Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Ottocento a) dal 1800 al 1850

Marika Piva, Memorie di seconda mano. La citazione nei Mémoires d’outre-tombe di Chateaubriand

Silvia Lorusso
p. 163-164
Notizia bibliografica:

Marika Piva, Memorie di seconda mano. La citazione nei Mémoires d’outre-tombe di Chateaubriand, Perugia, Morlacchi Editore, 2008, pp. 288.

Testo integrale

1Affrontando la presenza di citazioni all’interno dei Mémoires doutre-tombe, Marika Piva indaga uno dei principi fondamentali di costituzione dell’opera che, infatti, più volte è stata definita un vero e proprio mosaico. L’autrice ne compie un censimento preciso e minuzioso, distinguendole secondo categorie che sono state elaborate dalla critica letteraria degli ultimi anni, particolarmente attenta a tale fenomeno – da Barthes, a Genette, a Bakhtin, a Segre, a Compagnon.

2Le citazioni possono essere di differente lunghezza – e spesso Chateaubriand segnala i suoi tagli con puntini di sospensione – e di natura diversa, rimandando a testi celebri, o ad anonime canzoni; possono essere segnalate da vari segni tipografici (si trovano ugualmente virgolette, corsivo, rientro del testo); possono essere riportate a memoria (come la prima citazione di Sant’Agostino, alterata), o no. In quest’ultimo caso i testi possono essere ripresi alla lettera, ma anche modificati per ragioni diverse: gli serve adattare la citazione alla situazione che sta descrivendo; vuole censurare; vuole coreggere. Infine numerose vengono riportate in lingua originale: più di 120 volte in latino; una cinquantina di volte in italiano; 25 volte in inglese; tre in greco. Marika Piva offre esempi esaustivi di ognuna di queste categorie.

3Gli autori citati da Chateaubriand sono i grandi classici: da Omero, ai tragici greci, a Virgilio, a Dante, a Petrarca. I quattro a cui viene riconosciuto un valore esemplare – Omero, Dante, Rabelais, Shakespeare – forse proprio per questo, hanno bisogno di un minor numero di citazioni: «regnano ovunque e non è necessario ricordarli attraverso le parole» (p. 85). Così, per esempio, Omero è nominato 27 volte; ma citato soltanto in tre occasioni. Tasso e Montaigne (l’autore francese più citato) tornano più volte, anche perché sono due autori in cui Chateaubriand volentieri si identifica. Ma è pronto a proiettarsi anche in Tacito, demistificatore dei tiranni, come lui avversario di Napoleone. Il maggior numero di citazioni è riservato a Virgilio (23 dall’Eneide e una dalle Georgiche) e soprattutto alla Bibbia, in particolare ai Vangeli. I Mémoires si aprono con una citazione biblica e si chiudono con una trasformazione in discorso diretto delle affermazioni che Plutarco attribuisce a Silla nelle sua omonima biografia.

4Attraverso le citazioni è cosi possibile ricostruire una sorta di campo affettivo e culturale, nel quale Chateaubriand dialoga con i suoi antecedenti: interessante soprattutto quando il suo rapporto con un autore è fortemente contraddittorio, come nel caso principe di Rousseau a cui, pur essendo egli il suo più diretto modello, rinfaccia una mancanza di discrezione (quella che distinguerà le sue memorie dalle Confessioni), ma di cui apprezza il talento nelle descrizioni e la maestria stilistica. Anche all’odiato Voltaire non manca di riconoscere meriti, di poeta, di drammaturgo e di storico. Nei casi di Goethe e di Byron, i riconoscimenti si alternano alle prese di distanza che segnalano un sentimento di rivalità. Vi sono, infine, più di duecento autocitazioni, riprese dalla sua corrispendenza, o da scritti politici o giornalistici, o anche da opere inedite. In quattro casi è una parte dei Mémoires stessi a essere copiata e non soltanto evocata. Le autocitazioni si inseriscono nel discorso a volte perché realmente richiamate dalle situazione; ma anche per motivi meramente ornamentali.

5Marika Piva mostra come la funzione delle citazioni nei Mémoires esorbita da quella retorica che tradizionalmente è loro attribuita: auctoritas, probatio, ornatus, amplificatio. Qui, infatti, interviene un elemento essenziale, il tempo: sia in quanto tempo di stesura che si estende oltre quarant’anni, sia come tempo personale, in quanto racconto di una vita. Proprio l’importanza del tempo pone un risalto due modalità della citazione chateaubriandina: la morte che è uno de temi principali dell’opera che racchiude anche molti decessi e quindi l’epitaffio – perché la scrittura è l’unica speranza di sopravvivenza; la gloria che consiste nell’essere ripreso dagli altri (quindi nelle citazioni), come superamento della morte e che, assieme all’onore, riesce a vivere aldilà della morte, sebbene Chateaubriand parli anche della sua vanità.

6Questo studio, che è una rielaborazione di una tesi di dottorato, costituisce una sorta di grande indice ragionato delle citazioni dei Mémoires d’outre-tombe e anche una premessa solida per chi intenda studiare i rapporti di Chateaubriand con la tradizione letteraria occidentale.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Silvia Lorusso, « Marika Piva, Memorie di seconda mano. La citazione nei Mémoires d’outre-tombe di Chateaubriand »Studi Francesi, 160 (LIV | I) | 2010, 163-164.

Notizia bibliografica digitale

Silvia Lorusso, « Marika Piva, Memorie di seconda mano. La citazione nei Mémoires d’outre-tombe di Chateaubriand »Studi Francesi [Online], 160 (LIV | I) | 2010, online dal 30 novembre 2015, consultato il 14 juillet 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/7275

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals