Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Ottocento b) dal 1850 al 1900

Ross Chambers, On Inventing Unknownness. The Poetry of Disenchanted Reenchantment (Leopardi, Baudelaire, Rimbaud, Justice)

Maria Emanuela Raffi
p. 396
Notizia bibliografica:

Ross Chambers, On Inventing Unknownness. The Poetry of Disenchanted Reenchantment (Leopardi, Baudelaire, Rimbaud, Justice), «French Forum», vol. 33, nos. 1-2, Winter/Spring 2008, pp. 15-36.

Testo integrale

1Il saggio di Chambers parte dall’affermazione di Rimbaud contenuta nella lettera a Demeny del 1871 – «Les inventions d’inconnu demandent des formes nouvelles» – e si interroga sulla natura di tali invenzioni che Rimbaud, e dopo di lui Mallarmé, si sforzano di esprimere. L’accento è posto da Chambers sulla natura costruita e in qualche modo ingannatrice dell’espressione artistica, specie quando si tratti di espressione linguistica che cerca di dire l’«inexpressible». Due meccanismi, in particolare, sembrano rappresentare per Chambers la retorica ‘moderna’: il «language-thinning» (“assottigliamento del linguaggio” corrispondente grosso modo alla litote) e il «language-thickening» (“ispessimento del linguaggio”, corrispondente, sempre secondo Chambers, all’enfasi). Come esempi di «language-thinning» il critico cita la studiata semplicità di Beckett o quella di Donald Justice, sulla cui opera poetica si sofferma a lungo, arrivando alla fine alla definizione di «disenchanted reenchantment», per cui il testo poetico si rivela come un consapevole “reincantamento”, un’operazione in cui si crea il fascino ‘feticistico’ della poesia, sia pure attraverso l’uso artificioso e retorico della lingua. Chambers analizza in modo dettagliato l’esempio de L’Infinito di Leopardi; passa quindi alla Servante au grand cœur di Baudelaire, in cui la tematica della nostalgia del passato, tema ricorrente in tutta una zona della poesia moderna, si realizza nella ricreazione di una presenza perduta. Passando alla poesia Au Cabaret-Vert di Rimbaud, Chambers nota il cambiamento dalla nostalgia diacronica ad una poetica della fuga puramente spaziale e sincronica. Anche se il punto di partenza è nostalgico (ritorno a Charleville), la lingua di Rimbaud mescola il domestico e l’estraneo, il conosciuto e l’inventato; dunque, più che ‘scoprire’ l’ignoto, progressivamente lo inventa, continuando la rivisitazione del passato espressa da Leopardi e da Baudelaire, ma aggiungendovi una “jouissance” costruttiva tutta sensuale.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Maria Emanuela Raffi, « Ross Chambers, On Inventing Unknownness. The Poetry of Disenchanted Reenchantment (Leopardi, Baudelaire, Rimbaud, Justice) »Studi Francesi, 161 (LIV | II) | 2010, 396.

Notizia bibliografica digitale

Maria Emanuela Raffi, « Ross Chambers, On Inventing Unknownness. The Poetry of Disenchanted Reenchantment (Leopardi, Baudelaire, Rimbaud, Justice) »Studi Francesi [Online], 161 (LIV | II) | 2010, online dal 30 novembre 2015, consultato il 10 juillet 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/6990

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals