Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Cinquecento

Aa. Vv., «Il segretario è come un angelo». Trattati, raccolte epistolari, vite paradigmatiche, ovvero come essere un buon segretario nel Rinascimento, a cura di Rosanna Gorris Camos

Michele Mastroianni
p. 352
Notizia bibliografica:

Aa. Vv., «Il segretario è come un angelo». Trattati, raccolte epistolari, vite paradigmatiche, ovvero come essere un buon segretario nel Rinascimento, a cura di Rosanna Gorris Camos, Fasano, Schena Editore, 2008 («Gruppo di Studio sul Cinquecento francese», 14) pp. 367.

Testo integrale

1Il convegno veronese (25-27 maggio 2006) consacrato alla figura del segretario nella prassi umanistico-rinascimentale, si è inserito in un progetto di ricerca internazionale, di cui è completamento, su Les instruments de travail des humanistes strutturata intorno ad alcune grandi tematiche, quali la lingua, i libri, il Libro. Nel corso del convegno «sono stati affrontati vari aspetti di questa figura complessa e proteiforme; si è tentato di stabilire chi fossero e cosa rappresentassero in un secolo che è stato definito, con ragione, ‘il secolo dei segretari’ e che ha visto fiorire, in Italia, ma anche in Francia e in Europa, un’importante trattatistica sull’argomento» (p. 8).

2I contributi raccolti sono i seguenti: Rosanna Gorris Camos, Dall’angelo alla colomba: il volo del segretario (pp. 7-28), Tobia Zanon, Campi semantici e usi letterari del termine ‘segretario’: dalle origini al primo Barocco (pp. 31-44), Olivier Millet, Calvin, la main du maître: questions d’authencité (pp. 47-60), Viviane Mellinghoff-Bourgerie, Le «Secrettaire» de Gabriel Chappuys, face au «Del Secretario» de Francesco Sansovino et à «The English Secretary» d’Angel Day. Remarques sur l’héritage de l’éthos épistolographique érasmien (pp. 63-91), Concetta Cavallini, L’art du secrétaire dans l’œuvre de Battista Guarini: théorie et pratique, «Il Segretario» e les «Lettere», (pp. 93-108), Anderson Magalhães, «Uno scrittore di cose segrete»: la fortuna de «Il Secretario» di Torquato Tasso tra Italia e Francia (pp. 109-142), Felice Gambin, L’inchiostro e la spada. Il segretario nella trattatistica spagnola del Cinque e Seicento (pp. 143-160), Mariangela Miotti, Tra sigillo e imprese: il lavoro dei segretari delle Accademie (pp. 163-174), Monia Mezzetti, Essere segretario in tempi difficili: Lhuillier de Maisonfleur alla corte del duca d’Alençon (pp. 175-183), Dominique de Courcelles, Les enjeux politiques de l’angélologie à la Renaissance: de Nicolas de Cues à Francisco Suarez et Francisco Pacheco (pp. 185-195), Catherine Magnien-Simonin, Estienne Du Trochet, secrétaire, des «Lettres missives et familieres» (1569) aux «Finances et Thresor de la plume françoise de E.D.T.» (1572) (pp. 199-213), Maria Grazia Bianchi, Una galleria di segretari. Le lettere di Jacopo Corbinelli, la vita di corte e il ruolo intellettuale del segretario (pp. 215-240), Anne-Marie Lievens, Periferia del potere e propaganda della missiva: segretari spagnoli nelle stamperie veneziane (pp. 243-259), Daniela Costa, Dall’ideale del cortegiano alla figura del segretario: metamorfosi del modello castiglionesco tra Italia e Francia nel Cinquecento (pp. 261-270), Frank Lestringant, Le secret de Clément Marot (pp. 273-291), George Hugo Tucker, ‘Cygnes’ du ‘secret’ et vers ‘secretaires’ chez Joachim Du Bellay (pp. 293-323), Magda Campanini Catani, Dal manuale alla raccolta: teoria e pratica della scrittura epistolare attaverso i «Secrétaires» (pp. 327-337), Valerio Cordiner, Lupolde, o l’avvedutezza dei segretari (pp. 339-367).

3Come appare dall’indice stesso delle comunicazioni, nelle sezioni del convegno si è affrontato lo studio della trattatistica e delle raccolte di modelli di lettere destinate ai segretari, sono stati inoltre illustrati alcuni casi paradigmatici di segretari di principi, di stampatori, di ambasciatori, di umanisti e di cardinali. Particolare oggetto di attenzione ha fornito lo statuto del segretario nel Rinascimento, l’evoluzione del suo status e le differenze fra i vari ambienti e le varie corti, in una successione di analisi che, pur privilegiando il milieu francese e quello italiano, scelgono decisamente la prospettiva comparatista, come nella lettura parallela del trattato Del Secretario di Sansovino, della sua traduction camouflée di Gabriel Cappuys e di un testo inglese, quale The English Secretary di Angel Day. Particolarmente interessante, dunque, è la panoramica dei saggi qui disposti lungo due direttive di fondo: la ricostruzione della figura del segretario cinquecentesco, in quanto personaggio sociale, e l’indagine sui manuali di epistolografia – i secrétaires appunto – che tanta importanza hanno nello sviluppo della retorica rinascimentale, con uno sguardo attento sull’attività letteraria di autori che furono ad un tempo poeti e secrétaires, come Marot e Du Bellay.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Michele Mastroianni, « Aa. Vv., «Il segretario è come un angelo». Trattati, raccolte epistolari, vite paradigmatiche, ovvero come essere un buon segretario nel Rinascimento, a cura di Rosanna Gorris Camos »Studi Francesi, 161 (LIV | II) | 2010, 352.

Notizia bibliografica digitale

Michele Mastroianni, « Aa. Vv., «Il segretario è come un angelo». Trattati, raccolte epistolari, vite paradigmatiche, ovvero come essere un buon segretario nel Rinascimento, a cura di Rosanna Gorris Camos »Studi Francesi [Online], 161 (LIV | II) | 2010, online dal 30 novembre 2015, consultato il 11 juillet 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/6594

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals