Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Novecento

The Strange M. Proust, edited by André Benhaïm

Geneviève Henrot Sostero
p. 400
Notizia bibliografica:

The Strange M. Proust, edited by André Benhaïm, London, Modern Humanities Research Association and Maney Publishing, 2009 («Legenda»), pp. 142.

Testo integrale

1Dedicato alla memoria del noto studioso proustiano Malcolm Bowie, mancato nel 2007, il volume comprende, nei dieci interventi pronunciati al convegno internazionale di Princeton (22-23 aprile 2006), l’ultimo contributo orale della sua breve vita (1944-2007).

2L’àmbito oggetto di approfondimento riguarda sia l’opera proustiana in sé che la sua ricezione. Di particolare interesse per l’incontro volevano essere gli aspetti tuttora sorprendenti o addirittura “strani” della Recherche, aspetti che continuano a sollecitare il lettore contemporaneo. Dal regime parzialmente autobiografico dell’opera al genere prescelto e plasmato, dalle mille e una gemma di romanzi laterali incompiuti agli eventi più imprevedibili che vengono narrati, l’estraneità dell’opera coinvolge anche i suoi paradigmi più fondamentali, quali la gestione complessa e a volte contraddittoria del tempo, le intersezioni spaziali, le convergenze diegetiche. A maggior ragione se, con la “giusta distanza”, si variano le prospettive di osservazione (fenomenologiche, psicologiche, filosofiche, antropologiche o musicologiche). A maggior ragione ancora se si sondano falde più sotterranee, più occulte o più sottili del testo.

3Estraniante risulta, per esempio, il sentimento dell’io proustiano che si sente sfrattato dalla propria dimora corporea (David Ellison, The Disquieting Strangeness of M. P., pp. 12-22). Stuzzicanti, le molteplici metamorfosi subite dal suo pensiero nei commenti di diversi filosofi contemporanei, da Sartre a Ricœur (Anne Simon, The Formalist, the Spider and the Phenomenologist: Proust in the Magic Mirror of the Twentieth Century, pp. 23-35). Inaspettato, il sintagma che costruisce un nome proprio che sembrava non dover mai venire a galla, e che, in effetti, viene subito smentito con ironia (Eugène Nicole, «Quel Marcel!» (And Other Oddities of the Narrator’s Designations in “À la recherche du temps perdu”), pp. 36-44). Quanto alla tanto discussa judaïté espressa nel romanzo (vedasi, last but not least, lo scontro Brami/Piperno in chiusura del «Bulletin d’informations proustiennes», n. 39): Brami, nel romanzo, smentendo la biografica provenienza materna dell’ebraismo proustiano, sostiene che l’eredità religiosa venga trasmessa con maggiore autorevolezza dal padre spirituale del narratore, ovvero Swann (Jo-seph Brami, Strange Jewishness: Essay on the Treatment of Jewish Identity in Proust, pp. 45-56). In contesti significativi, benché fugaci, alcune comparse di lontana provenienza geografica fanno da cartina di tornasole alla concezione dell’esotismo e dello spaesamento secondo Proust (André Benhaïm, Proust’s Singhalese Song (A Strange Little Story), pp. 57-70). Avvalendosi delle poche comparse di Leonardo da Vinci nella Recherche, Raymonde Coudert ipotizza, con A Proustian “Metterza”, pp. 71-85, la possibile simmetria della trinità generazionale (sant’Anna-Vergine-bambin Gesù) raffigurata dalla Metterza leonardesca con un’altra trinità proustiana (nonna-madre-figlio) spesso congelata in quadri descrittivi in momenti di alta emozione della Recherche. Non finisce di sorprendere neppure la varietà di materiali e prestiti accolti e intrecciati nel tessuto chiné dell’opera: come indica Christie MacDonald (Da capo: Accumulations and Explosions, pp. 86-100), l’esperienza della lettura richiede al lettore (in questo caso Proust medesimo) una particolare capacità di estraniamento per calarsi nella visione altrui. In effetti, Proust testimonia a più riprese il suo interesse per lo sguardo sorprendentemente nuovo che concede, sul mondo contemporaneo, l’arte (allora) nuova della fotografia (Michael Wood, Other Eyes: Proust and the Myths of Photography, pp. 101-111). Un ulteriore effetto di strana sorpresa si sprigiona dai numerosi paradossi coltivati dall’autore. Quello che s’instaura tra Verità e Giustizia rivela, per esempio, come tanti altri, una conturbante concezione della morale (Antoine Compagnon, Truth and Justice, pp. 112-124). Infine, con Reading Proust between the Lines (pp. 125-134), Malcolm Bowie, discostandosi da una tradizione critica affezionata all’analisi del brano, ripercorre l’opera con occhio da geometra in cerca di sovrapposizioni che si richiamano anche a grandi distanze testuali.

4Una bibliografia collettiva e un indice dei nomi chiudono il volume.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Geneviève Henrot Sostero, « The Strange M. Proust, edited by André Benhaïm »Studi Francesi, 161 (LIV | II) | 2010, 400.

Notizia bibliografica digitale

Geneviève Henrot Sostero, « The Strange M. Proust, edited by André Benhaïm »Studi Francesi [Online], 161 (LIV | II) | 2010, online dal 30 novembre 2015, consultato il 12 juillet 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/7008

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals