Navigation – Plan du site
Rassegna bibliografica
Ottocento a) dal 1800 al 1850

Pier Vincenzo Mengaldo, “Jadis et naguère: finezze di Balzac

Marco Stupazzoni
p. 388
Référence(s) :

Pier Vincenzo Mengaldo, “Jadis et naguère”: finezze di Balzac, «Rivista di Letterature moderne e comparate», anno 64, numero 4, settembre-dicembre 2008, pp. 417-423.

Texte intégral

1Oggetto di questo interessante contributo di Pier Vincenzo Mengaldo è La Duchesse de Langeais, uno dei capolavori della Comédie humaine balzachiana e una delle più inquietanti e sottili storie d’amore della narrativa, non solo francese, dell’Ottocento. Nella sua puntuale analisi della struttura di questo romanzo, dove «l’intreccio si discosta vistosamente dalla fabula, o il tempo della narrazione da quello narrativo» (p. 417), l’A. evidenzia, a proposito della sezione del romanzo che concerne il ritrovamento della duchessa e in quella del ritrovamento del suo corpo, l’uso di due avverbi temporali: ‘jadis’ e ‘naguère’ impiegati da Balzac non in «accezione realistica o obiettiva ma prettamente mentale, psicologica, in momenti di completo égarement dei due personaggi» (p. 422). In questi usi, conclude Mengaldo, o sfumature, noi dobbiamo riconoscere non distrazioni dell’inesauribile poligrafo […], ma finezze concertate del grande narratore» (ibid.).

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Marco Stupazzoni, « Pier Vincenzo Mengaldo, “Jadis et naguère: finezze di Balzac »Studi Francesi, 161 (LIV | II) | 2010, 388.

Référence électronique

Marco Stupazzoni, « Pier Vincenzo Mengaldo, “Jadis et naguère: finezze di Balzac »Studi Francesi [En ligne], 161 (LIV | II) | 2010, mis en ligne le 30 novembre 2015, consulté le 15 août 2020. URL : http://journals.openedition.org/studifrancesi/6689

Haut de page
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals