Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Ottocento b) dal 1850 al 1900

J.-K.Huysmans chez lui, études réunies par Marc Smeets

Ida Merello
p. 177-178
Notizia bibliografica:

Aa. Vv., J.-K.Huysmans chez lui, études réunies par Marc Smeets, Amsterdam, Rodopi, 2009 («CRIN S» 52), pp. 182.

Testo integrale

1Il volume raccoglie una serie di studi che analizzano il rapporto dello scrittore con la sua patria di origine, mostrandone il processo di mitizzazione. Huysmans si sente olandese, e Philippe Barascud svela il suo gioco sul proprio nome e cognome, smascherando il paziente percorso di trasformazione di un nome francese in uno olandese. Jonathan Devaux rintraccia invece la nostalgia della patria mitica in Le Drageoir d’épices, nell’infusione di nomi ed interni olandesi (con espliciti riferimenti alla pittura), calati nella descrizione della campagna piccarda e dei suoi villaggi; mentre Anthony Zielonka analizza l’agiografia di Sainte Lydwine, in cui Huysmans traspone le sue impressioni in occasione del viaggio a Schiedam. Estella de la Torre-Giménez ricorda l’attrazione dello scrittore per il Belgio fiammingo, cui si richiama non solo come patria di adozione ma anche come influenza letteraria, stringendo soprattutto rapporti con Théo Hannon, e legando indissolubilmente l’immagine di Bruges a Rodenbach. Maarten van Buuren confronta l’atteggiamento di Huysmans e di Zola a proposito del «tempérament artiste», che Zola comincia ad analizzare nel personaggio di Laurent in Thérèse Raquin. Per Zola tale temperamento è inteso come di colui che impone le sue condizioni, eppure non risulta in grado di apprezzare Monet, Manet e Cézanne. Huysmans invece procede da una concezione negativa della nevrosi artistica in L’Art moderne a una sua esaltazione in Certains fino ad arrivare alla convinzione del suo potere di intuizione del soprannaturale. Patrick Bergeron analizza i rapporti tra Barrès e Huysmans: se pure la stima e soprattutto la comprensione del primo non sono ricambiate dal secondo, e le loro opere risultano divergenti, tuttavia entrambi sono accomunati dal tentativo di conquista di uno spazio interiore, sia esso «supranaturaliste» o sensuale. L’A. dipinge bene il loro gusto del proprio home, il timore della povertà, la tendenza all’isolazionismo, come borghesi anti borghesi e romanzieri che rifiutano il romanzesco. Jérôme Solal analizza l’immaginario legato alla chiusura nello spazio-tempo medievale dell’agiografia di Sainte Lydwine, che rappresenta l’identificazione di un corpo e di un luogo, con prolungamenti metafisici che procedono all’approfondimento dell’interiorità. Sylvie Thorel-Cailleteau vede l’intimismo di Huysmans ai margini del naturalismo e come forma di degrado del baudelairismo, caratterizzato dall’angusto e dal mediocre. Così l’intimismo è l’atteggiamento malinconico dell’artista ozioso, ripiegato su se stesso; mentre nei Croquis parisiens è la figura dell’impiegatuccio a rappresentare esemplarmente la chiusura fisica e mentale dei luoghi. Jean-Marie Seillan distingue l’atteggiamento razzista, che prevede un’attività in tal senso, e quello razziale, limitato a un atteggiamento mentale, evidente in Huysmans nei confronti degli ebrei e dei popoli meridionali. L’A. legge così i giudizi estetici di H. come un contrasto Nord/Sud (superiorità dell’arte gotica su quella romana), Occidente/Oriente (Rinascimento italiano abbeverato di cultura greca). Il saggio di Per Buvik si situa all’interno di un dibattito di idee circa la visione antinaturalista di Huysmans, appoggiandosi a Christian Berg e discutendo con Françoise Gaillard. Fondamentale per l’A. è riconoscere lo scarto tra Des Esseintes e lo stesso Huysmans.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Ida Merello, « J.-K.Huysmans chez lui, études réunies par Marc Smeets »Studi Francesi, 160 (LIV | I) | 2010, 177-178.

Notizia bibliografica digitale

Ida Merello, « J.-K.Huysmans chez lui, études réunies par Marc Smeets »Studi Francesi [Online], 160 (LIV | I) | 2010, online dal 30 novembre 2015, consultato il 07 juillet 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/7319

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals