Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Opere generali

Aa.Vv., Théories et pratiques de la traduction aux xviie et xviiie siècles. Actes de la journée d’études du Centre de recherches sur l’Europe classique (xviie et xviiie siècles)

Francesca Forcolin
p. 423
Notizia bibliografica:

Aa.Vv., Théories et pratiques de la traduction aux xviie et xviiie siècles. Actes de la journée d’études du Centre de recherches sur l’Europe classique (xviie et xviiie siècles), Université Michel de Montaigne-Bordeaux 3, 22 février 2008, Gunter Narr Verlag, Tübingen, 2009, pp. 157.

Testo integrale

1Il volume raccoglie gli interventi presentati durante la giornata di studi al Centre de recherches sur l’Europe classique, che ha avuto luogo a Bordeaux il 22 febbraio 2008. L’obiettivo del seminario era quello di analizzare le traduzioni elaborate in Europa nel corso di due secoli, il xvii e il xviii, poiché l’età classica è al centro dei dibattiti del laboratorio.

2I testi approfonditi nei dieci capitoli di cui è composto il volume sono perlopiù letterari e sacri. I contributi sono di natura varia: studi comparatistici su diversi autori, monografie su traduttori specifici e problematiche inerenti il burlesque o la traduzione di testi religiosi. A guisa d’introduzione troviamo l’Avant-propos di Charles Mazouer (pp. 9-10) e la Présentation di Michel Wiedemann (pp. 11-16), che presenta sinteticamente ogni articolo pubblicato.

3Se nell’età classica vediamo il diffondersi delle traduzioni dette “belles infidèles” – il traduttore si allontana dal testo di partenza, modernizzandolo per avvicinarsi al gusto dei lettori, elaborando dunque un diverso tipo di prosa e di stile –, troviamo anche autori che si discostano dall’approccio in voga, dando maggiore importanza alla coerenza, allo stile, al registro del texte-source, rifiutando aggiunte e parafrasi. Lontano dall’“infedeltà” del difensore della traduzione libera Perrot d’Ablancourt, si situa Michel de Marolles, traduttore studiato da Marie-Claire Chatelain, nel primo capitolo dal titolo Marolles traducteur des Élégiaques latins (pp. 17-32). Marolles traduce – e non “imita” – restando legato al testo di partenza, e distinguendo nettamente la traduzione dal commento.

4Segue lo studio di Dorothée Lintner, Traduction et travestissement au xviie siècle: l’apport de Scarron, de Furetière et des Perrault dans la traduction de l’Enéide de Virgile au siècle classique (pp. 33-54). Qui vengono analizzate diverse traduzioni dell’Eneide – l’Aeneide Travestie di Furetière, l’Enéide Burlesque dei fratelli Perrault e il Virgile Travesti di Scarron –, interpretazioni burlesques che criticano tono e stile del testo originale.

5Il terzo contributo, Éléments de traductologie dans l’herméneutique de Jean Amos Comenius (1592-1670) di Daniel S. Larangé (pp. 55-68), mira ad analizzare l’approccio traduttivo del vescovo Comenius, il quale ha subordinato la sua attività alla parola di Dio, ricercando nella traduzione efficacia e verità. Sensibile al ritmo di ogni lingua specialmente nella resa dei salmi, il vescovo attende l’avvento di una lingua universale, la panglottia, vera e pura.

6Segue l’intervento di Claire Pascal, Métamorphoses du Cantique des cantiques: Le Cantique des cantiques, entre traduction et interprétation, de la poésie précieuse à Voltaire (pp. 69-84). Qui l’autrice esplora le diverse letture del Cantico dei cantici, interpretazioni che nascono dalle molteplici traduzioni; in particolare fa riferimento a quella di Voltaire del 1759, traduzione che si allontana dallo statuto sacro del testo di partenza, creando scandalo.

7Il contributo successivo è di Hilla Karas, dal titolo La Curne de Sainte-Palaye – traducteur: “Pas si belle, mais bien fidèle?” (pp. 85-98), dove il tentativo di fedeltà al testo medievale Aucassin & Nicolette è messo in discussione dall’eliminazione di diversi passaggi inerenti al Paradiso e all’Inferno, come in una sorta di autocensura.

8Segue Branko Aleksic con Casanova, théoricien et practicien de la traduction (pp. 99-114). Il traduttore poliglotta Casanova amplia e adatta i testi tradotti, trasponendo in Italia i romanzi di Mme Riccoboni e Mme de Tencin, e sopprimendo inevitabili anacronismi.

9Juan Jiménez-Salcedo, con Cartas Persianas, ou la traduction des Lettres Persanes par José Marchena (pp. 115-126), analizza il traduttore delle Lettres Persanes (1818), ripreso nel capitolo successivo come traduttore di Molière da Jean-Marc Buiguès, nell’articolo L’abbé Marchena: un traducteur de Molière au service du roi Joseph Ier d’Espagne (pp. 127-140).

10Nicolas Class ci presenta Hölderlin devant la traduction (pp. 141-152): le traduzioni del poeta tedesco (principalmente Antigone e Edipo Re di Sofocle), caratterizzate da rigore e attenzione, vennero prese in considerazione solamente nel xx secolo, sottolinea l’autore.

11Chiude il volume Yen-Maï Tran-Gervat, con Enjeux d’une Histoire des traductions en langue française, xviie-xviiie siècles (pp. 153-157), contributo che si distingue dagli altri in quanto analisi dell’opera collettiva di Jean-Yves Masson e Yves Chevrek. Composto da diversi volumi tra i quali ha particolare importanza per il Centre quello dedicato all’età classica, e curato da Annie Cointre e dallo stesso Tran-Gervat, è uno studio comparatistico ancora in corso.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Francesca Forcolin, « Aa.Vv., Théories et pratiques de la traduction aux xviie et xviiie siècles. Actes de la journée d’études du Centre de recherches sur l’Europe classique (xviie et xviiie siècles) »Studi Francesi, 161 (LIV | II) | 2010, 423.

Notizia bibliografica digitale

Francesca Forcolin, « Aa.Vv., Théories et pratiques de la traduction aux xviie et xviiie siècles. Actes de la journée d’études du Centre de recherches sur l’Europe classique (xviie et xviiie siècles) »Studi Francesi [Online], 161 (LIV | II) | 2010, online dal 30 novembre 2015, consultato il 14 juillet 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/7083

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals