Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Cinquecento

Claude de Seyssel, Les Louenges du roy Louys XII (1508)

Michele Mastroianni
p. 131
Notizia bibliografica:

Claude de Seyssel, Les Louenges du roy Louys XII (1508), édition critique de Patricia Eichel Lojkine et Laurent Vissière, Genève, Droz, 2009 («Les classiques de la pensée politique», 21), pp. 282.

Testo integrale

1Nella sua opera capitale La Monarchie de France, composta nel 1515 e pubblicata nel 1519, Claude de Seyssel rivaleggia con i grandi trattatisti politici dei primi decenni del Cinquecento (Erasmo, Machiavelli, Moro). Già nel 1508, però, aveva pubblicato Les Louenges du roy Louys XIIe de ce nom (Paris, chez Antoine Vérard) – un’operetta di apparente occasionalità, come è proprio di un panegirico – che, malgrado il genere dell’elogium cortigiano, sviluppa una riflessione sulla storia nazionale che si trasforma in una riflessione politica, ponendo tutta una serie di questioni sull’arte di ben governare. Tanto è vero che ci si può porre la domanda se si tratti di una celebrazione delle imprese di Luigi XII o di un programma di cui ci si augura la realizzazione. Per certo, la breve opera rientra nel genere delle institutiones principum, di cui i trattatisti citati hanno offerto un esempio più illustre. I modelli, comunque, sono svariati: i discorsi di circostanza, i breviaria storici, le cronache, le vite parallele, i miroirs dei principi, le artes di governo. Per elogiare il re regnante, Luigi XII appunto, Claude de Seyssel istituisce un paragone fra il sovrano al cui servizio si trova e i suoi predecessori, a partire dai più antichi come il mitico Faramondo, Carlomagno e san Luigi. In particolare si sofferma sul regno di Luigi XI e Carlo VIII, di cui traccia un quadro poco lusinghiero, per fare risaltare il regno di Luigi XII come una nuova età dell’oro. Tutto, soprattutto, è costruito sulla struttura dell’elogio e del contro-elogio. Il contro-elogio, fatto per mettere in evidenza il buon governo del destinatario del panegirico, è quello di Luigi XI di cui viene offerto un quadro a tinte fosche, di un realismo che rivaleggia con quello di Commynes. Opportuna dunque è questa edizione, la prima moderna e la prima dopo l’edizione inserita nella raccolta del 1615 delle opere di Seyssel. Il testo è criticamente edito a partire dall’edizione Vérard del 1508, ed è preceduto da un’ampia introduzione (pp. 8-88) che offre una panoramica su Claude de Seyssel e uno studio preciso delle fonti e dei modelli di queste Louenges.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Michele Mastroianni, « Claude de Seyssel, Les Louenges du roy Louys XII (1508) »Studi Francesi, 160 (LIV | I) | 2010, 131.

Notizia bibliografica digitale

Michele Mastroianni, « Claude de Seyssel, Les Louenges du roy Louys XII (1508) »Studi Francesi [Online], 160 (LIV | I) | 2010, online dal 30 novembre 2015, consultato il 06 juillet 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/7161

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals