Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Cinquecento

Guillaume Berthon, «Je rime en Prose (& peult estre en raison)». Marot et la rime

Filippo Fassina
p. 132
Notizia bibliografica:

Guillaume Berthon, «Je rime en Prose (& peult estre en raison)». Marot et la rime, «Bibliothèque d’Humanisme et Renaissance», LXX, 1 (2008), pp. 7-32.

Testo integrale

1Il presente intervento è dedicato all’uso che Marot fa del termine rime e del suo significato, soprattutto all’interno della Petite Epistre au Roy, definita un vero e proprio laboratorio linguistico. L’analisi prende le mosse dall’ortografia, sottolineando la confusione grafica che, all’epoca di Marot, era presente a partire dal rapporto fra il termine italiano rima e la sua traduzione francese rithme. La stessa oscurità è poi trasferita a livello semantico: la polisemia del termine rime rende imprecisa anche una sua definizione, problema accentuato dal fatto che Marot non offre che raramente delle teorizzazioni metriche nella sua opera. L’A. repertoria, poi, tutti i derivati di rime, tentando di fornire interpretazioni e legami concettuali. Infine, si cerca di fare chiarezza sul rapporto fra rima e prosa – utilizzate indifferentemente prima di Marot – e sull’opposizione rime/raison, soprattutto per dimostrare che l’espressione paradossale «Je rime en Prose (& peult estre en raison)» altro non è che una dichiarazione di libertà poetica.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Filippo Fassina, « Guillaume Berthon, «Je rime en Prose (& peult estre en raison)». Marot et la rime »Studi Francesi, 160 (LIV | I) | 2010, 132.

Notizia bibliografica digitale

Filippo Fassina, « Guillaume Berthon, «Je rime en Prose (& peult estre en raison)». Marot et la rime »Studi Francesi [Online], 160 (LIV | I) | 2010, online dal 30 novembre 2015, consultato il 03 juin 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/7167

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals