Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Medioevo

Judith A. Peraino, Giving Voice to Love. Song and Self-Expression from the Troubadours to Guillaume de Machaut

Walter Meliga
p. 341-342
Notizia bibliografica:

Judith A. Peraino, Giving Voice to Love. Song and Self-Expression from the Troubadours to Guillaume de Machaut, Oxford, Oxford University Press, 2011, pp. 346.

Testo integrale

1L’oggetto del libro di Peraino è la ricerca dei modi dell’espressione musicale dell’io nella lirica d’amore francese e occitana del Medioevo e la sua sostanziale conclusione è che la soggettività nuova che emerge nel corso dei secc. xii e xiii è rintracciabile nei caratteri più propriamente musicali rispetto alla convenzionalità dei testi poetici. Lo studio si articola in cinque capitoli che riguardano: la funzione della parte conclusiva della canzone (fr. envoi, occ. tornada), che supera la ripetitività della melodia nel resto del componimento nella direzione dell’autorialità effettiva; il descort, come genere consciamente discordante dalla tradizione poetico-musicale che ha la funzione di accentuare la presenza dell’autore; le sezioni d’autore di Thibaut de Champagne e di Adam de la Halle nel canzoniere francese T e la presenza nella stessa silloge di canzoni con melodie alternative come segno di espressione individuale; il genere ibrido del motet enté (componimento il cui testo è “innestato” su un refrain preesistente); l’interesse di Guillaume de Machaut per i testi monofonici. I capitoli tematici sono preceduti da un’introduzione che delinea i rapporti fra l’io poetico, l’amore e il testo poetico-musicale, soprattutto alla luce della prospettiva – sostanzialmente post-moderna ma in effetti applicabile alla condizione socio-culturale dei secoli medievali – che vede il soggetto condizionato e diretto dai contenuti e dal linguaggio delle ideologie dominanti. L’ultimo capitolo presenta un suggestivo parallelo fra una sorta di “espressionismo medievale” della musica a partire dalla fine del sec. xiii, dove si accentua il lavorio sulla tradizione, e quello analogo della pittura europea del Novecento.

2Si tratta di un lavoro molto interessante, anche per i non musicologi, che tuttavia presenta due aspetti discutibili: l’idea che l’individualità musicale sia rintracciabile soprattutto in momenti e situazioni particolari (della partitura musicale o di generi poetico-musicali o di scelte d’autore) rispetto all’asserito formalismo del resto della produzione e soprattutto la ridotta attenzione al testo – che invece è perfettamente in grado di far emergere, sin dalle origini della lirica cortese, i tratti soggettivi o autoriali – dipendente da un’interpretazione di fatto riconducibile alla critica formale e oggi un po’ datata.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Walter Meliga, « Judith A. Peraino, Giving Voice to Love. Song and Self-Expression from the Troubadours to Guillaume de Machaut »Studi Francesi, 176 (LIX | II) | 2015, 341-342.

Notizia bibliografica digitale

Walter Meliga, « Judith A. Peraino, Giving Voice to Love. Song and Self-Expression from the Troubadours to Guillaume de Machaut »Studi Francesi [Online], 176 (LIX | II) | 2015, online dal 01 août 2015, consultato il 06 juillet 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/734

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals