Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Novecento

Janine Warnod, Chez la Baronne d’Œttingen. Paris russe et avant-gardes (1913-1935)

Elisa Borghino
p. 401-402
Notizia bibliografica:

Janine Warnod, Chez la Baronne d’Œttingen. Paris russe et avant-gardes (1913-1935), Paris, Édition de Conti, 2008, pp. 144.

Testo integrale

1Giornalista e autrice di numerose monografie a carattere artistico, Jeanine Warnod – classe 1921 – ripercorre le linee guida e le vicende personali di una figura tanto singolare quanto emblematica. Oggetto dello studio è Hélène d’Œttingen, al secolo Elena Francevna, meglio conosciuta nell’ambiente artistico-letterario dell’epoca come la Baronne. Roch Grey, Léonard Pieux, François Angiboult: tre pseudonimi per un unico personaggio, tre modi di vedere e sentire originali e al tempo stesso inscindibili l’uno dall’altro. Attraverso le pagine di J. Warnod, Hélène assume via via i tratti della romanziera, della poetessa e della pittrice, fino a diventare, insieme a Serge Férat, vero e proprio mecenate delle Soirées de Paris con l’appellativo comune di Jean Cérusse, intrinseco richiamo alle origini russe dei due.

2Il ritratto che ne emerge è quello di una donna versatile, che ha saputo esprimersi nei campi più disparati e secondo modalità sempre nuove, fino a diventare una tra le figure di spicco dell’avanguardia parigina. Il lettore riscopre così il quartiere di Montparnasse, culturalmente attivo, animarsi nei salotti di Hélène: da Archipenko a Zadkine, da Survage a Braque passando per Henri Rousseau e Max Jacob, pare non esservi artista che non si sia recato al 229 di boulevard Raspail.

3La Baronne incanta i suoi ospiti e non solo: anche Warnod pare cedere al fascino dell’artista, e nello scegliere la chiave biografica dona alla vicenda le sembianze di un racconto, tanto che talora realtà e finzione paiono fondersi e confondersi, superando più volte il confine che le divide in un andirivieni costante. Ne risulta così un quadro poco oggettivo e molto impressionistico, fortunatamente accompagnato dalla galleria di illustrazioni che ancorano il testo alla realtà dei tempi.

4Tra i vari temi affrontati, due paiono essere gli aspetti ai quali viene dato maggiore risalto: se da un lato emergono la fervida vivacità intellettuale della Baronne e la fitta rete di amicizie intessute, dall’altro viene posto l’accento sulla profonda solitudine e sulla malattia dell’artista, con sfumature forse eccessivamente accorate e talvolta tendenti al tragico. Un’impronta biografica che pare in parte intaccare la qualità della monografia – profondamente incentrata sulla vicenda intima e privata dell’artista – che vanta comunque un prezioso apparato fotografico e una ricca bibliografia, seppure non esaustiva. Notevoli anche gli scritti inediti di Roch Grey e di Léonard Pieux che corredano il volume in appendice. Molti restano tuttavia gli aspetti ancora da approfondire di un personaggio tanto enigmatico quanto controverso.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Elisa Borghino, « Janine Warnod, Chez la Baronne d’Œttingen. Paris russe et avant-gardes (1913-1935) »Studi Francesi, 161 (LIV | II) | 2010, 401-402.

Notizia bibliografica digitale

Elisa Borghino, « Janine Warnod, Chez la Baronne d’Œttingen. Paris russe et avant-gardes (1913-1935) »Studi Francesi [Online], 161 (LIV | II) | 2010, online dal 30 novembre 2015, consultato il 02 juillet 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/7012

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals