Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Cinquecento

Joseph Du Chesne, La Morocosmie, ou De la folie, vanité, et inconstance du Monde

Michele Mastroianni
p. 136
Notizia bibliografica:

Joseph Du Chesne, La Morocosmie, ou De la folie, vanité, et inconstance du Monde, édition introduite et annotée par Lucile Gibert, Genève, Droz, 2009, («Textes Littéraires Français», 599), pp. 344.

Testo integrale

1Il poeta protestante Joseph Du Chesne con la sua Morocosmie (1583) si inserisce nella tradizione degli octonaires – in particolare degli octonaires sul tema della vanitas – particolarmente diffusa nel secondo Cinquecento (Antoine de La Roche Chandieu, Simon Goulart) e a noi nota soprattutto per le mises en musique di Pascal de l’Estocart e Claude Le Jeune. L’ottima edizione di L. Gibert, oltre a fornire una cronologia minuziosa della vita di Du Chesne, analizza accuratamente la sua opera poetica situandola nella storia del genere e ricostruendo le tappe di composizione. Attraverso l’esame del paratesto viene evocata la complessa rete di rapporti con autori contemporanei (dell’ambiente ginevrino e savoiardo), vengono studiate le tematiche, viene inserita nella tradizione della poesia mistica un’altra opera che accompagna (già nell’edizione cinquecentesca) la Morocosmie: i Deux Chants Doriques de l’Amour céleste et du Souverain bien. Abbiamo pure un’indagine sulle fonti antiche e moderne e sulle strutture retoriche, e una puntuale annotazione dei testi. Preciso il glossario ed esauriente la bibliografia.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Michele Mastroianni, « Joseph Du Chesne, La Morocosmie, ou De la folie, vanité, et inconstance du Monde »Studi Francesi, 160 (LIV | I) | 2010, 136.

Notizia bibliografica digitale

Michele Mastroianni, « Joseph Du Chesne, La Morocosmie, ou De la folie, vanité, et inconstance du Monde »Studi Francesi [Online], 160 (LIV | I) | 2010, online dal 30 novembre 2015, consultato il 14 juillet 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/7180

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals