Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Ottocento a) dal 1800 al 1850

R. Rossi, Arte e schizofrenia: un lavoro comune

Marco Stupazzoni
p. 187
Notizia bibliografica:

R. Rossi, Arte e schizofrenia: un lavoro comune, «Giornale italiano di Psicopatologia» n° 14, 2008, pp.  3-9.

Testo integrale

1Pur sottolineando la non-sovrapponibilità assoluta tra arte e schizofrenia, l’A. intende ricercare, in questo studio, le componenti e le funzioni disgreganti e destrutturanti che sono comuni tanto alla creazione artistica quanto alla patologia schizofrenica. Fornendo alcuni esempi che rimandano all’arte narrativa, che l’A. ritiene fondata sulla «struttura depressiva» (p.  6), è citato Balzac, definito come «l’iniziatore della psichiatria», di cui viene riportato un estratto delle Femme de trente ans dove è protagonista Mme d’Aiglemont che Rossi ritiene «l’esempio più armonico, più stilisticamente ordinato […] di come un giovane psichiatra dovrebbe stilare la storia di una depressione» (ibid.).

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Marco Stupazzoni, « R. Rossi, Arte e schizofrenia: un lavoro comune »Studi Francesi, 163 (LV | I) | 2011, 187.

Notizia bibliografica digitale

Marco Stupazzoni, « R. Rossi, Arte e schizofrenia: un lavoro comune »Studi Francesi [Online], 163 (LV | I) | 2011, online dal 30 novembre 2015, consultato il 14 juillet 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/6013

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals