Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Cinquecento

Ariane Bayle, Romans à l’encan. De l’art du boniment dans la littérature au xvie siècle

Michele Mastroianni
p. 132
Notizia bibliografica:

Ariane Bayle, Romans à l’encan. De l’art du boniment dans la littérature au xvie siècle, Genève, Droz, 2009 («Travaux d’Humanisme et Renaissance», n. CDXLVII), pp. 465.

Testo integrale

1Ricordando che nel Quattro e Cinquecento si manifesta un particolare impegno nel reinvestire l’eloquenza antica per assegnarle un ruolo di primo piano nella capacità di elucidare la verità e fare il bene, Ariane Bayle sviluppa una complessa indagine sulla figura del bonimenteur e del ruolo retorico del boniment, ruolo che si attualizza in primis nell’enunciazione, attraverso l’analisi di una serie di campioni scelti nella letteratura europea, in una prospettiva di comparatistica, che privilegia tuttavia l’area francese del xvi secolo, con l’intento di enucleare i problemi sollevati, nel contesto socioculturale cinquecentesco, dalla mescolanza dei registri linguistici, da un gioco di maschera e da una promozione di invenzioni. Come l’A. sottolinea, «la posture d’énonciation du boniment nous paraît particulièrement intéressante dans la littérature du xvie siècle: d’une part, parce que cette dernière accorde une place déterminante aux arts du discours et, d’autre part, parce qu’elle se montre hantée par la dénonciation de la tromperie». Questo boniment, inteso ad un tempo come struttura retorica e come rappresentazione di una situazione morale, attraverso il personaggio appunto del bonimenteur (che può prendere svariate forme, da quella del ciarlatano a quella dell’ipocrita a quella del seduttore), se da un lato disegna «une figure aux antipodes de l’idéal humaniste qui voudrait que l’homme parle essentiellement pour se perfectionner et qu’il voyage dans un but intégré à cette quête de savoir», d’altro canto esprime quel fascino esercitato nei secoli del Rinascimento europeo per le diverse forme della tromperie. Ed è il campo d’applicazione di questa tromperie ad essere delineato a grandi tratti nel lavoro di A. Bayle, tromperie «telle qu’elle s’illustre dans les discours sociopolitiques, scientifiques ou religieux qui circulent dans les textes littéraires que nous étudions».

2I testi fondamentali su cui è l’A. costruisce la sua indagine sono i quattro romanzi sicuramente attribuiti a Rabelais, dal Pantagruel al Quart Livre, e, a monte dei libri rabelaisiani, il Baldus di Folengo, che avrà diffusione in Francia prima ancora della traduzione anonima del 1606 (Histoire maccaronique de Merlin Coccaie). Accanto a queste opere vengono esaminati il più antico romanzo picaresco spagnolo, il Lazarillo de Tormes (1554), e un romanzo elisabettiano, The Unfortunate Traveller (1594), di Thomas Nashe. Intorno a questo corpus centrale (che mette in scena, in maniera più o meno costante, narratori in prima persona) gravita una varietà di testi satelliti: novelle facete (in particolare Boccaccio e Des Periers), prologhi teatrali e monologhi drammatici (Dit de l’Herberie), pamphlets filoprotestanti (Le Livre des Marchands di Antoine Marcourt, la Satyre Ménippée), prediche pronunciate dal pulpito (Sermon sur la Madeleine di Michel Menot) o sermoni parodici (Christes Teares over Jerusalem di Nashe), discorsi medici polemici (come l’anonimo Discours de l’origine des Charlatans), e infine un testo importante dell’Ariosto dallo statuto incerto, monologo di commedia o elogio paradossale (l’Erbolato).

3Il lavoro è diviso in quattro capitoli. Il primo («Oralité et théâtralité») è una messa in contesto, storica e di genere, dell’effetto teatrale prodotto dalla posizione enunciativa del boniment. Nel secondo capitolo («Un discours de promotion») l’attenzione è rivolta alla funzione con maggior evidenza propria del linguaggio bonimenteur: fare la promozione di un bene. Nel terzo capitolo («Pasteurs et imposteurs») viene istituito un parallelo fra il discorso mercantile e quello della predicazione, nella misura in cui entrambi pretendono di costruire un discorso con le apparenze della verità. Il quarto capitolo («Usages de la fiction») indaga i tratti comuni che emergono dall’esame dei diversi univers fictionnels. Per concludere infine, dopo un percorso estrememente ricco di spunti interessanti e originali, che «le dispositif énonciatif du boniment est ambivalent: il attire notre attention sur les qualités d’un objet tout en nous invitant à reconnaître que l’essentiel ne réside pas dans cet objet, mais dans la curiosité que nous avons pour lui».

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Michele Mastroianni, « Ariane Bayle, Romans à l’encan. De l’art du boniment dans la littérature au xvie siècle »Studi Francesi, 160 (LIV | I) | 2010, 132.

Notizia bibliografica digitale

Michele Mastroianni, « Ariane Bayle, Romans à l’encan. De l’art du boniment dans la littérature au xvie siècle »Studi Francesi [Online], 160 (LIV | I) | 2010, online dal 30 novembre 2015, consultato il 05 juillet 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/7166

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals