Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Ottocento b) dal 1850 al 1900

Pierre Brunel, Baudelaire antique et moderne

Valentina Ponzetto
p. 176-177
Notizia bibliografica:

Pierre Brunel, Baudelaire antique et moderne, Paris, PUPS, 2007, « Recherches actuelles en littérature comparée », pp. 181.

Testo integrale

1La modernità di Baudelaire, divenuta quasi un luogo comune della critica, non ha certamente più bisogno di essere dimostrata. Più sottilmente, in Baudelaire antique et moderne, Pierre Brunel considera i multiformi legami fra tale indiscussa modernità e il mondo antico con i suoi miti, i suoi poeti, la sua eredità tramandata attraverso i secoli.

2Accanto al poeta dei tableaux parisiens, al cantore dello splendore e della corruzione di Parigi capitale del xix secolo, al promotore di Costantin Guys «peintre de la vie moderne», il lettore è così invitato a scoprire un Baudelaire che intesse le sue Fleurs du mal di miti e figure classiche: Ulisse in Le Voyage, Lesbo con le sue voluttuose fanciulle omoerotiche e Saffo, più eroina leggendaria che poetessa, nel ciclo delle «femmes damnées» e in particolare in Lesbos, e ancora l’Erebo greco e il Tartaro latino, Berenice, Andromaca, Endimione, Sisifo… L’ampiezza del discorso critico, al tempo stesso nutrito di un’immensa erudizione, ma sempre rigorosamente fondato sui testi baudelairiani, minuziosamente analizzati, e la complessità delle reminescenze che si fondono nelle Fleurs du mal, trascendono tuttavia largamente il catalogo delle occorrenze di una riscrittura di miti e motivi antichi. Questi appaiono piuttosto trasformati, fors’anche deformati, in ogni caso attualizzati e perfettamente integrati alle «muses tardives» dell’estetica baudelairiana. Ne alimentano, anzi, l’inquietudine e la modernità, come mostrato nella magistrale analisi di Le Voyage, che appare «tiraillé entre un “En avant” renouvelé […] et la fascination terrifiée qu’exercent encore des figures antiques».

3Baudelaire come primo dei moderni, insomma, ma anche come ultimo dei classici, anzi tramite imprescindibile tra gli uni e gli altri, indelebilmente impresso nella memoria dei poeti che lo hanno seguito, spesso segnati dalla sua immagine dell’antichità. È quanto appare dalla fittissima e altrettanto vasta rete di rapporti intertestuali che Pierre Brunel tesse attorno ad ogni poesia, ad ogni immagine studiata. Baudelaire, certo, si rifà agli autori della classicità greca e soprattutto latina: Omero, Virgilio, Orazio, Lucano, Ovidio, in particolare l’Ovidio dei Tristia e delle Epistulae ex Ponto, di cui il critico rileva gli echi nella malinconia baudelairiana, ma anche in alcune sue scelte formali e metriche. Tuttavia la trama dei riferimenti, o meglio delle “corrispondenze”, sarebbe incompleta senza l’evocazione della tradizione posteriore, medievale e moderna, che da quegli autori ha preso le mosse e spesso ha finito per imporsi ancor più vividamente nella memoria di Baudelaire. Così, per esempio, il suo Ulisse trae origine, più ancora che da Omero, da Dante e Tennyson, la sua Berenice rinvia a Poe più che a Catullo e Callimaco, o Corneille e Racine, offrendo così lo spunto per la linea critica, affascinante quanto antistorica, che conduce «De Béatrice à Bérénice», da Dante all’antichità, sotto l’egida morbosa di Edgar Allan Poe. Infine, egualmente disseminati nel corso dell’analisi, numerosi sono i rinvii alla posterità di Baudelaire, da Swinburne a Eliot a Salah Stétié.

4Tale approccio critico, largamente e liberamente comparatista, che attinge alla biblioteca ideale del critico oltre che a quella del poeta (si veda anche il dialogo costante, a volte contrastivo, con i maestri della critica baudelairiana: John Jackson, Claude Pichois, Mario Richter, Jean Starobinski), combina perfettamente una grande apertura, non priva di digressioni dotte, e una serratissima analisi testuale, una struttura generale piuttosto libera e un impeccabile rigore interpretativo. La grande apertura di orizzonti può talvolta suscitare qualche perplessità, come nel caso del lungo capitolo su «Baudelaire et Schumann», certo originale e ispirato, ma piuttosto eccentrico rispetto al resto del saggio. In generale, tuttavia, essa offre approcci stimolanti e inediti, come nel caso dell’antica poesia persiana convocata a proposito di Le Vin des amants e La Mort des amants, o del capitolo consacrato a «Baudelaire et Hugo», interessante confronto delle rispettive concezioni della modernità poetica e accurata ricostruzione di un rapporto personale e artistico complesso e contraddittorio.

5Da questo saggio emerge un’immagine di Baudelaire che incarna davvero, contemporaneamente e quasi per ossimoro, l’antico e il moderno, poiché, per citare lo stesso Pierre Brunel, «non seulement il a régénéré le classicisme, prouvant qu’il y a un gain à revenir vers le passé, mais son exemple a été une source de jouvence pour la poésie moderne et cette modernité en poésie qu’il a de plus en plus passionnément défendue».

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Valentina Ponzetto, « Pierre Brunel, Baudelaire antique et moderne »Studi Francesi, 160 (LIV | I) | 2010, 176-177.

Notizia bibliografica digitale

Valentina Ponzetto, « Pierre Brunel, Baudelaire antique et moderne »Studi Francesi [Online], 160 (LIV | I) | 2010, online dal 30 novembre 2015, consultato il 02 juillet 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/7315

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals