Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Cinquecento

Philippe de Lajarte, L’Humanisme en France au xvie siècle

Michele Mastroianni
p. 346-347
Notizia bibliografica:

Philippe de Lajarte, L’Humanisme en France au xvie siècle, Paris, Champion, 2009 («Unichamp-Essentiel», 20), pp. 374.

Testo integrale

1Nella meritoria collezione di manuali universitari «Unichamp-Essentiel», ove già trovavamo una Histoire de la littérature française du xvie siècle a cura di Richard Crescenzo (2001), compare ora una storia dell’Umanesimo nella Francia del Cinquecento che, ben lungi dal fare double emploi rispetto al precedente volume, fornisce un approccio diverso, attento alla storia delle idee, alla formazione ed evoluzione delle categorie storiografiche, alle connessioni fra pensiero filosofico e pensiero religioso, alla formazione di un pensiero politico e di un savoir scientifico nuovo. Viene ricercata una definizione dell’Umanesimo inteso in primo luogo come categoria storica, riassumendo anzitutto in un quadro di grande chiarezza l’evoluzione dei concetti di Umanesimo e di Rinascita nella storiografia europea, a partire dal Rinascimento stesso fino a quel punto di arrivo rappresentato dal grande libro di Burckhardt e, oltre, fino al moltiplicarsi delle interpretazioni novecentesche. Il dibattito cruciale sul tema della rottura o continuità fra Medioevo e Rinascimento è tenuto presente. In particolare si dedica una breve sezione a quello che da tempo si suole definire Preumanesimo o primo Umanesimo francese, caratterizzato in particolare dalle grandi figure dell’epoca di Carlo VI, Clamanges, Montreuil e Gerson. Forse, a questo proposito, sarebbe stato auspicabile (ma è forse un rimpianto del recensore, che appartiene alla tradizione critica torinese) una maggiore attenzione al significato di transizione di questo periodo – di quel Quattrocento che ha un’indubbia originalità – e, soprattutto, ai lavori fondamentali della scuola di Franco Simone e di Gilbert Ouy, che non vengono neppure menzionati in bibliografia. È pur vero, tuttavia, che il volume è axé sul Cinquecento, di cui vengono egregiamente evidenziati i problemi di fondo.

2Le grandi linee seguite dall’A. sono in primo luogo quelle concernenti gli approcci metodologici, che trovano illustrazione in alcuni débats significativi: anzitutto il dibattito sulla lingua – a partire dalla querelle sul ciceronianesimo alla discussione sull’uso del latino o del volgare e sulle questioni inerenti quest’ultimo –, dibattito che si allarga a una serie di problemi minori ma comunque importanti, come quello dell’ortografia, o che trascendono il livello linguistico pure e semplice, come quello della lettura, dell’analisi dei testi e della traduzione. Inoltre, vengono ricostruite le connessioni fra trasformazioni intellettuali e spirituali, con attenzione al rapporto (duplice, di convergenza e divergenza) fra Umanesimo e Riforma, fra lettere profane e lettere sacre, in un’indagine chiara e limpida sul problema del sincretismo filosofico-religioso (neoplatonismo). Così pure, viene consacrata una sezione centrale ai rapporti fra Umanesimo e quei savoirs che vanno al di là dell’ambito delle humanae litterae, della filosofia e della teologia: dal nuovo modo di concepire la storia all’impatto con i vari campi delle scienze sperimentali, l’A. sviluppa un discorso teso a definire un metodo di autonomisation e di laïcisation, cui contribuiscono sia l’Umanesimo erudito che quello filosofico. Infine viene affrontato lo strutturarsi del campo più propriamente letterario sotto l’impatto del movimento umanistico, seguendo alcune filières di fondo: il problema retorico del linguaggio e dei modelli (la trattatistica), il rapporto dell’Umanesimo con il configurarsi dei vari generi (la poesia, il dialogo, l’essai, la letteratura narrativa, il teatro). Il panorama termina con un rapido ma interessante aperçu sulle connessioni fra l’Umanesimo e le arti (figurative e musica).

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Michele Mastroianni, « Philippe de Lajarte, L’Humanisme en France au xvie siècle »Studi Francesi, 161 (LIV | II) | 2010, 346-347.

Notizia bibliografica digitale

Michele Mastroianni, « Philippe de Lajarte, L’Humanisme en France au xvie siècle »Studi Francesi [Online], 161 (LIV | II) | 2010, online dal 30 novembre 2015, consultato il 12 juillet 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/6570

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals