Navigation – Plan du site
Rassegna bibliografica
Ottocento a) dal 1800 al 1850

Giovanni Bogliolo, Due romanzi in forma di città

Marco Stupazzoni
p. 167-168
Référence(s) :

Giovanni Bogliolo, Due romanzi in forma di città, in Flaubert, prima e dopo. Letture di romanzi francesi, Torino, Nino Aragno Editore, 2007, pp. 125-140; Leggere Balzac, ibid., pp. 141-146.

Texte intégral

1Le due opere narrative che costituiscono l’oggetto di studio di questo primo saggio sono Notre-Dame de Paris di Victor Hugo et Le Père Goriot de Balzac. Del romanzo hugoliano, l’autore evidenzia le specifiche strategie e dinamiche narrative per quel riguarda l’insieme complesso e multiforme delle tensioni storiche, filosofiche e drammatiche proprie del testo inserite e rappresentate nel contesto urbano parigino attraverso la potente azione trasformatrice (e riformatrice) dell’immaginazione visionaria dello scrittore.

2L’elemento topografico-architetturale così efficacemente adottato da Hugo in Notre-Dame de Paris, è presente anche nel Père Goriot di Balzac, un romanzo che gioca abilmente sui forti contrasti tra i diversi contesti urbani e «vive delle tensioni e degli scambi che tra essi si operano» (p. 134). In particolare, sono le qualità di raffinato, perspicace e indiscreto osservatore di Rastignac e la narrazione dei suoi spostamenti nei luoghi della metropoli parigina che fanno emergere i diversi drammi umani e sociali e consentono a Balzac di dotare questa sua emblematica figura di una singolare duttilità, «per muoversi agilmente tra le diverse storie e i diversi ambienti», assumendone la «‘curiosità’ per mascherare la propria imbarazzante onniscienza di narratore» (p. 139).

3Sul ‘come leggere Balzac oggi’ adeguando La Comédie humaine alla disponibilità del lettore moderno, riflette Bogliolo nel secondo studio: si tratta, a suo giudizio, di un problema anzitutto operativo prima che critico o interpretativo. Particolarmente meritoria, in questo senso, è giudicata la selezione operata da Mariolina Bongiovanni Bertini dei romanzi balzachiani da inserire nei tre volumi della Commedia umana nei «Meridiani» di Mondadori; altrettanto significativo, per comprendere la specificità dell’universo balzachiano, pare all’autore l’inquietante e titanica figura di Vautrin: si tratta, scrive Bogliolo, non solo dell’irruzione del «fantastico nel reale o meglio l’emergenza di quella faccia oscura e perturbante che il reale abitualmente cela», ma anche della incarnazione simbolica di un forzato della scrittura, Balzac appunto, «che confessava di non aver tempo né desiderio di osservare una realtà che gli bastava immaginare» (p. 145).

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Marco Stupazzoni, « Giovanni Bogliolo, Due romanzi in forma di città »Studi Francesi, 160 (LIV | I) | 2010, 167-168.

Référence électronique

Marco Stupazzoni, « Giovanni Bogliolo, Due romanzi in forma di città »Studi Francesi [En ligne], 160 (LIV | I) | 2010, mis en ligne le 30 novembre 2015, consulté le 04 août 2020. URL : http://journals.openedition.org/studifrancesi/7284

Haut de page
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals