Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Novecento

Quatre poètes dans l’Europe monde. Yves Bonnefoy, Michel Deguy, Márton Kalász, Wulf Kirsten, sous la direction de Stéphane Michaud

Fabio Scotto
p. 408
Notizia bibliografica:

Quatre poètes dans l’Europe monde. Yves Bonnefoy, Michel Deguy, Márton Kalász, Wulf Kirsten, sous la direction de Stéphane Michaud, Paris, Klincksieck, 2009 («Circare», 4), pp. 234.

Testo integrale

1Sono qui raccolti gli Atti di un Convegno che ha avuto luogo a Parigi «à l’automne 2007» (p. 8), Atti, scrive il Curatore, «retravaillés pour l’édition, […] présentés au cours d’un colloque qui s’est tenu à la Bibliothèque nationale de France et à la Sorbonne» (p. 14). Dal volume relativo al Convegno svoltosi in presenza dei quattro poeti oggetto di studio espungiamo, data la sua impostazione comparatistica, quanto riguarda direttamente la poesia francese.

2Stéphane Michaud nell’Introduction (pp. 7-14) presenta i poeti invitati mostrandone il comune interesse per la traduzione come momento creativo e riflessivo, idea poi ripresa nella sua comunicazione Poésie européenne, poésie mondiale: la traduction généralisée (pp. 147-163), in cui individua nella «traduction comme constitutive, constructrice d’Europe» (p. 149) la questione fondamentale che il convegno si è posto, nella duplice articolazione di ricerca di modalità espressive atte a tradurre l’artista in un linguaggio e di fondazione di una comunità tramite l’atto poetico.

3Martin Rueff (Michel Deguy: le poème de la fidélité, pp. 17-44), muovendo da Baudelaire (Le Balcon) e Du Bellay, individua nella fedeltà un «opérateur de connexion» e il luogo costitutivo della definizione del soggetto e della sua memoria, poi studiando in Deguy la «poétique de l’attachement» nella sua accezione lirica che avvince poesia e traduzione come «anamnèse amnésique» e «ana-kata-chronisme».

4Jan Volker Röhnert (Kirsten et Deguy, deux poètes en leur paysage, pp. 107-115) individua nella lezione cendrarsiana e nicciana la matrice della «danse du paysage» di Deguy, che tende a far coincidere lo spazio con il luogo della realtà del linguaggio.

5Philippe Daros («Il reste à faire le négatif», pp. 127-145) prende spunto da un commento del 1988 di Yves Bonnefoy all’assunto di Kafka «Il reste à faire le négatif, le positif nous est déjà donné» per mostrare, da una prospettiva estetico-filosofica, la valenza di taluni concetti-chiave della poetica di Bonnefoy, dal «monde-image» alla «présence», attraverso un confronto con la «non-présence» di Blanchot e l’«imprésenté» di Lacoue-Labarthe.

6Nella sezione dedicata ai testi dei quattro poeti invitati, Yves Bonnefoy (L’Europe et la poésie: la tâche du traducteur, pp. 195-203), attraverso una denuncia dell’insufficiente capacità unificatrice delle lingue europee, individua nella catastrofe di Babele il momento di nascita dell’esigenza di tradurre. Rammentando le resistenze dell’amico P. Celan a farsi tradurre in francese e confutando Benjamin egli giunge a definire la sua idea di traduzione come atto poetico di chi avverta «la pleine immédiateté dans les choses et les êtres» al di là di ogni fedeltà alla sintassi o alla specularità letteralistica, ma in una fedeltà alla musica dell’originale però da ricrearsi su un nuovo terreno affine, ma dissimile. Preoccupazione analoga a quella cui alludono le Proses (pp. 205-212) di Michel Deguy, che articolano mentalmente il rapporto fra poesia e musica in una disseminazione fortemente intertestualizzata che fa della «privation» una negatività potenzialmente feconda di istanze generative. In appendice un Index des noms de lieux (pp. 225-226) e un Index des noms (pp. 227-232).

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Fabio Scotto, « Quatre poètes dans l’Europe monde. Yves Bonnefoy, Michel Deguy, Márton Kalász, Wulf Kirsten, sous la direction de Stéphane Michaud »Studi Francesi, 161 (LIV | II) | 2010, 408.

Notizia bibliografica digitale

Fabio Scotto, « Quatre poètes dans l’Europe monde. Yves Bonnefoy, Michel Deguy, Márton Kalász, Wulf Kirsten, sous la direction de Stéphane Michaud »Studi Francesi [Online], 161 (LIV | II) | 2010, online dal 30 novembre 2015, consultato il 13 juillet 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/7035

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals