Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Ottocento a) dal 1800 al 1850

George Sand e il socialismo, a cura di Mariantonietta Caroprese

Annarosa Poli
p. 170-171
Notizia bibliografica:

Aa. Vv., George Sand e il socialismo, a cura di Mariantonietta Caroprese, Napoli, Edizioni Scientifiche Italiane, 2008, pp. 523.

Testo integrale

1Il volume è preceduto da una breve introduzione della curatrice in cui viene così messa in evidenza l’importanza di questa interessante traduzione italiana su contributi e testi sandiani relativi al tema trattato: «La scelta degli scritti della romanziera francese raccolti nel volume e di quegli studiosi della sua opera che hanno saputo e voluto sottolineare il legame indissolubile tra la musica e l’impegno politico e sociale che caratterizza la fase centrale della sua attività artistica, nasce dalla consapevolezza che grande parte della vita e dell’opera di George Sand sia poco o affatto conosciuto aldilà della Francia».

2Segue poi un saggio, particolarmente approfondito, di M. Caroprese sotto il titolo George Sand. La musica e il socialismo in cui viene tracciata tutta la storia della vita di George Sand e i suoi rapporti con la musica e i musicisti, specialmente con Liszt e con Chopin, non tralasciando alcun particolare e soffermandosi su Le Contrebandier, composto da alcune variazioni sulla celebre aria spagnola El Contrabandista di Manuel García che aveva ispirato sia Liszt che George Sand. Jules Janin sulla «Revue et Gazette musicale de Paris» (26 Febbraio 1837) scriveva al riguardo: «Questa volta con una rivoluzione inattesa, non è più il musicista a scrivere la musica sulle parole del poeta, ma il poeta a scrivere le parole sulla musica».

3Anche la pubblicazione della Lettre à Meyerbeer, interamente consacrata alla musica e in particolare al suo grand-opéra Les Huguenots (1836) viene esaminata come un saggio di critica musicale, fondamentale per approfondire le opinioni di George Sand sul melodramma francese. Liszt fa conoscere Lamennais alla scrittrice e nasce tra loro una intesa spirituale e intellettuale sull’utilità sociale dell’arte (cf. La VI Lettre d’un voyageur, indirizzata a Michel de Bourges). Sono analizzati i rapporti tra Sand e Berlioz con apporti nuovi. Una parte più ampia è dedicata alla relazione Sand-Chopin e alle influenze reciproche che ci paiono di particolare rilievo.

4Viene poi preso in esame il periodo della vicinanza di Sand a Pierre Leroux e al suo socialismo ugualitario e morale. Come romanziera la Sand scriverà: «A me basta far dubitare della menzogna nella quale si crede, gridare in faccia la verità dimenticata: la mia missione si limita a questo» (lettera a H. de la La Bigottière, fine dicembre 1842. L’impegno politico della scrittura di Sand contrasta con la linea della «Revue des deux mondes», ma la scrittrice continua a scrivere romanzi che diffondono le idee sociali divenute a lei care. Ci pare utile che di tutti questi scritti si parli ampiamente poiché oggi sono ormai dei testi rari e, a volte, ignorati.

5Il volume riporta nella Prima Parte la traduzione italiana di alcuni capitoli delle Lettres d’un voyageur: VII a Franz Liszt, Su Lavater e su una casa deserta (pp. 81-113), XI a Giacomo Meyerbeer (pp. 113-132). Dalla Correspondance le lettere a Albert Grzymala, a Agricol Perdiguier, a François Buloz, a Charles Duvernet, a Charles Poncy (pp. 133-164). Due brani dalle Questions d’art et de littérature: I poeti popolari e la Prefazione a “Le Chantier” di Poncy (pp. 167-171). Da Le Contrebandier, Histoire Lyrique, Yo que soy contrabandista. Parafrasi fantastica su un rondeau fantastique di Franz Liszt (pp. 191-194). Da Le Compagnon du tour de France, dopo una Sintesi del romanzo, Avvertenze e Prefazione i seguenti testi: Capitolo VII, Capitolo IX, Capitolo XIII, Capitolo XVII (pp. 211-252). Da Consuelo alcuni capitoli presentati da una Sintesi del romanzo e da una Avvertenza: Capitolo XXVI, Capitolo LI, Capitolo LV, Capitolo XCIV (pp. 261-289). Da Maîtres sonneurs precedute da una Sintesi del romanzo: Dedica a M. Eugène Lambert, Sesta veglia, Diciassettesima veglia, Ventottesima veglia, Ventinovesima veglia, Trentesima veglia.

6Nella Seconda Parte sono stati raccolti vari saggi su «George Sand e la musica»: George Sand e l’opera italiana di Annarosa Poli (pp. 355-385);  Il tema del Contrebandier di Christian Abbadie (pp. 387-408); La musica è un romanzo: “Consuelo” di George Sand di Françoise Escal (pp. 409-441); La musica e “Les Maîtres sonneurs”: fusione e separazione di Marie-Claire Bancquart (pp. 443-452); Musica et musichetta: George Sand sul valore della musica di David A. Powell (pp. 453-466); Musica al centro del mondo ovvero le sfide della musica alla scrittura di Simone Vierne (pp. 467-485); “Lucrezia Floriani”, specchio della relazione Chopin-Sand di Pierre Brunel (pp. 487-498); Presenza di Chopin nell’opera di George Sand di Marie-Paule Rambeau (pp. 499-509).

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Annarosa Poli, « George Sand e il socialismo, a cura di Mariantonietta Caroprese »Studi Francesi, 160 (LIV | I) | 2010, 170-171.

Notizia bibliografica digitale

Annarosa Poli, « George Sand e il socialismo, a cura di Mariantonietta Caroprese »Studi Francesi [Online], 160 (LIV | I) | 2010, online dal 30 novembre 2015, consultato il 08 juillet 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/7295

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals