Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Seicento

Camille Esmain-Sarrazin, L’Essor du roman. Discours théorique et constitution d’un genre littéraire au xviie siècle

Daniela Dalla Valle
p. 140-141
Notizia bibliografica:

Camille Esmain Sarrazin, L’Essor du roman. Discours théorique et constitution d’un genre littéraire au xviie siècle, Paris, Champion, 2008, pp. 587.

Testo integrale

1Questo volume – versione rimaneggiata di una tesi di dottorato a Paris-Sorbonne – riempie, con grande cultura e maestria, un campo già affrontato da molti anni, ma non in maniera così precisa, ampia e puntuale. Lo studio di un genere – il romanzo secentesco – è qui esteso anche alla prima parte del secolo, normalmente trascurata a vantaggio del romanzo breve che si sviluppa a partire del 1660, e si concentra sulla nascita e sulla creazione di una poetica, o almeno di un discorso teorico che accompagna e sostiene la pratica narrativa.

2Il volume è costituito da cinque parti. La prima si suddivide in due capitoli, destinati a dare alla ricerca gli elementi di partenza (le condizioni economiche e sociali in cui nasce il romanzo, le definizioni dei vari tipi di scrittura narrativa, l’esistenza di un vero genere romanzesco nel xvii secolo, fissando le diverse categorie – romanzo pastorale, barocco, eroico, comico, la novella), e ad analizzare la nascita di una querelle fra i fautori del romanzo e i suoi detrattori. La seconda parte, «Les discours sur le roman», si sofferma dapprima su quella che viene definita «une archéologie du discours romanesque», evocando l’épître, le prefazioni, il cadre, i trattati, fino alla nascita di una vera critica letteraria; poi – con il capitolo Jalons d’une théorisation – affronta il problema della legittimazione della poetica del romanzo, dal Tombeau des romans di Fancan (1626) fino agli Scudéry, a Sorel, a Huet, alla Princesse de Clèves e a Du Plaisir. La terza parte si sofferma su «Héritages et généalogie des modèles», analizzando i modelli e i generi di confronto – in particolare il poema epico, con l’esempio dei Discorsi del Tasso. La quarta si propone di elaborare gli elementi di una retorica del romanzo («Vraisemblance et histoire, l’inventio, la dispositio, l’elocutio»). Infine la quinta si dedica allo «Statut de la fiction: acteurs, implications et enjeux», concentrandosi esplicitamente sul cambiamento degli anni ’60.

3Il grande merito del lavoro di C.Esmein-Sarrazin è proprio quello di aver messo in discussione e radicalmente contestato l’ipotesi della nascita del romanzo moderno nella seconda metà del Seicento francese, mettendo in evidenza un sostrato estremamente ricco e vario, sia a livello di scrittura che a livello di teoria.

4Molto utile una ricca bibliografia di Fonti e di Studi critici.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Daniela Dalla Valle, « Camille Esmain-Sarrazin, L’Essor du roman. Discours théorique et constitution d’un genre littéraire au xviie siècle »Studi Francesi, 160 (LIV | I) | 2010, 140-141.

Notizia bibliografica digitale

Daniela Dalla Valle, « Camille Esmain-Sarrazin, L’Essor du roman. Discours théorique et constitution d’un genre littéraire au xviie siècle »Studi Francesi [Online], 160 (LIV | I) | 2010, online dal 30 novembre 2015, consultato il 04 août 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/7207

Torna su

Autore

Daniela Dalla Valle

Articoli dello stesso autore

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals