Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Ottocento a) dal 1800 al 1850

Alfred de Musset, «Si jétais femme». Poèmes choisis

Valentina Ponzetto
p. 193-194
Notizia bibliografica:

Alfred de Musset, «Si j’étais femme». Poèmes choisis, préface de Frank Lestringant, Paris, Seuil, 2010, «Points», pp.  194.

Testo integrale

1Un’agile antologia tascabile curata da un grande specialista è un po’ come un croissant: un piccolo, delizioso piacere alla portata di tutti. È quanto ci offre Frank Lestringant, già curatore di un’edizione di Poésies complètes di Musset (Paris, Livre de Poche, 2006), con questa raccolta di «poèmes choisis», estrapolati dalle raccolte volute a suo tempo dall’autore, disposti per ordine cronologico e suddivisi in due grandi sezioni, «L’adolescence de Musset» (1829-1833) e «Le poète de l’immaturité» (1833-1850).

2Il titolo, «Si j’étais femme», incipit del frizzante e grazioso poema Conseils à une parisienne, riassume da solo l’originale partito preso del volume: sottolineare, senza per questo bollarli con un giudizio negativo, gli aspetti intrinsecamente femminili della poesia di Musset. L’introduzione riprende dunque, commentandoli e reinterpretandoli, due vecchi cliché che accompagnano Musset fin dall’Ottocento: quello di un poeta effeminato, «féminin et sans doctrine» o «à effusions gracieuses» (Baudelaire), e quello di un poeta per signorine, buono per le romanze da suonare nei salotti e per le corbeilles nuziali.

3Dopo aver passato in rassegna i giudizi di alcuni insigni scrittori su Musset, Frank Lestringant mostra come la vera parte femminile del poeta consista in realtà nel sapersi calare, per lo spazio di un poema o di una novella, nei panni di una donna, con un mimetismo tanto perfetto quanto seducente, come accade nelle due poesie che – estrapolate dall’ordine cronologico – rispettivamente aprono e chiudono l’antologia: l’esplicito autoritratto nei panni di una giovane e bella dama dell’alta società di Conseils à une parisienne e il celeberrimo «profil de grisette» della Chanson de Mimi Pinson.

4Ma l’abolire le barriere fra i sessi, l’ostentare una strategia mimetica, l’esibire le proprie debolezze e il proprio lato femminile sono in realtà, come gli amati Casanova e Faublas hanno ben insegnato a Musset, altrettante armi di seduzione. Se il poeta si mostra così vicino alle donne, è soprattutto per meglio dichiarare loro la propria passione e per instaurare un gioco sottilmente erotico. Dalla sensualità incandescente dei Contes d’Espagne et d’Italie allo slancio delle dichiarazioni a George Sand, Caroline Jaubert o Aimée d’Alton e all’elegante malinconia di Tristesse o Sur trois marches de marbre rose, «Si j’étais femme» raccoglie un’antologia che può ancora facilmente sedurre anche le lettrici emancipate e critiche del xxi secolo.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Valentina Ponzetto, « Alfred de Musset, «Si jétais femme». Poèmes choisis »Studi Francesi, 163 (LV | I) | 2011, 193-194.

Notizia bibliografica digitale

Valentina Ponzetto, « Alfred de Musset, «Si jétais femme». Poèmes choisis »Studi Francesi [Online], 163 (LV | I) | 2011, online dal 30 novembre 2015, consultato il 02 juillet 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/6033

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals