peraltro, come in Fleurs, un’esplicita cornice teatrale; gli insetti, se la natura perisse, potrebbero da soli simularne tutti gli esseri o, meglio, giocarne la commedia in virtù della loro fantasmagorica apparenza:

  • 98 Ibidem, p. 157.

monstres admirables, en ailes de feu, en cuirasses d’émeraudes, vêtus d’émaux de cent sortes, armés d’appareils étranges, aussi brillants que menaçants, les uns en acier bruni, glacé d’or, les autres à houppes soyeuses, feutrées de noirs velours; tels à fins pinceaux de soie fauve sur un riche fond acajou; celui-ci en velours grenat piqué d’or; […] Ailleurs des rayures métalliques, alternées de velours mats98.

Natura, tra Michelet e Baudelaire

  • 99 J. Michelet, L’Oiseau, Paris, Librairie Hachette, 18573, p. 10.
  • 100 J. Michelet, La Montagne, p. 195.
  • 101 Dall’introduzione di L. Battaglia a J. Michelet, La Montagne; trad. it.: La Montagna, pref. di M. R (...)
  • 102 In Rimbaud, pur nell’esiguità materiale del riferimento programmatico, è indubbio che l’idea dell’u (...)

28Da tutti i riferimenti stilistici, e non solo, che abbiamo considerato finora, sarà ormai emerso che il cardine attorno a cui ruota il rapporto di Rimbaud con Michelet è la Natura. Dagli anni Cinquanta, dopo l’esclusione dall’insegnamento, Michelet riscoprì l’abbraccio vivificatore della Natura e si dedicò ad approfonditi studi naturalistici, dall’entomologia alla chimica inorganica, dalla biologia all’ornitologia. In essa lo storico trova quella perfetta armonia che aveva cercato negli studi sociali; la Natura è la madre che si prende cura di tutti i suoi figli in egual misura, dal più insignificante microrganismo al suo prodotto più sublime, l’uomo. Colui che osserva la natura non può essere distolto dall’ammirazione per essa dall’apparenza dello struggle for life; questo non è che l’espediente necessario a mantenere il perfetto equilibrio che regna nel mondo naturale, turbato purtroppo dalla crudeltà dell’uomo, che disprezza gli insetti (da cui dipende inevitabilmente ogni animale “superiore”), caccia gli uccelli, «flammes ailées»99 sfuggite dalla mano di Dio, e distrugge l’albero che «gémit, soupire, pleure d’une voix humaine»100. Michelet quindi auspica che la Vita Nuova che lo condusse ad amare e rispettare la Natura, facendogliene scoprire l’intrinseca spiritualità, possa coinvolgere l’umanità intera, verso un nuovo Patto universale: «un’etica della partecipazione e dell’integrazione ecologica»101; la zoostoria di Michelet apre il campo ad una coscienza ecosofica che riconosce la “comunità di destino” terrestre. La riabilitazione del mondo animale fu scandita da una serie di opere scintillanti, sorrette da un inesausto empito lirico: L’Oiseau (1856), L’Insecte (1857), La Mer (1861), La Montagne (1868)102.

  • 103 J. Michelet, L’Insecte, op. cit., p. 42.

29La religione dell’umanità di Michelet esclude la possibilità di un’esistenza personale dopo la morte, poiché è una fede immanente e parzialmente storicizzabile; la risurrezione e l’immortalità sono garantite dalla continuità dei cicli naturali, dalla grande cooperazione reciproca degli esseri viventi, che si rinnovano incessantemente grazie alla morte. Ciò che è vero letteralmente per gli insetti, vale in generale per ogni essere: «L’amour implique la mort»103; queste due forze, che spesso vediamo in lotta, sono indissolubilmente legate. Senza morte, infatti, nessuna vera rigenerazione sarebbe possibile e la Natura rimarrebbe sempre ferma su se stessa; in virtù di essa, al contrario, l’Amore mette in pratica e realizza l’aspirazione globale al perfezionamento, al progresso comune. Di contro alla speranza della pacificazione nell’Amore e nella Natura, sta l’in pace del Medioevo, il cui soffio mortifero ottunde ogni slancio benefico. Michelet andò progressivamente radicalizzando nelle sue opere l’opposizione allo spirito giudaico-cristiano. La religiosità medievale fu per Michelet l’apogeo dell’antinatura, del disprezzo cattolico per la Madre universale; il prete è sostanzialmente il modello dell’uomo risentito contro la natura, che sfrutta il suo potere sulle coscienze per inibire ogni stimolo vitale. Per questa ragione donne e fanciulli, esseri naturali per essenza, furono le vittime del Medioevo e sono tuttora i più esposti alla mortificazione antinaturale della dottrina cattolica.

  • 104 J. Michelet, La Sorcière, p. 4.

30In La Sorcière e La Bible de l’Humanité Michelet si convinse infine dell’intrinseca appartenenza di questa condanna alla matrice giudaico-cristiana; mentre altre tradizioni religiose come l’induismo, il buddismo o il paganesimo greco-romano hanno e avevano un sacro rispetto, se non un culto, della natura, il mondo giudaico-cristiano ha coagulato il suo istintivo sospetto in un plurimillenario pregiudizio; per il cristianesimo Pan è morto e non può risorgere. Se quindi in precedenza Michelet aveva pensato che fosse possibile rinnovare il cattolicesimo e riscattarlo come religione rivelata (da qui anche la sua simpatia per Lutero) secondo un principio relativamente irenico, nelle opere della tarda maturità lo storico riconobbe l’inestirpabilità dei suoi errori; già i primi cristiani, cui era stato dischiuso nella sua purezza il messaggio evangelico, «maudissent la Nature elle-même. Ils la condamnent tout entière, jusqu’à voir le mal incarné, le démon dans une fleur»104. L’originaria mistificazione recede sino all’esprit giudaico, fonte indiscussa della filosofia religiosa cristiana; il sentimento dell’Ebreo verso la Natura è una radicale censura senz’appello; l’Antico Testamento è l’eredità corruttrice lasciata alla nostra civiltà.

  • 105 Soprattutto L’Exil des dieux e La Cithare di Banville. Si vedano le note di Antoine Adam in A. Rimb (...)
  • 106 Ossia la lettera del 15 agosto 1871, che contiene Ce qu’on dit au poète à propos de fleurs. A. Rimb (...)
  • 107 R. étiemble-Y. Gauclère, Rimbaud, op. cit., p. 117.
  • 108 Ma ricompararirà in Villes [II], a proposito di cui Claisse ha scritto di una «apothéose de Vénus». (...)
  • 109 A. Rimbaud, Œuvres complètes, 2009, op. cit., p. 149.
  • 110 In questo caso l’identificazione è duplice, poiché “Clysopompes” ingloba la parola “Lys”. Ibidem, o (...)
  • 111 Ibidem, pp. 35- 36.
  • 112 J. Michelet, La Femme, op. cit., cfr. pp. 112-126.

31Rimbaud fu profondamente debitore di questa concezione della natura, e ripudiò precocemente i dettami catechistici per professare una spiritualità più anarchica, tutta volta all’esaltazione della natura e della sensibilità. Questo panteismo paganeggiante prima maniera, molto à la mode, Rimbaud lo desumeva da fonti abbastanza eterogenee: filtrava, oltre che da Michelet, dalle letture intraprese su «Le Parnasse Contemporain»105, dal Sacre de la Femme in La Légende des Siècles di Hugo, e infine nondimeno da poemi classici greci e latini, massicciamente presenti nei programmi scolastici coevi. Le aspirazioni e le preferenze spirituali del giovane Rimbaud confluirono nell’atto di fede parnassiano e paganeggiante di Soleil et Chair, inizialmente intitolato Credo in Unam; alla lunga poesia, densa di riferimenti mitologici, non mancava una certa adolescenziale ruffianeria, quella dell’outsider disposto a brigare e stupire per la pubblicazione. Il capofila dei parnassiani, Théodore de Banville, per un motivo o per l’altro non abboccò, preparando il campo ad un secondo invio ben più sfrontato106. Il credo sensualistico di Soleil et Chair si oppone frontalmente al cristianesimo; la poesia, composta nel maggio del 1870, è stata descritta non a torto come un mosaico di luoghi comuni ed assunti paganeggianti, dal mito dell’età dell’oro e dell’infanzia edenica dell’umanità, all’attesa di una futura conciliazione tra l’uomo e la natura, patrocinata dalle divinità tradizionalmente legate all’amore ed alla terra (Venere, Cibele, Pan, le Ninfe…). Per quanto si possa convenire che questa poesia sfrutti una pletora di riferimenti letterari e culturali un po’ abusata, non si dovrà neppure derubricarla interamente come pastiche insignificante o compiacente divagazione parnassiana; étiemble perciò fu ingeneroso a scrivere che la fede nella Natura che Rimbaud esprime in Soleil et Chair «fait violence à sa nature»107 (sessuale, in primis). Senza dubbio l’ingenuo slancio vitalistico ed ottimistico scomparirà (Venere sarà orribilmente deturpata da un’ulcera rettale in Vénus Anadyomène108 ed i gigli – il Bello parnassiano – ondeggeranno tra i «clystères d’extases»109 di Ce qu’on dit au Poète à propos de Fleurs, e i «clysopompes d’argent»110di Lys), ma altri elementi saranno sviluppati nell’arco di pochi anni; d’altronde Soleil et Chair non è neppure un unicum nell’orizzonte del 1870: da Sensation, dove la parola «Nature» è maiuscola, si irradia un senso panico di comunanza con la terra e di fluttuante spiritualità («Mais l’amour infini me montera dans l’âme»111). Il bagaglio lessicale ed espressivo desunto da Michelet (segnatamente da La Religion de l’Amour in La Femme112), nonché l’entusiasmo naturalistico e l’ispirazione spirituale dello storico, percorrono sensibilmente Soleil et Chair. I versi più esplicitamente aderenti alla prosa michelettiana mi sembrano però quelli dedicati all’oceano ed alle acque, che risentono della trattazione di La Mer. Ad esempio questi:

  • 113 A. Rimbaud, Œuvres complètes, 2009, op. cit., p. 43.

Si l’homme naît si tôt, si la vie est si brève,
D’où vient-il? Sombre-t-il dans l’Océan profond
Des Germes, des Fœtus, des Embryons, au fond
De l’immense Creuset d’où la Mère-Nature
Le ressuscitera […]113

  • 114 J. Michelet, La Mer, op. cit., p. 201.
  • 115 Ibidem, pp. 238, 401.

32Michelet aveva descritto con dovizia di particolari le creature inusitate che regnano negli abissi oceanici: i Germi che compongono il muco marino e ne fanno la fecondità, e il guerriero delle acque, il polpo («[…] il reste mollusque aussi, c’est-à-dire toujours embryon. Il offre l’aspect étrange, ridicule, caricatural, s’il n’était terrible, de l’embryon allant en guerre, d’un fœtus cruel, furieux, mou, transparent, mais tendu, soufflant d’un souffle meurtrier»114). A più riprese inoltre il mare è definito “crogiuolo”, come in questi due brani che in nuce suggeriscono il concetto che Rimbaud svilupperà: «[il mare] ce creuset de l’universel changement», «il est le creuset fécond où la création commença et continue dans sa puissance»115.

  • 116 Escludendo Rêve, poesia-caricatura inclusa nella lettera di Rimbaud a Delahaye del 14 ottobre 1875.
  • 117 A. Rimbaud, Œuvres complètes, 2009, op. cit., p. 267.

33Le ultime composizioni versificate, che risalgono al 1872116, le «chansons spirituelles» cui Rimbaud allude in Bannières de Mai, risultati di estrema levità e sperimentazione formale, apportano una visione originale – sottilmente spiritualizzata – della Natura, e soprattutto un rapporto ambiguo tra essa e l’io poetico. A questo stravolgimento allucinato, ai limiti della follia, Rimbaud si sottopose fino al completo surménage fisico e mentale; in Alchimie du Verbe scrisse, al colmo, di aver vissuto «étincelle d’or de la lumière nature»117, prima di percepire i pericoli di questo panteismo demente. Il mondo naturale subisce quindi nel 1872 una letterale fluidificazione o vaporizzazione, così come l’io del poeta talvolta si disperde o si fonde nell’immensità cosmica; il tema dell’umido e dell’acqua è forse, nelle sue molteplici varianti, il più diffuso in queste poesie (Larme, La Rivière de Cassis, Comédie de la Soif, Mémoire…). In questa mistica della dissoluzione vi sono profonde assonanze e solidarietà tra mondo animale e umano; l’augurio è che tutta la realtà si risolva nell’incoscienza, in un cieco torpore universale. Guardiamo all’ultima strofa di Comédie de la soif:

  • 118 Ibidem, p. 196.

Mais fondre où fond ce nuage sans guide…
oh! favorisé de ce qui est frais,
expirer en ces violettes humides
dont les aurores chargent ces forêts118.

34L’operazione di dissoluzione nella natura è tuttavia ambigua, poiché suscita anche disagio e malessere; talvolta l’aspirazione all’autoannientamento comunica una sensazione angosciosa e disperata, soprattutto quando alla metamorfosi subitanea si sostituisce il potere corrosivo del tempo:

  • 119 Da Le loup criait sous les feuilles. Ibidem, p. 266.

Le loup criait sous les feuilles
En crachant les belles plumes
De son repas de volailles:
Comme lui je me consume119.

  • 120 Da Bannières de Mai. Ibidem, p. 209.
  • 121 Lettera di Rimbaud a Izambard del 2 novembre 1870. Ibidem, p. 337.

35Rendersi, darsi alla natura, accogliere quindi la speranza di un definitivo congedo dalle ambasce dell’esistenza: questa scelta non esime il poeta da sofferenze, dal sacrificio che Rimbaud ascrive a coloro che sono disposti ad annullarsi per non piegarsi alle costrizioni della società e della condizione umana. Perché morire nella natura, sprofondandovisi per libera scelta, scrive Rimbaud, è diverso che il morire «à peu près par le monde»120 dei Pastori (forse gli amanti, o la gente attiva – i borghesi). L’ascesi, la spoliazione mistica dello sconfinato abbraccio rimbaldiano, è quindi l’estremo lembo dell’utopia della «liberté libre»121 tanto agognata:

  • 122 Ibidem, pp. 209-210.

Je veux bien que les saisons m’usent.
À toi, Nature, je me rends;
Et ma faim et toute ma soif.
Et, s’il te plaît, nourris, abreuve.
Rien de rien ne m’illusionne;
C’est rire aux parents, qu’au soleil,
Mais moi je ne veux rire à rien;
Et libre soit cette infortune122.

  • 123 «je prenais une expression bouffonne et égarée au possible […] Je devins un opéra fabuleux». Da Alc (...)
  • 124 M. Carrouges, La Mystique du Surhomme; ed. it.: L’avventura mistica della letteratura, trad. it. di (...)
  • 125 H. Friedrich, Die Struktur der modernen Lyrik; trad. it.: La struttura della lirica moderna, Milano (...)

36Altre volte ancora la gioia dell’istante panico e l’entusiasmo paganeggiante hanno il sopravvento sulle inibizioni terrene. In questi casi all’apparente semplicità stilistica e ai ritmi naïfs si accompagnano cadenze quasi buffonesche e fantasiose123, come in L’Éternité. Sovente l’impressione è che il paesaggio interiore del poeta rompa i confini dell’io e si franga nella realtà esteriore, appropriandosene; siamo distanti, mi pare, dal delirio ipertrofico e narcisistico paventato da Carrouges124, poiché prevalgono le mezze tinte, i toni delicati, ed il trionfo della conquista dell’eternità è perlopiù cantato con riserva, come se il ricordo della fragilità umana – l’ineluttabile anamnesi della finitezza – obbligasse a smorzare la voce. L’ambizione spirituale di questo gruppo di poesie è evidente, sebbene quasi interamente immanentizzata; non mancano infatti i riferimenti polemici, talvolta espliciti, al cristianesimo, che si oppone all’ebbrezza dell’attimo, al sì alla vita ed alla Natura, dalla gioia della pienezza all’ansia della dissoluzione; per questa ragione Hugo Friedrich ha scritto di una «trascendenza vuota»125 perseguita da Rimbaud – e, per me, i Derniers Vers ne sono la fondamentale espressione.

  • 126 A. Rimbaud, Œuvres complètes, 2009, op. cit., p. 266.
  • 127 L’abbozzo della scena rafforza questa interpretazione: «Je restais de longues heures la langue pend (...)
  • 128 Ma nell’allucinazione il sole assale anche la natura minuta: «Oh! le moucheron enivré à la pissotiè (...)

37Rispetto a Michelet ed al suo sereno affidarsi ad una natura invariabilmente benevola, Rimbaud perciò instaura sia in queste poesie sia nelle Illuminations, un rapporto più complesso ed ambiguo; la dialettica di Rimbaud con la Natura si snoda attraverso passaggi autodistruttivi e crudelmente masochistici (se riferiti a sé) o apocalittici e catastrofici (se riferiti all’umanità e al tutto). Confrontiamo, ad esempio, uno stralcio di Alchimie du Verbe con i numerosi passi dove Michelet tesse le lodi del sole, della luce e del calore. Rimbaud racconta del suo passato gusto per il deserto, i frutteti bruciati e le bevande tiepide, ed infine del dono di sé al sole: «Je me traînais dans les ruelles puantes et, les yeux fermés, je m’offrais au soleil, dieu de feu»126. La scena è già di per sé equivoca, poiché l’offerta dell’io (peraltro stanco e consumato127) al Dio-sole assomiglia meno all’unione panica che ad un sacrificio umano; lo stato dell’io è chiaramente sovraeccitato, mentre le cose si riducono a correlati esteriori dell’interiorità del poeta. L’inciso dell’io narrante, che si rivolge direttamente al Sole, è un invito a distruggere la civiltà cittadina: «Général, s’il reste un vieux canon sur tes remparts en ruines, bombarde-nous avec des blocs de terre sèche. Aux glaces des magasins splendides! dans les salons! Fais manger sa poussière à la ville. Oxyde les gargouilles. Emplis les boudoirs de poudre de rubis brûlante…»128.

  • 129 J. Michelet, L’Oiseau, op. cit., pp. 125, 128. La seconda citazione è in italico nell’originale.

38In Michelet, nei suoi scorci più immaginativi, l’aspirazione personale e universale è rivolta ad una natura esclusivamente salvifica e soccorritrice. Ad esempio nel capitolo La Lumière di L’Oiseau il bisogno di luce e calore solari è il grido generale della natura: «Tous vivent du soleil, s’en imprègnent ou s’en inspirent»; l’ideale lontano delle specie è «Vivre en pleine lumière et sans ombre»129. In questa magnificazione della Natura non mancano, è vero, alcuni passi dedicati alla morte, nei quali Michelet descrive una natura che aspira all’“evaporazione” ed alla disgregazione; si tratta, come dicevamo, di una necessità, di un assioma della vita universale. Si confronti tuttavia questo brano da La Femme con le strofe di Rimbaud riportate poco sopra:

  • 130 J. Michelet, La Femme, cfr. pp. 436-437.

Notre mort physique n’est rien qu’un retour aux végétaux. Peu, très-peu est chose solide dans cette mobile enveloppe; elle est fluide et s’évapore. Exhalés, en bien peu de temps, nous sommes avidement recueillis par l’aspiration puissante des herbes, des feuilles. Le monde si varié de verdure dont nous sommes environnés, c’est la bouche, le poumon absorbant de la nature, qui sans cesse a besoin de nous, qui trouve son renouvellement dans l’animal dissous. […] Elle nous aspire en végétant, et nous respire en fleurissant. Pour le corps, ainsi que pour l’âme, mourir c’est vivre. Et il n’y a rien que de la vie en ce monde130.

39Si sarà notata una certa somiglianza con Rimbaud, sebbene l’arrière-plan ideologico sia differente. Per questa ragione diffido del riduzionismo di Bruno Claisse, che sottostima le rotture concettuali tra Michelet e Rimbaud sulla natura; il suo giudizio si concentra su alcune Illuminations, il cui sostrato ideologico ricondurrebbe, in linea con Michelet, al sogno di un’umanità riconciliata con la Natura. Abbiamo visto, a proposito di Fleurs e Métropolitain, come non sia infondato scavare oltre l’enigmaticità dei testi e riconoscere spunti di critica sociale, dall’alienazione moderna all’aspirazione all’armonia perduta. Risolvere univocamente queste prose in un’opposizione, moralmente connotata, natura-cultura o campagna-città è erroneo: questa semplificazione disconosce l’ambiguità di fondo delle Illuminations e, più in generale, le ambivalenze della mentalità rimbaldiana.

  • 131 Y. Bonnefoy, Rimbaud par lui-même, op. cit., cfr. pp. 146 e ss.
  • 132 Da L’Albatros, in Les Fleurs du Mal. Ch. Baudelaire, Œuvres complètes, op. cit., t. I, p. 9.
  • 133 Lettera di Rimbaud a Demeny del 15 maggio 1871. A. Rimbaud, Œuvres complètes, 2009, op. cit., p. 34 (...)

40La città moderna, per Rimbaud, non è meno alienante della campagna contadina e ignorante; l’ideologia del poeta non è riducibile, soprattutto nelle Illuminations, all’effimera denuncia della civiltà moderna e delle sue sopraffazioni, poiché Rimbaud, come ha ben mostrato Bonnefoy, è prima di tutto in fuga dalla propria disperazione esistenziale. Egli è l’erede di una remota attesa dell’essere131, condannato allo scacco di vivere nella dialettica dell’impossibile e della libertà. Rispetto a Michelet dunque l’abisso è segnato; Rimbaud non ebbe alcuna Vita Nuova, ma ogni passo, anziché approssimarlo alla salvezza, lo sprofondò di più nei «gouffres amers»132 irredimibili. Non a caso mi viene in mente un’espressione di Charles Baudelaire a questo punto; il poeta parigino, «un vrai Dieu»133per Rimbaud, era stato cosciente sia dell’alienazione del poeta nella modernità, Albatro condannato ai turpi lazzi dei marinai o flâneur che ha perduto l’aureola nella mota, sia della condanna eterna ed ontologica dell’umanità. Il dramma di Baudelaire, come quello di Rimbaud, è al contempo sublimemente metafisico e tragicamente storicizzabile, moderno. Per questo i due poeti sono stati spesso alternativamente e parzialmente interpretati come ribelli esistenziali o rivoluzionari politici, poiché la loro anima era scissa da entrambi gli impeti.

  • 134 Ibidem, p. 96.
  • 135 J.-P. Sartre, Baudelaire, précédé d’une note de M. Leiris, Paris, Gallimard, 1975, p. 102.

41Mi pare che la posizione ambivalente di Rimbaud verso la natura riceva una possibile schiarita se si accosta alla preponderante influenza di Michelet su questo tema, ciò che aveva dovuto desumere dalla concezione diametralmente opposta di Baudelaire; siamo lontani ovviamente dall’identificare la prospettiva di Rimbaud e la fissazione baudelairiana per l’artificialità e la sterilità, nonché il filone antinaturalistico che per Sartre va dai saint-simoniani a Mallarmé e Huysmans134 e non è estraneo neppure a Engels e Marx. La scelta istintiva della natura da parte del poeta di Charleville è comunque complessivamente vicina a Michelet; nondimeno nelle Illuminations vi è una vena immaginativa che costantemente spinge Rimbaud verso una rappresentazione non-biologica della natura. La spia di questa preferenza è la frequenza di termini che richiamano l’inanimato, ossia sono semanticamente connessi alla luminosità, alla mineralità, alla trasparenza, alla freddezza. Ad esempio in diversi poemi in prosa (come Mystique o Marine) l’acciaio, incorruttibile e rilucido, è una componente privilegiata della realtà, sia essa naturale o fabbricata. Per Jean-Paul Sartre e Georges Blin questi stessi impieghi lessicali in Baudelaire tradiscono il tentativo di sostituire alla fecondità e allo splendore della natura un universo metallico, sterile e luminoso135.

  • 136 Sartre, impietoso nei confronti di Baudelaire, schematizza nel modo seguente: «Rimbaud ne perd pas (...)
  • 137 Ch. Baudelaire, Correspondance, texte établi, présenté et annoté par Cl. Pichois avec la collaborat (...)
  • 138 Si legga Le Peintre de la vie moderne: «Tout ce qui est beau et noble est le résultat de la raison (...)
  • 139 J.-P. Sartre, Baudelaire, op. cit., p. 96.
  • 140 Ibidem, p. 95.
  • 141 Si veda la celebre lettera programmatica a Ferdinand Desnoyers, dove Baudelaire si dissocia apertam (...)
  • 142 Da Mœsta et Errabunda in Les Fleurs du Mal. Ch. Baudelaire, Œuvres complètes, op. cit., t. I, p. 63
  • 143 Nel mio studio ho volutamente tralasciato il principale punto di contatto tra Rimbaud e Michelet, c (...)

42Baudelaire quindi maestro di ambivalenza per Rimbaud, seppur in modo parzialmente diverso136; egli condivideva peraltro con Barbey d’Aurevilly una pessima opinione di Michelet, del suo umanitarismo e del suo culto ottimistico della Natura; l’11 dicembre 1858 scrisse alla madre: «Tu as reçu L’Amour de Michelet; immense succès, succès de femmes; je ne l’ai pas lu, et je crois pouvoir deviner que c’est un livre répugnant»137. Il fatto è che per Baudelaire la natura non ha niente di rassicurante e salvifico, ma semmai è uno spettacolo orripilante di crudeltà e sopraffazione138; non diversamente insomma, da ciò che si vedrebbe scrutando i reconditi anfratti del cœur e della natura umani. Ma anche senza l’evidente riferimento a de Maistre (influenza soprattutto «de façade» e reclamata dal poeta perché distingué, per Sartre139) – o ad esempio a de Sade –, si comprende che Baudelaire, che rivendicava il diritto di contraddirsi, non rinuncia talvolta a sostenere che «le Mal satanique […] est produit délibéré de la volonté et de l’artifice»140; come si diceva, la sua condanna della natura segna più d’una ambiguità. In Baudelaire questa scelta quasi ontologica si traduceva nel perseguimento di una cosciente linea estetica e poetica: quella appunto che lo contraddistingue come poeta della modernità141. Rimbaud amava e leggeva con sufficiente passione le raccolte di Baudelaire per accorgersi che l’oggetto della poesia moderna doveva essere il «noir océan de l’immonde cité»142. Per quanto, come Baudelaire d’altra parte, cogliesse il fondo disperato dell’esistenza nella metropoli moderna, non se ne poté separare durante la giovinezza che per brevi periodi, trascorsi nelle Ardenne. Più che la Parigi del dandy nerovestito, la grande capitale del xix secolo è per Rimbaud Londra, a cui i riferimenti abbondano nelle Illuminations. Ma non è solo una questione di scelta poetica. Ormai compromesso dalla civilizzazione moderna – come dalla religione d’infanzia –, egli può vagheggiare la conciliazione michelettiana, l’evasione in Oriente, ma sa, come Baudelaire, che la speranza del premoderno è fittizia e destinata, al momento del bilancio fallimentare, a segnargli profondamente l’anima143.

Torna su

Note

1 M. Paulinich, Rimbaud e Michelet. Un’ipotesi di lettura, in AA. VV., Teosofia e religiosità romantica. Da L.-C. de Saint-Martin a J. Michelet. Scritti in memoria di M. Paulinich Ferrara, Pisa, Pacini Editore, 1989, cfr. p. 267.

2 Si vedano: De Baudelaire à Rimbaud: le chemin de la voyance, in M. Matucci, Les deux visages de Rimbaud, Neuchâtel, La Baconnière, 1986, M. Ruff, La filiation de Baudelaire à Rimbaud, in Études Littéraires, Paris, t. 1, avril 1968 e G. Poulet, La Poésie éclatée: Baudelaire, Rimbaud, Paris, PUF, 1980.

3 Nell’articolo Arthur Rimbaud, stampato su Lutèce. P. Verlaine, Œuvres en prose complètes, édition de J. Borel, Paris, Gallimard (Bibliothèque de la Pléiade), 1972, p. 654.

4 Ibidem, p. 966.

5 E. Delahaye, Rimbaud. L’artiste et l’être moral, Paris, Messein, 1923, p. 45. La poesia è la XIX di Sagesse e il riferimento è a questi due versi: «Voix de l’Orgueil: un cri puissant comme d’un cor, / Des étoiles de sang sur des cuirasses d’or». P. Verlaine, Œuvres poétiques complètes, édition établie, présentée et annotée par Y.- G. Le Dantec, Paris, Gallimard (Bibliothèque de la Pléiade), 1962, p. 258.

6 E. Delahaye, Rimbaud. L’artiste et l’être moral, op. cit., p. 45.

7 E. Starkie, Jean-Arthur Rimbaud, ed. it. a c. di A. Comotti, Milano, Rizzoli, 1981, cfr. pp. 186-187.

8 J. Michelet, Introduction à l’Histoire Universelle, Paris, Librairie Hachette, 18342, p. 83.

9 Dalla lettera di Rimbaud a Demeny del 15 maggio 1871. A. Rimbaud, Œuvres complètes, édition établi par André Guyaux, avec la collaboration d’Aurélia Cervoni, Paris, Gallimard (Bibliothèque de la Pléiade), 2009, p. 348.

10 R. Barthes, Michelet, Paris, Seuil, 1988, p. 21.

11 Dalla lettera di Rimbaud a Demeny del 15 maggio 1871. A. Rimbaud, Œuvres complètes, 2009, op. cit., p. 343.

12 Ibidem, p. 347.

13 «Quel est celui de nous qui n’a pas, dans ses jours d’ambition, rêvé le miracle d’une prose poétique, musicale sans rythme et sans rime, assez souple et assez heurtée pour s’adapter aux mouvements lyriques de l’âme, aux ondulations de la rêverie, aux soubresauts de la conscience». Dalla dedica ad Arsène Houssaye in Le Spleen de Paris. Ch. Baudelaire, Œuvres complètes, édition établie, présentée et annotée par Claude Pichois, Paris, Gallimard (Bibliothèque de la Pléiade), deux tomes, 1975, t. 1, pp. 275- 276. Sul genere del poema in prosa si veda: M. Murat, L’art de Rimbaud, Paris, José Corti, 2002, cfr. pp. 229- 275.

14 Dalla lettera di Rimbaud a Demeny del 15 maggio 1871. A. Rimbaud, Œuvres complètes, 2009, op. cit., p. 347.

15 J. Michelet, La Bible de l’Humanité, Paris, Chamerot, 18643, p. 252.

16 Ibidem, p. 274.

17 Dalla lettera di Rimbaud a Demeny del 15 maggio 1871. A. Rimbaud, Œuvres complètes, 2009, op. cit., p. 346.

18 È proprio nel segno di questa saturazione latente che occorre, per Leuilliot, studiare la “distribuzione” dei termini michelettiani in Rimbaud; spesso purtroppo ci si è limitati, in senso opposto, ad uno sterile ed orizzontale studio di fonti (vd. M. A. Clarke, Rimbaud and Quinet, Sidney, Simmons Limited, 1945). B. Leuilliot, Rimbaud lecteur de Michelet, in «Revue d’Histoire littéraire de la France», n. 5, sept.-oct. 1974, cfr. p. 861.

19 Si intende dire che la donna, a causa del suo ritmo sanguigno circolare e della sua comunanza con la natura, «n’est pas seulement une malade, mais une blessée. Elle subit incessamment l’éternelle blessure d’amour». J. Michelet, L’Amour, Paris, Librairie Hachette, 18593, p. 9. Si veda anche R. Barthes, Michelet, op. cit., pp. 112-113.

20 Ella è un «être relatif», anche se, va aggiunto, neppure l’uomo per Michelet può prescindere dall’unione con la donna: «Elle est relative. Elle doit respecter l’homme, qui crée tout pour elle. […] Il est relatif. Il doit adorer, respecter la femme, qui fait l’homme». J. Michelet, L’Amour, op. cit., p. 330. Si veda anche M. Paulinich, Rimbaud e Michelet. Un’ipotesi di lettura, art. cit., p. 269, nota 7.

21 È altresì vero che il modello di struttura comunitaria tratteggiato da Michelet è matriarcale, come ad esempio le città ideali delle formiche e delle api. J. Michelet, L’Insecte, Paris, Librairie Hachette, 18737, cfr. pp. 241-289, 303-354. R. Barthes, Michelet, op. cit., cfr. pp. 116-120.

22 Dalla lettera di Rimbaud a Demeny del 15 maggio 1871. A. Rimbaud, Œuvres complètes, 2009, op. cit., p. 347.

23 J. Michelet, La Sorcière, préface de Roland Barthes, Paris, Le club français du livre, 1959, p. XXIII.

24 Si veda: A. M. Paliyenko, Re-reading la femme poète: Rimbaud and Louisa Siefert, in «Nineteenth-century French studies», University of Nebraska Press, Lincoln, vol. 26, no1-2, 1997-1998, pp.  146-160.

25 Rimbaud conosceva ed apprezzava anche Marceline Desbordes-Valmore; nel verso del manoscritto della prima redazione di Bannières de mai (Patience), il poeta trascrisse un suo ottonario: «Prends-y garde, ô ma vie absente!». Da questo verso, estratto da una poesia (“C’est moi”) delle Élégies et poésies nouvelles (1825), Rimbaud avrebbe preso spunto per la celebre affermazione della Vierge FolleLa vraie vie est absente»). Verlaine, che consacrò alla poetessa uno dei ritratti di Les Poètes maudits, raccontò di essere stato forzato a leggerla da Rimbaud. A. Rimbaud, Œuvres complètes, 2009, op. cit., cfr. pp. 901, 931. P. Verlaine, Œuvres en prose complètes, op. cit., p. 666. O. Bivort, Les ‘Vies absentes’ de Rimbaud et de Marceline Desbordes-Valmore, in «Revue d’histoire littéraire de la France», juilliet-août 2001 / 4, Vol. 101, pp. 1269-1273.

26 A. Rimbaud, Œuvres complètes, 2009, op. cit., p. 260.

27 Rispettivamente in Les Chercheuses de poux, Les Mains de Jeanne-Marie, Les reparties de Nina, Ouvriers e Dévotion.

28 J. Michelet, L’Amour, op. cit., p. 381 (“Notes et éclaircissements”).

29 Ibidem, p. 201.

30 R. Barthes, Michelet, op. cit., p. 120.

31 J. Michelet, L’Amour, op. cit., cfr. p. 129.

32 L’aspirazione ideale ad esser «un enfant, paradisiaquement un enfant» a fianco di una donna consolatrice, tanto in Rimbaud quanto in Baudelaire torce sovente il desiderio dell’Altro femminile; questo assoluto evocato, per Yves Bonnefoy, è l’evidente segnale di un doloroso “strappo” infantile. Le direzioni furono per Baudelaire la speranza di recuperare il breve idillio con Caroline prima del matrimonio con il patrigno, per Rimbaud il rifiuto dell’intransigenza materna e la sua sostituzione con un modello femminile sororale; ad esempio in Chant d’automne Baudelaire assimila alla dolcezza effimera di un glorioso autunno e di un sole che tramonta l’amore, espresso in forma ottativa, di «mère», d’«amante» e di «sœur». Nei due poeti infine l’incubo quotidiano potrà essere dissipato da una figura femminile che sarà amica, sorella, amante e madre: l’Elettra del sublime epilogo della dédicace dei Paradis artificiels. Ch. Baudelaire, Œuvres complètes, op. cit., t. 1, cfr. pp. 57, 400. Si vedano: Y. Bonnefoy, Baudelaire: la tentation de l’oubli, Paris, Bibliothèque nationale de France, 2000, cfr. pp. 37-40 e Y. Bonnefoy, Rimbaud par lui-même, Paris, Éditions du Seuil, 1961, passim. J. E. Jackson, Baudelaire sans fin. Essais sur “Les Fleurs du Mal”, Paris, José Corti, 2005, cfr. pp. 137-141.

33 Ibidem, p. 249.

34 J. Michelet, La Femme, Paris, Calmann Lévy, 1894, p. 423.

35 Lettera di Rimbaud alla famiglia del 30-12-1884. A. Rimbaud, Œuvres complètes, 2009, op. cit., p. 555. Come più volte Michelet ribadisce in La Femme e in Le Prêtre, la Femme et la Famille, la donna ideale è povera ed onesta, perché non viziata da inutili e molli lussi; solo così ella potrà sviluppare al meglio le proprie doti innate. J. Michelet, La Femme, op. cit., cfr. pp. 21-52, 205-232. J. Michelet, Le Prêtre, la Femme et la Famille, Paris, Calmann Lévy, 1881, cfr. pp. 265-312.

36 Lettera di Rimbaud alla famiglia del 6-5-1883. A. Rimbaud, Œuvres complètes, 2009, op. cit., p. 527. Per Pierre Brunel, complice questa confessione, è la lettera più bella scritta da Rimbaud alla famiglia. P. Brunel, Arthur Rimbaud, Paris, Puf, 2008, p. 91.

37 M. Paulinich, Rimbaud e Michelet. Un’ipotesi di lettura, art. cit., cfr. p. 268.

38 J. Michelet, Les Femmes de la Révolution, éd. de P. Labracherie et J. Dumont, Paris, Librairie Hachette, 1960, cfr. p. 24.

39 J. Michelet, Histoire de la Révolution, préface de C. Mettra, Paris, Rencontres, 1967, passim.

40 A. Rimbaud, Œuvres complètes, 2009, op. cit., p. 188. Si veda: Y. Reboul, Jeanne Marie la sorcière in Rimbaud 1891-1991, Actes du colloque de Marseille des 6-10 novembre 1991, éd. A. Guyaux, Honoré Champion, 1994, pp. 39-51. Si rimanda all’articolo di Leuilliot, invece, per il pertinente raffronto tra l’epilogo di La Sorcière e Est-elle almée?.... B. Leuilliot, Rimbaud lecteur de Michelet, art. cit., cfr. pp. 854-855.

41 Jeanne d’Arc e Lutero in particolare sono gli archetipi, rispettivamente, del modello prometeico e del révolté, oltre che le incarnazioni del sotterraneo vibrare che destabilizza il Medioevo scuro e pietrificato di Michelet. M. Paulinich, Rimbaud e Michelet. Un’ipotesi di lettura, art. cit., cfr. p. 260.

42 L’artista ed il Popolo condividono per Michelet la forza che una costante martirizzazione garantisce: «Le fond de l’art, comme celui de la société, ne l’oubliez point, c’est le sacrifice». J. Michelet, Le Peuple, Paris, Calmann-Lévy, 1866, p. 249 e cfr. pp. 195, 292.

43 J. Michelet, La Sorcière, op. cit., cfr. pp. 234-240.

44 Introduzione di Roland Barthes a J. Michelet, La Sorcière, op. cit., cfr. p. XIX.

45 Dalla lettera di Rimbaud a Demeny del 15 maggio 1871. A. Rimbaud, Œuvres complètes, 2009, op. cit., p. 326.

46 Introduzione di Roland Barthes a J. Michelet, La Sorcière, op. cit., cfr. p. XIX.

47 Non posso purtroppo soffermarmi sui singoli brani e ne affido dunque l’analisi al lettore, indicando alcuni passi notevoli: il “prologo”, “Mauvais Sang” (il sabbat) e “Vierge folle” in Une Saison en Enfer, “Phrases” e “Après le Déluge” nelle Illuminations. Non si dimentichino inoltre gli accostamenti più dissimulati con La Sorcière, come quello proposto da J. Gengoux (e, con altra penetrazione, da S. Solmi) in relazione a Jeune Ménage. J. Gengoux, La pensée poétique de Rimbaud, Paris, Nizet, 1950, cfr. pp. 494 e ss., S. Solmi, Saggio su Rimbaud, Torino, Einaudi, 1974, cfr. p. 23 e passim.

48 M. Paulinich, Rimbaud e Michelet. Un’ipotesi di lettura, art. cit., cfr. p. 268.

49 J. Michelet, L’Amour, op. cit., pp. 37-38.

50 Citato da P. Viallaneix in P. Viallaneix, La «Voie royale», essai sur l’idée de peuple dans l’œuvre de Michelet, Paris, Flammarion, 1971, p. 222. Si veda anche: G. Monod, La Vie et la pensée de Jules Michelet, Paris, Champion, 2 voll., 1923, cfr. pp. 80 ss.

51 M. Paulinich, Rimbaud e Michelet. Un’ipotesi di lettura, art. cit., p. 268.

52 Sebbene si tratti pur sempre di personaggi-archetipi, che spesso ricompongono idealmente l’inespressa vis popolare e le speranze degli oppressi.

53 A questo proposito, per un testo filorivoluzionario come Le Forgeron sono state proposte nel corso degli anni composite referenze per via del suo contenuto marcatamente ideologico; tra di esse spicca naturalmente quella michelettiana. Rimando a: B. Leuilliot, Rimbaud lecteur de Michelet, art. cit., cfr. p. 854.

54 Ibidem, p. 857.

55 J. Michelet, Histoire de France, Paris, Librairie Hachette, 18352, t. 1., pp. 128-129.

56 Ibidem, p. 2.

57 A. Rimbaud, Œuvres complètes, 2009, op. cit., p. 251.

58 Ibidem, p. 253. Non diversamente è possibile accostare l’aspirazione conciliatoria del Quinet di Le Génie des Religions e del Michelet di La Bible de l’Humanité alla radicale contrapposizione rimbaldiana tra Oriente e Occidente ne L’Impossible. L’utopica riconciliazione invocata dai due storici è assimilata ad un’evasione salvifica che le lacerazioni personali smentiscono clamorosamente; la «déchirante infortune» è che il poeta riconosce il limbo in cui vive per l’incapacità di rinunciare a questa visione, nella speranza di abbandonare l’Europa «aux anciens parapets», e per l’impossibilità di prescindere dallo spirito occidentale: il poeta è condannato alla sua masochistica lucidità, e l’immagine più suggestiva mi sembra esser quella del poeta che canta «dans le supplice». Si veda: B. Leuilliot, Rimbaud lecteur de Michelet, art. cit.

59 R. étiemble, Le mythe de Rimbaud. Structure du mythe, Paris, Gallimard, 1952, cfr. pp. 72-80.

60 E. Starkie, Jean-Arthur Rimbaud, op. cit., cfr. pp. 116-117. André Guyaux, nelle note a Le Bateau Ivre, passa in rassegna tutti gli accostamenti proposti: Leconte de Lisle (“Bhagavat”), Heredia (“Les Conquérant”), Virgilio, Gautier, Dierx, Coleridge e le riviste illustrate come «Le Magazin pittoresque». A. Rimbaud, Œuvres complètes, 2009, op. cit., cfr. pp. 868-870.

61 Il capitolo II del secondo libro di La Mer è intitolato “La Mer de Lait”, poiché per Michelet l’elemento primitivo di vita è il muco marino (il pesce è, come scrisse Réaumur, «eau gélatinisée»). J. Michelet, La Mer, op. cit., cfr. pp. 111-124.

62 A. Rimbaud, Œuvres complètes, 2009, op. cit., p. 162.

63 J. Michelet, La Mer, op. cit., p. 40. La disquisizione sulle correnti marine del capitolo “Fleuves de la Mer” è per B. Claisse importante per comprendere Métropolitain; il «détroit d’indigo» cui si riferisce Rimbaud, sulla scorta del passo michelettiano, sarebbe il canale che separa Inghilterra ed Irlanda (dove passa la corrente atlantica). L’espressione sinottica «Du détroit d’indigo aux mers d’Ossian» designerebbe perciò le coste britanniche, alludendo all’urbanizzazione ipertrofica di Londra. Si veda “Métropolitain”, Rimbaud et Michelet in B. Claisse, Rimbaud ou “le dégagement rêvé”. Essai sur l’idéologie des Illuminations, Charleville- Mézières, Musée- Bibliothèque Rimbaud, 1990, pp. 94-95.

64 J. Michelet, La Mer, op. cit., p. 171.

65 Ibidem, pp. 173-174.

66 A. Rimbaud, Œuvres complètes, 2009, op. cit., p. 163.

67 J. Michelet, La Mer, op. cit., pp. 229, 306. Anche in La Montagne vi sono alcune descrizioni dei poli e dei ghiacci. J. Michelet, La Montagne, étude par André Theuriet, Paris, Calmann-Lévy, 1927, cfr. pp. 149-159

68 A. Rimbaud, Œuvres complètes, 2009, op. cit., p. 163.

69 Ibidem, p. 209.

70 “Métropolitain”, Rimbaud et Michelet in B. Claisse, Rimbaud ou “le dégagement rêvé”. Essai sur l’idéologie des Illuminations, op. cit., pp. 94-95.

71 A. Rimbaud, Œuvres complètes, 2009, op. cit., p. 309.

72 Ibidem, p. 309.

73 “Métropolitain”, Rimbaud et Michelet in B. Claisse, Rimbaud ou “le dégagement rêvé”. Essai sur l’idéologie des Illuminations, op. cit., p. 94.

74 A questo proposito Claisse riporta le scene michelettiane del corteggiamento e dell’unione delle balene, che assomigliano ai furiosi trasporti di Métropolitain. Non si dimentichi, aggiungiamo noi, che il grande cetaceo è per lo storico un essere quasi umano, una creatura mitica perfetta. Ibidem, cfr. p. 95, nota 95. R. Barthes, Michelet, cfr. p. 96. J. Michelet, La Mer, op. cit., cfr. pp. 235-246.

75 Marine entre Hugo et Michelet in B. Claisse, Rimbaud ou “le dégagement rêvé”. Essai sur l’idéologie des Illuminations, op. cit., p. 16.

76 J. Michelet, L’Amour, op. cit., p. 332.

77 Da Enfance IV. A. Rimbaud, Œuvres complètes, 2009, op. cit., p. 291.

78 Da Villes [I]. Ibidem, p. 302.

79 Da Les Ponts. Ibidem, p. 300.

80 J. Michelet, La Femme, op. cit., pp. 78-79.

81 J. Michelet, Le Prêtre, la Femme et la Famille, op. cit., p. 120.

82 M. Paulinich, Rimbaud e Michelet. Un’ipotesi di lettura, art. cit., cfr. p. 272.

83 Da Enfance IV. A. Rimbaud, Œuvres complètes, 2009, op. cit., p. 292.

84 Rispettivamente da Jaques Rivière e da René étiemble. Dal Rimbaud del 1914 in J. Rivière, Rimbaud. Dossier 1905- 1925, présenté, établi et annoté par R. Lefèvre, Paris, Gallimard, 1991, cfr. pp. 145- 146. R. étiemble-Y. Gauclère, Rimbaud, Paris, Gallimard, 1991, cfr. p. 76.

85 Che una coriacea tradizione ecdotica aveva compromesso: Ruchon scrisse di una «poésie “sans fil”». F. Ruchon, J.-A. Rimbaud, sa vie, son œuvre, son influence, Paris, Honoré Champion, 1929, p. 179.

86 A. Rimbaud, Œuvres complètes, 2009, op. cit., pp. 290-292.

87 J. Michelet, La Montagne, op. cit., pp. 82-83.

88 Ibidem, p. 83.

89 Alcuni proposero il trittico di Van Eyck “L’agnello mistico” (il poeta infatti scrive «en haut du tableau»), altri un ricordo di Rimbaud. A. Rimbaud, Opere, traduzione a c. di I. Margoni, cit., cfr. p. 462. Si veda anche: O. Bivort, Le modèle du discours pictural dans quelques poèmes des “Illuminations”, in Malédiction ou révolution poétique: Lautréamont / Rimbaud, Colloque de Cerisy, éd. J.-P. Corsetti et S. Murphy, Valenciennes, Presses Universitaires, 1990, pp. 147-166.

90 A. Rimbaud, Œuvres complètes, 2009, op. cit., p. 305.

91 Ibidem, p. 306.

92 B. Claisse, Rimbaud ou “le dégagement rêvé”. Essai sur l’idéologie des Illuminations, op. cit., p. 52.

93 A. Rimbaud, Œuvres, Introduction, relevé de variantes et notes, par Suzanne Bernard, op. cit., cfr. pp. 510- 511.

94 B. Claisse, Rimbaud ou “le dégagement rêvé”. Essai sur l’idéologie des Illuminations, op. cit., p. 53.

95 Ibidem, p. 57.

96 J. Michelet, La Femme, pp. 133-135.

97 J. Michelet, L’Insecte, op. cit., p. 156.

98 Ibidem, p. 157.

99 J. Michelet, L’Oiseau, Paris, Librairie Hachette, 18573, p. 10.

100 J. Michelet, La Montagne, p. 195.

101 Dall’introduzione di L. Battaglia a J. Michelet, La Montagne; trad. it.: La Montagna, pref. di M. Rigoni Stern, intr. di L. Battaglia, trad. di C. Gazzelli, Genova, Il Melangolo, 2001, p. 24.

102 In Rimbaud, pur nell’esiguità materiale del riferimento programmatico, è indubbio che l’idea dell’uomo che si fa carico del mondo animale, anziché contrastarlo e distruggerlo, è filtrata dai testi ecologisti michelettiani. Nella lettera del 15 maggio 1871, Rimbaud sostiene che il poeta veggente non dovrà soltanto occuparsi dell’umanità, ma dell’intero mondo vivente, riscattando persino la schiavitù cui finora sono stati condannati gli animali: «Il est chargé de l’humanité, des animaux même»; questo proclama iperbolico costituisce un altro puntuale raccordo con Michelet. A. Rimbaud, Œuvres complètes, 2009, op. cit., p. 346.

103 J. Michelet, L’Insecte, op. cit., p. 42.

104 J. Michelet, La Sorcière, p. 4.

105 Soprattutto L’Exil des dieux e La Cithare di Banville. Si vedano le note di Antoine Adam in A. Rimbaud, Œuvres complètes, édition établie, présentée et annotée par Antoine Adam, Paris, Gallimard, «Bibliothèque de la Pléiade», 1972, pp. 845-846.

106 Ossia la lettera del 15 agosto 1871, che contiene Ce qu’on dit au poète à propos de fleurs. A. Rimbaud, Œuvres complètes, 2009, op. cit., cfr. pp. 357-362.

107 R. étiemble-Y. Gauclère, Rimbaud, op. cit., p. 117.

108 Ma ricompararirà in Villes [II], a proposito di cui Claisse ha scritto di una «apothéose de Vénus». Da “Villes [I] et Villes [II] ou le jeu de miroirs” in B. Claisse, Rimbaud ou “le dégagement rêvé”. Essai sur l’idéologie des Illuminations, op. cit., p. 72.

109 A. Rimbaud, Œuvres complètes, 2009, op. cit., p. 149.

110 In questo caso l’identificazione è duplice, poiché “Clysopompes” ingloba la parola “Lys”. Ibidem, op. cit., p. 172.

111 Ibidem, pp. 35- 36.

112 J. Michelet, La Femme, op. cit., cfr. pp. 112-126.

113 A. Rimbaud, Œuvres complètes, 2009, op. cit., p. 43.

114 J. Michelet, La Mer, op. cit., p. 201.

115 Ibidem, pp. 238, 401.

116 Escludendo Rêve, poesia-caricatura inclusa nella lettera di Rimbaud a Delahaye del 14 ottobre 1875.

117 A. Rimbaud, Œuvres complètes, 2009, op. cit., p. 267.

118 Ibidem, p. 196.

119 Da Le loup criait sous les feuilles. Ibidem, p. 266.

120 Da Bannières de Mai. Ibidem, p. 209.

121 Lettera di Rimbaud a Izambard del 2 novembre 1870. Ibidem, p. 337.

122 Ibidem, pp. 209-210.

123 «je prenais une expression bouffonne et égarée au possible […] Je devins un opéra fabuleux». Da Alchimie du Verbe in Une Saison en Enfer, Ibidem, pp. 267-268.

124 M. Carrouges, La Mystique du Surhomme; ed. it.: L’avventura mistica della letteratura, trad. it. di R. Gradi, Roma, Edizioni Abete, 1968, cfr. pp. 435-484.

125 H. Friedrich, Die Struktur der modernen Lyrik; trad. it.: La struttura della lirica moderna, Milano, Garzanti, 2002, cfr. pp. 61-65.

126 A. Rimbaud, Œuvres complètes, 2009, op. cit., p. 266.

127 L’abbozzo della scena rafforza questa interpretazione: «Je restais de longues heures la langue pendante, comme les bêtes harassées». Ibidem, p. 283.

128 Ma nell’allucinazione il sole assale anche la natura minuta: «Oh! le moucheron enivré à la pissotière de l’auberge, amoureux de la bourrache, et que dissout un rayon». Ibidem, p. 266.

129 J. Michelet, L’Oiseau, op. cit., pp. 125, 128. La seconda citazione è in italico nell’originale.

130 J. Michelet, La Femme, cfr. pp. 436-437.

131 Y. Bonnefoy, Rimbaud par lui-même, op. cit., cfr. pp. 146 e ss.

132 Da L’Albatros, in Les Fleurs du Mal. Ch. Baudelaire, Œuvres complètes, op. cit., t. I, p. 9.

133 Lettera di Rimbaud a Demeny del 15 maggio 1871. A. Rimbaud, Œuvres complètes, 2009, op. cit., p. 348. In italico nell’originale.

134 Ibidem, p. 96.

135 J.-P. Sartre, Baudelaire, précédé d’une note de M. Leiris, Paris, Gallimard, 1975, p. 102.

136 Sartre, impietoso nei confronti di Baudelaire, schematizza nel modo seguente: «Rimbaud ne perd pas son temps à prendre la nature en horreur: il la casse comme une tirelire. Baudelaire ne casse rien du tout: son travail est seulement de travestir e d’ordonner. […] Baudelaire est pur créateur de forme; Rimbaud crée forme et matière». Ibidem, pp. 146-147.

137 Ch. Baudelaire, Correspondance, texte établi, présenté et annoté par Cl. Pichois avec la collaboration de J. Ziegler, Paris, Gallimard, «Bibliothèque de la Pléiade», deux tomes, 1973, t. I, p. 532.

138 Si legga Le Peintre de la vie moderne: «Tout ce qui est beau et noble est le résultat de la raison et du calcul. Le crime, dont l’animal humain a puisé le goût dans le ventre de sa mère, est originellement naturel. La vertu, au contraire, est artificielle, surnaturelle […]». Ch. Baudelaire, Œuvres complètes, op. cit., t. II, p. 715.

139 J.-P. Sartre, Baudelaire, op. cit., p. 96.

140 Ibidem, p. 95.

141 Si veda la celebre lettera programmatica a Ferdinand Desnoyers, dove Baudelaire si dissocia apertamente dall’imperante religione romantica della natura, ed oppone ad essa la propria poesia urbana. AA. VV., Hommage à C. F. Denecourt. Fontainebleau, Paysages – Légendes – Souvenirs – Fantaisies, Paris, Librairie de L. Hachette, 1855, pp. 75-80.

142 Da Mœsta et Errabunda in Les Fleurs du Mal. Ch. Baudelaire, Œuvres complètes, op. cit., t. I, p. 63.

143 Nel mio studio ho volutamente tralasciato il principale punto di contatto tra Rimbaud e Michelet, che afferisce all’attesa millenarista e messianica nel segno di un’entità dai contorni sfuggenti, il Génie; la scelta è stata resa necessaria dall’ampio ventaglio che avrebbe aperto una trattazione adeguata del problema, su cui peraltro è disponibile una buona bibliografia, cui rimando. A. Adam, “Génie”, in Le Bateau ivre, Bulletin des Amis de Rimbaud, juillet 1957, A. Rimbaud, Œuvres complètes, 2009, op. cit., cfr. pp. 982-983. Y. Bonnefoy, Rimbaud par lui-même, op. cit., pp. 146- 156, 181-182. A. Rimbaud, Œuvres complètes, 1972, op. cit., cfr. pp. 1019-1020.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Andrea Schellino, « «À coups de “mauvaises lectures”»: itinerari michelettiani e riscrittura in Arthur Rimbaud »Studi Francesi, 163 (LV | I) | 2011, 87-107.

Notizia bibliografica digitale

Andrea Schellino, « «À coups de “mauvaises lectures”»: itinerari michelettiani e riscrittura in Arthur Rimbaud »Studi Francesi [Online], 163 (LV | I) | 2011, online dal 30 novembre 2015, consultato il 11 juillet 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/5834; DOI: https://doi.org/10.4000/studifrancesi.5834

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals