Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Settecento

Sébastien Joseph Antoine Cupis de Camargo, Lettres de Cang-ti, grand mandarin de la Chine, recueillies par Mylord Shaftesbury

Stefania Carli
p. 177
Notizia bibliografica:

Sébastien Joseph Antoine Cupis de Camargo, Lettres de Cang-ti, grand mandarin de la Chine, recueillies par Mylord Shaftesbury, édition critique présentée par Jeroom Vercruysse, Paris, Honoré Champion éditeur, 2009, pp. 519.

Testo integrale

1L’opera, qui presentata e curata da Jeroom Vercruysse, risale al 1772 e fu composta da un giovane autore appartenente ad una nota famiglia di Bruxelles che, dopo una vita alquanto tumultuosa, morirà suicida a soli ventidue anni. Le Lettres de Cang-ti non sono una semplice «chinoiserie», particolarmente di moda nel Settecento, quanto piuttosto una dura critica alle religioni: come fa notare Vercruysse nella sua precisa introduzione, le Lettres de Cang-ti rappresentano infatti il punto d’incontro verso il quale convergono le correnti più materialiste e radicali che si impongono durante l’Illuminismo.

2Sébastien Joseph Antoine Cupis de Camargo dimostra una vera e propria venerazione per Voltaire, al quale egli sembra ispirarsi: ma al deismo di quest’ultimo, il giovane autore belga preferisce presto un convinto ateismo. Nelle sue Lettres, Cupis de Camargo attacca in modo violento il fanatismo, la superstizione e i dogmi della religione. In particolare, la morale cristiana viene sostituita dalla morale naturale e dall’esaltazione della libertà, del fato, della materialità dell’uomo e persino dall’apologia del suicidio. Nelle Lettres de Cang-ti, il Cristianesimo diventa una sorta di impostura che, come sottolinea l’autore, degrada l’essere umano. Secondo Cupis de Camargo, l’uomo deve imparare ad obbedire unicamente ai sensi e all’istinto: solo così egli potrà ricercare in modo adeguato la felicità personale e diventare padrone della propria esistenza.

3Il materialismo radicale e il linguaggio quasi blasfemo che l’autore impiega in alcuni passaggi della sua opera contribuiscono a rendere le Lettres de Cang-ti, grand mandarin de la Chine, recueillies par Mylord Shaftesbury un’importante testimonianza del pensiero antireligioso che si afferma nella seconda metà del diciottesimo secolo, una testimonianza giustamente riscoperta e valorizzata da Jeroom Vercruysse.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Stefania Carli, « Sébastien Joseph Antoine Cupis de Camargo, Lettres de Cang-ti, grand mandarin de la Chine, recueillies par Mylord Shaftesbury »Studi Francesi, 163 (LV | I) | 2011, 177.

Notizia bibliografica digitale

Stefania Carli, « Sébastien Joseph Antoine Cupis de Camargo, Lettres de Cang-ti, grand mandarin de la Chine, recueillies par Mylord Shaftesbury »Studi Francesi [Online], 163 (LV | I) | 2011, online dal 30 novembre 2015, consultato il 10 juillet 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/5972

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals