Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Novecento

James Peter Tuberfield, Pierre Loti and the Theatricality of Desire

Stefano Genetti
p. 182-183
Notizia bibliografica:

James Peter Tuberfield, Pierre Loti and the Theatricality of Desire, Amsterdam-New York, Rodopi, 2008 («Faux titre», 309), pp. 264.

Testo integrale

1In Aziyadé, Loti scriveva: «Je suis si las de moi-même, depuis vingt-sept ans que je me connais, que j’aime assez pouvoir me prendre un peu pour un autre» (p. 19): di questa tendenza a recitare una parte (di sé), lo studioso sonda le ambiguità e le contraddizioni in termini identitari e di appartenenza culturale. Nell’intrecciarsi di scenari inconsci e performances narrative, la teatralità viene individuata come metafora strutturante della vita e dell’opera di Loti e, nelle sue varie componenti, essa struttura a sua volta il lavoro critico. Incorniciati da una sezione introduttiva sulla nozione di Theatricality e da una conclusiva, The Audience, sul modello ricettivo che Loti tenta di plasmare, i capitoli centrali vertono infatti su The Cast, The Stage e The Wardrobe. Se la pulsione performativa affonda le sue radici nel teatrino evocato nei ricordi d’infanzia, la reiterazione letteraria del gioco viene ricondotta, tra immedesimazione e profanazione, al conflitto edipico e al doppio legame con la madre. Degli insistiti schemi attanziali vengono esplorate le obliquità e le asimmetrie, rivelatrici di paradigmi libidinali narcisistici, feticistici e sado-masochistici. La triangolazione del desiderio, mediato dall’immaginario orientalista, e la reversibilità dei ruoli maschili e femminili sottolineano le specularità e gli scarti tra fantasia esotica ed erotica e svelano, dietro la bisessualità suggerita, l’omosessualità latente. Sul palcoscenico della casa di Rochefort, ambientazione ideale dell’ordine patriarcale colonialista ma anche dimora materna alterata e “in costume”, si allestisce di quello stesso ordine una potenziale trasgressione. Del travestitismo interculturale – indossare i panni dell’altro/a – si evidenziano le implicazioni “politiche” alla luce delle valenze sovversive insite in ogni esibita destabilizzazione dell’identità sessuale.

2Assimilando gli apporti della psicanalisi e dell’antropologia filtrati dai Gender, Queer e Cultural Studies, l’A. sostiene che Loti, pur inserendosi nella tradizione dell’esotismo imperialista, non solo preserva un Oriente virtualmente incontaminato dal processo di modernizzazione e occidentalizzazione, ma erode dall’interno gli stereotipi razziali, le gerarchie di valori e i rapporti di dominazione e sfruttamento colonialisti. Talora ripetitiva ma solidamente documentata e ricca di rinvii ad altri letterati, da Fromentin a T. E. Lawrence, da Flaubert a Proust e da Huysmans a Wilde e a Gide, la trattazione alterna commenti su motivi circoscritti – i fantasmi di oralità o l’erotizzazione cimiteriale – a sguardi d’insieme su un corpus finzionale esteso ai racconti di viaggio, agli scritti intimi e alla memorialistica. Sul piano metodologico, il rischio psicobiografico viene evitato attenendosi alla doppia distinzione tra la persona Julien Viaud e la figura pubblica di Pierre Loti, e tra l’autore implicito e il Loti – in corsivo – impersonato e inscenato nei testi, proiezione ri-creativa di un desiderio teatralizzato.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Stefano Genetti, « James Peter Tuberfield, Pierre Loti and the Theatricality of Desire »Studi Francesi, 160 (LIV | I) | 2010, 182-183.

Notizia bibliografica digitale

Stefano Genetti, « James Peter Tuberfield, Pierre Loti and the Theatricality of Desire »Studi Francesi [Online], 160 (LIV | I) | 2010, online dal 30 novembre 2015, consultato il 08 juillet 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/7344

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals