Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Ottocento b) dal 1850 al 1900

Eric Le Calvez, Genèses flaubertiennes

Maria Emanuela Raffi
p. 175
Notizia bibliografica:

Eric Le Calvez, Genèses flaubertiennes, Amsterdam-New York, Rodopi, 2009, pp. 314.

Testo integrale

1Dopo aver chiarito, nell’«Avant-propos», le premesse teoriche della sua analisi genetica dei testi flaubertiani e aver identificato tre assi secondo i quali si muoverà la ricerca (da cui il plurale del titolo) – la microgénétique dei frammenti testuali, lo studio dell’avant-texte e la prospettiva macrogénétique che lega insieme tutta l’opera narrativa di Flaubert – Eric Le Calvez presenta, nelle fitte pagine di questo volume, dieci distinti saggi sulla materia.

2Le baiser de Félicité, primo saggio della sezione dedicata alla microgénétique, vuole illustrare il modo in cui Flaubert integra nel testo di Un cœur simple le tre scene che costituiscono il segmento narrativo costitui-to dagli amori fra Félicité e Théodore. L’esame dei materiali manoscritti e delle correzioni traccia il ricco percorso di variazioni descrittive e narrative che portano dai brouillons al manoscritto per il copista, in un continuo travaso di elementi dal descrittivo al narrativo e vice-versa. In La charogne de Buvard et Pécuchet, Le Calvez mette in rilievo il carattere intertestuale del testo flaubertiano, illustrando in particolare, sempre attraverso i brouillons, le riprese operate da Flaubert per la “scène de la charogne”, in cui Une charogne di Baudelaire si iscrive e funziona come “hypogramme”, imponendo alla scena «sa structuration narrative». Il ritratto di Salambô e la sua genesi sono al centro del terzo studio (Salambô dévoilée). L’ampliamento della descrizione della protagonista femminile procede nella redazione di Flaubert «par synecdoque et par métonymie, mais ce parcours génératif repose sur une double tension interne: on ne peut avoir à la fois les détails et leur ensemble, moins encore si le corps est confondu avec les vêtements qui le cachent».

3È ancora Salambô la protagonista del primo saggio della sezione «Entre micro et macrogénétique»: Le voile de Salambô, in cui Le Calvez indaga piuttosto le emergenze tematiche che la critica genetica può rilevare, applicandole ad un tema costante in Salambô, quello del velo – «le zaïmph» in particolare –, che si intreccia con l’immagine del serpente, a sua volta associato, per via metonimica, ad altri temi generatori della narrazione. In Le Portrait du père Bouvard è affrontata l’importante presenza degli oggetti ricorrenti nell’opera di Flaubert, attraverso l’esame di uno specifico oggetto, «le tableau figurant le portrait du père Bouvard», portatore delle due istanze fondamentali del romanzo: l’aspetto comico e quello enciclopedico. L’analisi genetica mette in rilievo anche un’altra tensione interna all’oggetto, il cui ripresentarsi nel testo con continue parziali variazioni realizza insieme «la mouvance de l’image et sa permanence». L’autotextualité, ossia lo studio dell’apparizione e sparizione nelle varie opere flaubertiane di situazioni narrative simili, caratterizza il saggio seguente, Baisades flaubertiennes, in cui Le Calvez mette a confronto tre scene di bacio, in Madame Bovary, L’Éducation sentimentale e Salammbô.

4Bouvard et Pécuchet magiciens, primo dei saggi dedicati alla macrogénétique, si concentra sull’ottavo capitolo del testo di Flaubert e sull’incontro con la magia e lo spiritismo, breve episodio molto tormentato nella scrittura dei manoscritti, di cui Le Calvez ritraccia la formazione del contenuto e le componenti del tono parodico «parataxe, répétition et métonymie», ma anche altre forme di «hésitation». Di tutt’altro tenore la scena atroce di Salambô – «la grillade des moutards» come la definisce lo stesso Flaubert –di cui vengono esaminate le fonti e gli «intertextes documentaires» in «Bandole sera content!». Il carattere sadico della scrittura privata flaubertiana, messo in rilievo dai brouillons e dall’evocazione del personaggio di Bandole, si combina con le numerose fonti della scena, a partire dal Moloch biblico, che Le Calvez analizza accuratamente. Il celebre episodio della corsa in carrozza di Emma e Léon per le vie di Parigi in Madame Bovary è l’oggetto di studio de La scène du fiacre. Le Calvez ne ritraccia la difficile genesi attraverso l’esame puntuale dei folios che mostrano il sovrapporsi, ad una traccia schematica iniziale, di una progressiva organizzazione narrativa tutt’altro che lineare, in cui il tempo e lo spazio subiscono continue modificazioni e correzioni. Génétique de la disparition chiude il volume prendendo in esame la sparizione di una saynète fra Frédéric e Mme Dambreuse a proposito di un piatto cinese nell’ Éducation sentimentale. La soppressione della scena modifica significativamente il testo, non tanto per la «logique du récit» che rimane inalterata, ma per una serie di riferimenti che riprendono il loro senso pieno solo alla luce degli «avant-textes, qui, pour notre bonheur – scrive Le Calvez – nous montrent toujours des ailleurs insoupçonnés de l’œuvre».

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Maria Emanuela Raffi, « Eric Le Calvez, Genèses flaubertiennes »Studi Francesi, 160 (LIV | I) | 2010, 175.

Notizia bibliografica digitale

Maria Emanuela Raffi, « Eric Le Calvez, Genèses flaubertiennes »Studi Francesi [Online], 160 (LIV | I) | 2010, online dal 30 novembre 2015, consultato il 07 juillet 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/7309

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals