Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Ottocento a) dal 1800 al 1850

Catherine Faivre d’Arcier, Lovenjoul (1863-1907), une vie, une collection

Annarosa Poli
p. 387-388
Notizia bibliografica:

Catherine Faivre d’Arcier, Lovenjoul (1863-1907), une vie, une collection, préface de Gabriel de Broglie, de l’Académie française, éd. Kimé, Paris, 2007, pp. 276.

Testo integrale

1Ancora una volta Catherine Faivre d’Arcier scrive un’opera su Spoelberch de Lovenjoul dopo la sua tesi sui rapporti del grande collezionista con i suoi librai (1999), la biografia che costituisce la sua tesi di dottorato ès lettres (Paris IV, 2002) e la presentazione di dieci anni di corrispondenza fra l’aristocratico belga e l’editore Michel Lévy (Paris, Champion, 2005).

2In questa nuova opera vengono studiati in particolare la sua collezione, i suoi archivi e specialmente la vasta corrispondenza con i vari autori di manoscritti che venivano raccolti nella nota biblioteca.

3Lovenjoul aveva una notevole cultura sui suoi contemporanei, soprattutto sui romantici francesi: Gautier, Sand, Balzac, senza tralasciare Baudelaire, Nerval, Stendhal, trascurati allora dalla maggior parte dei francesi.

4L’attività del Visconte si allargava per la prima volta a giornali, riviste, opuscoli, documenti facilmente deteriorabili. L’immensa biblioteca di Bruxelles si arricchiva sempre più di edizioni originali e anche di quelle che il grande bibliotecario comperava sotto forma di copie: si trattava di testi ricchi di varianti grazie alle quali egli riusciva a fare la genesi delle opere collezionate. Il rigore dei suoi metodi di lavoro fece di lui un precursore dei ricercatori del xx secolo.

5Faivre d’Arcier era la più adatta per apprezzare l’importanza della collaborazione di Lovenjoul con Balzac negli anni 1865-1875 relativa all’edizione delle prime opere complete del romanziere. Viene messa in evidenza la parte presa dal collezionista alla ricerca dei diversi stati di un’opera ricchissima, complessa, continuamente rimaneggiata, tanto da valergli il titolo del più grande balzacchiano del suo tempo. La pubblicazione nel 1879 di una preziosa Histoire des oeuvres de Honoré de Balzac destò l’ammirazione dei lettori per la sua precisione, i suoi inediti, la qualità delle sue note. Unito alla pubblicazione di opere (non complete) di Théophile Gautier, il collezionista riuscì a salvare numerosi testi, ottenuti dal poeta e apparsi in giornali sconosciuti e poi dimenticati. A queste scoperte vanno aggiunte le 1200 pagine della Histoire des oeuvres de Théophile Gautier (1887) giudicato dall’A. un lavoro «sans équivalent en ce début du xxie siècle».

6Lovenjoul incontrò George Sand per la prima (e unica) volta, il 1° giugno 1875, i due erano in relazione epistolare dall’inizio di quest’anno. A questo proposito l’A. attinge largamente dal tomo XXIV della Corrispondenza curata da Georges Lubin. Il Visconte che raccoglieva i testi della romanziera fin dall’età di 17 anni fu molto orgoglioso di offrire alla celebre scrittrice la sua Étude bibliographique pubblicata a Bruxelles nel 1868 con la firma del bibliofilo Isaac. Questo testo, completato ma non ultimato, fu pubblicato a Parigi da Georges Vicaire nel 1914 sotto il nome di Lovenjoul.

7George Sand fu fortemente impressionata dall’eccezionale conoscenza che il conte aveva della sua opera, tanto da accettare che fosse pubblicata, in ordine cronologico, con i titoli e sottotitoli proposti dal suo corrispondente. Purtroppo il 4 maggio muore l’editore Michel Lévy. Tre lettere scritte dalla Sand nell’autunno, esprimevano un grande scetticismo di poter ormai realizzare l’edizione completa. In una specie di lettera-testamento del 23 ottobre 1875 (Correspondance Lubin, tomo XXIV, p. 429), la scrittrice nominò Lovenjoul alla presenza ai suoi eredi, garante intellettuale dell’edizione «complète et sérieuse» delle sue opere.

8Quando il visconte iniziò i suoi rapporti nel 1878 con Maurice e Lina Sand, era convinto dell’importanza della corrispondenza come documento destinato a meglio comprendere la genesi delle opere. Decise così di costituire, per ogni scrittore studiato, un insieme che comprendesse le Opere complete, la bibliografia, la corrispondenza, la storia delle opere.

9Per quanto riguarda George Sand, la pubblicazione in corso delle Opere complete fu abbandonata da Calmann-Lévy che preferì pubblicare, nel 1878 una scelta di lettere spesso ritoccata dagli eredi.

10Dobbiamo a Lina Sand, in contatto con il Bibliotecario, verso la fine degli anni ’80, per poter difendere la suocera contro i “mussettisti”, la decisione di pubblicare i testi integralmente. Da copista rigorosa, la giovane Calamatta gli sottopose nel ’91 un progetto di complemento della Correspondance Calmann-Lévy. Da quel momento – nota Catherine Faivre d’Arcier – si instaurò tra loro una ricchissima corrispondenza: Lina spediva i testi, Lovenjoul copiava, datava, classificava e rispediva. Pubblicando, in risposta ai “mussettisti”, la Véritable Histoire d’Elle et Lui… (Calmann-Lévy, 1897), il visconte mostrò alla sua corrispondente come l’uso mirato dei documenti potesse aiutare il lettore ad attenuare il suo giudizio negativo sulla romanziera.

11Aurore e Gabrielle Sand, figlie di Lina, delusero l’erudito per il loro rifiuto di ricopiare le lettere. L’inizio del capitolo VII dell’opera è consacrato alla presentazione della biblioteca dotata di 30.000 volumi che sono elencati nelle pagine finali illustrate. Lovenjoul volle preservare dall’oblio i preziosi manoscritti lasciandoli in eredità, per testamento, all’Institut de France e riservandone la consultazione ai soli ricercatori.

12Nella sua conclusione l’A. rinnova la sua ammirazione per questo straordinario Bibliotecario che considerava la corrispondenza di George Sand «digne de figurer tout près de celle d’une Sévigné ou d’un Voltaire». La collaborazione di Lina e del visconte doveva portare i suoi frutti un secolo dopo quando Georges Lubin iniziò a curare con un rigore che non ha pari, l’edizione completa delle lettere che Lovenjoul aveva tanto desiderato.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Annarosa Poli, « Catherine Faivre d’Arcier, Lovenjoul (1863-1907), une vie, une collection »Studi Francesi, 161 (LIV | II) | 2010, 387-388.

Notizia bibliografica digitale

Annarosa Poli, « Catherine Faivre d’Arcier, Lovenjoul (1863-1907), une vie, une collection »Studi Francesi [Online], 161 (LIV | II) | 2010, online dal 30 novembre 2015, consultato il 06 juillet 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/6687

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals