Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Ottocento b) dal 1850 al 1900

Yves Reboul, Rimbaud dans son temps

Mario Richter
p. 200-201
Notizia bibliografica:

Yves Reboul, Rimbaud dans son temps, Paris, Éditions classiques Garnier, 2009, pp. 438.

Testo integrale

1In questo libro l’A. intende riportare Rimbaud alla realtà storico-letteraria del suo tempo, sottraendolo, come dice, alle manipolazioni di quanti hanno trattato il poeta come se fosse un aerolite venuto da non si sa dove. Si è per questo impegnato, non diversamente da quanto va facendo da anni anche Steve Murphy, a reinserire Rimbaud nel suo più concreto contesto storico, a cominciare dal momento in cui esplose l’ultima fiammata del romanticismo politico, visionario e vagamente escatologico, che si è espressa in particolare nella Comune. L’A., pur riconoscendo che l’opera di Rimbaud non si spiega soltanto alla luce della situazione politica del suo tempo, osserva dunque che il suo principale scopo consiste nel voler rimediare all’inconveniente di chi, come Rimbaud, ha avuto «l’infortune d’ être un poète du xixe siècle qui a été lu et glosé au xxe». Il libro appare costituito, nel suo insieme, dall’utile ripresa di interventi critici che negli ultimi trent’anni l’A. ha via via pubblicato in riviste specialistiche e di alcuni dei quali già si è reso conto in questa rivista. La sua attenzione si concentra nella prima parte (il volume comporta due parti) su problemi di carattere più generale, in particolare sul rapporto di Rimbaud con gli ideali del suo tempo e con l’evento rivoluzionario della Comune. La seconda parte è dedicata alla esegesi di tredici testi, spesso considerati in rapporto con quanto è illustrato nella prima parte (Les Mains de Jeanne-Marie, L’Homme juste, Les Chercheuses de poux, Les Douaniers, Michel et Christine, Voyelles, «L’Étoile a pleuré rose...», Paris dell’Album zutique, Bonne pensée du matin, Mystique, Being Beauteous, Dévotion, Barbare). Ad esempio, Les Mains de Jeanne-Marie, L’Homme juste e Michel et Christine sono osservati in connessione con la Comune; i Douaniers sono inseriti negli avvenimenti del 1871. Les Chercheuses de poux sono viste nell’ottica della vocazione bohème di Rimbaud («...loin d’être réductible à une anecdote et en dépit d’un ton un peu précieux qui est peut-être un leurre, Les Chercheuses de poux fait partie des poèmes où Rimbaud dit sa situation du moment dans ce qu’elle a de plus profond»), mentre il sonetto Voyelles è considerato una sarcastica reazione ai temi di rigore nelle scuole poetiche dell’epoca.

2Il libro si conclude con un’interessante appendice intitolata Traité des trois imposteurs: Verlaine, Isabelle Rimbaud, Delahaye, nella quale tre fra i principali testimoni diretti di Rimbaud sono sottoposti al vaglio della critica per essere giudicati tre autentici impostori, specie per quanto riguarda la cronologia delle Illuminations, donde la seguente conclusione: «En vérité, quand on pense aux conséquences de cette affaire, on se dit qu’il y a là quelque chose d’un peu humiliant pour l’esprit: des impostures si médiocres, si ridicules même, et un triomphe qu’on n’aurait jamais pu imaginer, triomphe qui ne concerne pas, tant s’en faut, la seule poésie, mais désigne sans doute la ligne de fracture de toute une société. Plaudite cives!».

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Mario Richter, « Yves Reboul, Rimbaud dans son temps »Studi Francesi, 163 (LV | I) | 2011, 200-201.

Notizia bibliografica digitale

Mario Richter, « Yves Reboul, Rimbaud dans son temps »Studi Francesi [Online], 163 (LV | I) | 2011, online dal 30 novembre 2015, consultato il 08 juillet 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/6051

Torna su

Autore

Mario Richter

Articoli dello stesso autore

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals