Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Ottocento a) dal 1800 al 1850

George Sand, Mauprat

Valentina Ponzetto
p. 169
Notizia bibliografica:

George Sand, Mauprat, préface de Nicole Mozet, illustrations de Julien Le Blant, Saint-Cyr-sur-Loire, Christian Pirot éditeur, 2008, pp. 368.

Testo integrale

1Già autrice, presso il medesimo editore, di una monografia dal titolo George Sand, écrivain de romans, nonché curatrice di Nanon, del decimo volume dell’Histoire de ma vie e degli atti del convegno George Sand, une correspondance, Nicole Mozet mette ora la sua inveterata esperienza al servizio di questa bella edizione di Mauprat, stabilita sulla base di quella Hetzel del 1852 e illustrata da dieci incisioni di Julien Le Blant che provengono invece dalla Calmann Lévy del 1886.

2Entrambe queste scelte sono ampiamente spiegate dall’autrice nell’apparato critico. Al di là della pura funzione esornativa, certo accattivante per il lettore, anche le illustrazioni rappresentano infatti una «forme de lecture et de mise en scène» del romanzo, parte integrante della sua interpretazione. Ora, mentre le composizioni cupe e melodrammatiche di Tony Johannot e Maurice Sand per Hetzel inclinano verso il roman noir, le più leggere immagini di Le Blant, di ispirazione settecentesca come il romanzo stesso, hanno il merito di corrispondere ammirevolmente al lato «optimiste et aérien» di Mauprat messo in luce dalla lettura di N. Mozet.

3Quanto al testo, la versione del 1852 presenta due aggiunte interessanti rispetto a quello dato per la prima volta alle stampe nel 1837, dapprima sulla «Revue des Deux Mondes», poi presso l’editore Bonnaire: un breve finale didascalico, vigorosa requisitoria contro la pena di morte in nome della capacità di redenzione dell’uomo e delle virtù dell’educazione, e una notice che informa sulle circostanze di composizione del romanzo, legandolo strettamente al processo di separazione di Sand dal marito. Il dettaglio biografico apparirà tutt’altro che aneddotico quando si pensi che Mauprat è un romanzo che esalta la fedeltà coniugale, l’eguaglianza dei sessi nella relazione amorosa e, quanto meno nella parte finale legata al processo del protagonista, il potere della parola quale strumento per far emergere e trionfare la verità.

4Come spesso nei romanzi sandiani la vicenda e i personaggi sono infatti esemplari e servono le tesi della romanziera, dall’eroe Bernard, attorno a cui ruota il dibattito sul valore dell’educazione e la sua capacità di contrastare le inclinazioni innate, ai rappresentanti della nobiltà feudale e del clero, emblemi delle ingiustizie e delle storture della società d’Ancien Régime, al personaggio «sperimentale» di Patience, popolano illetterato dotato di sorprendente cultura e poesia, che finisce per incarnare «la conscience prophétique du peuple». Nel presentare temi e personaggi N. Mozet sottolinea la particolare natura di un testo a cavallo tra due secoli: romanzo generoso e ottimista, dotato di «une grâce et une légèreté de ton évoquant le meilleur du xviiie siècle» e posto da un capo all’altro sotto il nume tutelare di Rousseau, ma anche romanzo del popolo e del progresso, profondamente calato nell’Ottocento e destinato ai lettori del suo tempo.

5Un interessante sviluppo è dedicato alle riduzioni del romanzo per il teatro e per il cinema: la pièce adattata dalla stessa Sand e rappresentata con successo all’Odéon nel 1853 e il rarissimo film di Jean Epstein del 1926.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Valentina Ponzetto, « George Sand, Mauprat »Studi Francesi, 160 (LIV | I) | 2010, 169.

Notizia bibliografica digitale

Valentina Ponzetto, « George Sand, Mauprat »Studi Francesi [Online], 160 (LIV | I) | 2010, online dal 30 novembre 2015, consultato il 08 juillet 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/7291

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals