Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Settecento

L’écran des Lumières: regards cinématographiques sur le xviiie siècle, sous la direction de Martial Poirson et Laurence Schifano

Maurizio Melai
p. 368-369
Notizia bibliografica:

L’écran des Lumières: regards cinématographiques sur le xviiie siècle, sous la direction de Martial Poirson et Laurence Schifano, Oxford, Voltaire Foundation, 2009 (SVEC 2009:7), pp. 324.

Testo integrale

1Il rapporto privilegiato che esiste tra l’arte cinematografica ed il secolo dei Lumi sembra fondarsi su una perfetta biunivocità: se da una parte è nel Settecento che si creano i presupposti per la nascita del cinema – presupposti sia di ordine tecnico-materiale, con l’apparizione dei primi dispositivi di proiezione di immagini animate, che di ordine poetico-espressivo, con l’emergere di una scrittura letteraria condotta secondo espedienti registico-cinematografici –, dall’altra il cinema novecentesco propone numerose pellicole ambientate nel Settecento e adattamenti di romanzi settecenteschi. Incentrato sul rapporto dialettico di scambio reciproco tra la settima arte ed il secolo dei Lumi, il volume edito da Poirson e Schifano, e suddiviso in sei parti che affrontano la questione secondo prospettive diverse e complementari, raccoglie una serie di articoli di notevole originalità ed interesse.

2Della prima sezione, «Archéologie filmique des Lumières», fanno parte l’articolo di Jean-Claude Bonnet (Louis-Sébastien Mercier: l’homme caméra, pp. 3-15), che riscontra la presenza di uno sguardo «registico» all’interno del Tableau de Paris e del Nouveau Paris di Mercier, e l’articolo di François Amy de la Bretèque (Le dix-huitième optique et mécanique de Jean Renoir: préfiguration du siècle du cinéma, pp. 17-28), che si sofferma sull’aspetto metalinguistico della Marseillaise e della Règle du jeu girati da Jean Renoir, in cui il Settecento, visto come secolo dell’illusione e della dissoluzione dell’essere individuale nell’apparire sociale, si profila come l’epoca cinematografica per eccellenza.

3Nella seconda parte, «La caméra dans le boudoir», quattro articoli si occupano delle riproposizioni cinematografiche di opere e personaggi letterari settecenteschi nel secondo dopoguerra. Ericka Knudson, in Variations autour du libertinage dans les films de la Nouvelle Vague: entre “Werther” et “Don Juan” (pp. 31-45), rimarca la tematizzazione del conflitto tra sentimentalismo romantico e dandismo libertino nei film della Nouvelle Vague incentrati sulle figure di Don Giovanni e di Werther; Michel Delon, in L’ascenseur, le téléphone et l’amour, ou la modernisation du dix-huitième siècle (pp. 47-56), si sofferma sugli elementi di rilettura del passato in chiave moderna, quali la trasformazione della lettera in telefono e del punto di vista narrativo in angolatura della cinepresa, presenti in Les Dames du Bois de Boulogne di Bresson, Les Amants di Malle e Les Liaisons dangereuses di Vadim; Martial Poirson (Le retour du refoulé cinématographique sadien dans “Marquis” de Topor et Xhonneux, pp. 57-81) analizza la trasposizione estremamente originale della vita e dell’opera di Sade in un film, il Marquis di Topor e Xhonneux, che individua nella lunga solitudine in carcere la scintilla dell’immaginazione creativa del divin marchese. Dorotée Polanz, infine, in Sade au prisme du cinéma étranger (pp. 83-98), osserva che i migliori film non francesi girati su Sade non sono probabilmente quelli che vogliono ripercorrerne la vita o adattarne le opere, ma quelli che cercano di riprodurre un’atmosfera e un paradigma estetico.

4Nella terza sezione, «En mal de reconstitution», Laurence Schifano (L’invention filmique du dix-huitième siècle, pp. 101-109) si interroga, a partire da La Nuit de Varennes di Scola, da Casanova di Fellini e da L’Anglaise et le duc di Rohmer, sulla possibilità di far effettivamente riaffiorare il secolo dei Lumi attraverso strategie di regia portatrici di una storicità ben specifica; Gaspard Delon, in Trompe-l’œil et fausses perspectives autour de “Barry Lyndon” (pp. 121-132), rileva le incongruenze di una ricezione francese troppo sociologica e rousseauiana del Barry Lyndon di Kubrick; Marie Martin, in Greenaway avec Starobinski: le dix-huitième siècle comme espace de résonances imaginaires dans “Meurtre dans un jardin anglais” (pp. 133-143), mostra come la perturbazione dell’asse spazio-temporale sia mobilitata da Greenaway in favore di una rappresentazione sensuale e decadente del Settecento.

5Nella quarta parte, «En quête de narration», lo studio di Denis Reynaud (Rêves, épisodes, citations et autres insertions du dix-huitième siècle au cinéma, pp. 147-157) passa in rassegna una cinquantina di pellicole ambientate nell’epoca contemporanea in cui il Settecento si inserisce sotto le forme della citazione, dello sketch, del viaggio nel tempo, dell’intrusione e del meta-racconto; Guy Spielmann (L’infilmable dix-huitième siècle de “Tristram Shandy” à “Münchhausen”: adaptation, transposition, inspirations, pp. 159-182) analizza le difficoltà del processo traspositivo dal linguaggio testuale-romanzesco al linguaggio visivo-filmico attraverso alcuni esempi di films tratti da romanzi strutturalmente complessi; Zeina Hakim (De la transgression narrative à la contamination fictionnelle dans “Jacques le fataliste” de Diderot et dans “La Rose pourpre du Caire” de Woody Allen, pp. 183-197) prende in esame le strategie di rottura della barriera tra finzione e realtà messe in pratica, attraverso l’uso della figura perturbatrice della metalessi narrativa, in due opere così lontane per epoca e linguaggio quali un romanzo di Diderot ed un film di Allen.

6Compongono la quinta sezione, intitolata «L’écran patrimonial», rispettivamente, l’articolo di Antoine de Baecque (Sacha Guitry, historien de la France, pp. 201-210), in cui si analizza la portata simbolico-polemica della rappresentazione della civiltà cortigiana francese tratteggiata da Guitry in Si Versailles m’était conté, lo studio di Christian Biet (“Ridicule” ou l’anthropologie du frivole, pp. 211-229) sulle tematiche dell’umiliazione e della maschera in Ridicule di Waterhouse, affrontate attraverso il gioco della contaminazione tra citazioni letterarie, ed infine l’articolo di Yves Citton, intitolato Du bon usage de l’anachronisme (“Marie-Antoinette”, Sophia Coppola et “Gang of Four”) (pp. 231-247), dove si rilevano gli effetti interessanti dei deliberati anacronismi riscontrabili nel recente film d’ambientazione settecentesca di Sophia Coppola.

7In chiusura di questo ricco e stimolante volume, una sesta sezione Lectures actualisantes et création continuée») raccoglie le testimonianze dirette dei registi Benoît Jacquot (nel testo L’art et la manière du “devenir-époque”: propos recueillis par Martial Poirson et Laurence Schifano, pp. 251-261) e Jean-Claude Carrière (nel testo Les fantômes de la liberté: propos recueillis par Laurence Schifano, pp. 263-274), che si esprimono sul loro personale rapporto con il secolo dei Lumi e sulle complesse modalità di interazione tra cinema e storia.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Maurizio Melai, « L’écran des Lumières: regards cinématographiques sur le xviiie siècle, sous la direction de Martial Poirson et Laurence Schifano »Studi Francesi, 161 (LIV | II) | 2010, 368-369.

Notizia bibliografica digitale

Maurizio Melai, « L’écran des Lumières: regards cinématographiques sur le xviiie siècle, sous la direction de Martial Poirson et Laurence Schifano »Studi Francesi [Online], 161 (LIV | II) | 2010, online dal 30 novembre 2015, consultato il 02 juillet 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/6643

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals