Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Novecento

Raymond Queneau. La scrittura e i suoi multipli, a cura di Chetro De Carolis e Delia Gambelli

Riccardo Benedettini
p. 184-185
Notizia bibliografica:

Raymond Queneau. La scrittura e i suoi multipli, a cura di Chetro De Carolis e Delia Gambelli, Roma, Bulzoni, 2009 («I Libri dell’Associazione Sigismondo Malatesta»), pp. 238.

Testo integrale

1Il volume raccoglie gli interventi ad un Seminario di Torre in Pietra dal titolo Queneau: la scrittura e i suoi multipli. Storie, grafi, scienze e fiori…, tenutosi il 26-27 gennaio 2007 nell’ambito delle Ricerche Malatestiane.

2Le comunicazioni, introdotte (pp. 9-23) da Delia Gambelli, si volgono a mostrare alcuni “multipli della scrittura” di Raymond Queneau. Dopo aver indagato il settore della letteratura, larga parte è data allo studio della matematica e delle arti visive all’interno della multiforme produzione dello scrittore. I due sentieri, interessanti, hanno un loro non trascurabile valore, e certo sottolineano la natura dei testi queniani che, come è noto, offrono diversi livelli di lettura, che non si escludono ma si sovrappongono. Le lectures intraprese raggiungono una profonda unità sincretica, senza sfuggire a interrogativi aperti (ad esempio «la presenza degli animali in Queneau», p. 17), che permetteranno forse ulteriori indagini.

3Paul Fournel (Gli scrittori di Raymond Queneau, pp. 25-36) focalizza la «relazione autore-personaggio» quale «interfaccia dello scrittore col mondo e con se stesso» (p. 32); l’influenza degli scrittori è ritracciata anche da Henri Godard (Queneau critico letterario e teorico della letteratura: “Les Écrivains célèbres”, pp. 37-44), che si occupa della scrittura “sulla” letteratura, incentrando il proprio contributo sui tre volumi di letteratura universale commissionati a Queneau dalle edizioni Mazenod, agli inizi degli anni Cinquanta; mentre il contributo di Corrado Bologna (La «contrainte» e la poetica medievale, pp. 45-68) pone l’accento sul “côté medievista” della composizione poetica dello scrittore, Chetro De Carolis (Queneau anglofilo: “Du côté de” Sally Mara, pp. 69-81) analizza la dipendenza da Joyce (e da Omero) all’interno dei due romanzi di Sally Mara; sui Fiori blu si concentra il lavoro di Anne Marie Jaton (Il comico tendenzioso nei “Fiori blu” di Raymond Queneau, pp. 83-94), la quale mostra il passaggio graduale da «un Queneau meramente ludico a un Queneau lievemente meno innocuo» (p. 84), e quello di Delia Gambelli («On en sortira donc jamais?». “Les Fleurs bleues” o come uscire dalla solita storia, pp. 95-110), con una riflessione sulle strutture finzionali del romanzo, nel cui incipit la studiosa vede una consonanza con quello dell’Éducation sentimentale; con l’intervento di Irene Zanot (Queneau narratore e le forme del silenzio, pp. 111-129) l’attenzione si sposta sulle potenzialità del silenzio, inteso quale sdoppiamento del gioco dei nomi caratteristico della tecnica narrativa queniana; muovendo dal film di Pierre Kast Arithmétique (1952), Michele Emmer (I numeri di Raymond Queneau, pp. 131-145) spiega la «matematica tra ironia e sogno» (p. 134) che sembra emergere dalla sceneggiatura, scritta da Queneau; l’interesse per la combinatoria, e in particolare per i numeri interi, spinge Maria Sebregondi (“Centomila miliardi di poesie”: Raymond Queneau, poeta intraducibile?, pp. 147-183) a tradurre i sonetti a contrainte di CMMP ; l’analisi di Claudio Zambianchi (Queneau e le arti visive: tracce di un lungo rapporto, pp. 185-198) individua le tracce dell’interesse di Queneau per pittura, scultura e urbanistica; Marco Pistoia (“Le chant du Styrène”, poemetto visivo per Alain Resnais, pp. 199-210) riconosce alcune affinità tra lo scrittore e il regista, i quali «non fanno della scienza o della matematica con le loro opere, ma ricorrono ad elementi propri di quelle forme per declinarli nella loro forma artistica ed espressiva» (p. 210); la «simulazione» (p. 213) di Malle è studiata da Paolo Bertetto (Queneau/Malle. Le due scritture di “Zazie dans le métro”, pp. 211-218), che considera la nuova Zazie un esempio di «riscrittura e scrittura autonoma e quindi scrittura seconda» (p. 211); a conferma dell’importanza del cinema per lo scrittore, Serena Valeri (“Queneau mon ami”, videocollage, pp. 219-221) propone infine alcune sequenze cinematografiche, messe in sequenza filmata durante il Seminario. La conclusiva Nota bibliografica (pp. 223-227) indica quali siano le opere essenziali per una conoscenza attenta della produzione di Queneau, certo un autore tra i più interessanti del Novecento francese.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Riccardo Benedettini, « Raymond Queneau. La scrittura e i suoi multipli, a cura di Chetro De Carolis e Delia Gambelli »Studi Francesi, 160 (LIV | I) | 2010, 184-185.

Notizia bibliografica digitale

Riccardo Benedettini, « Raymond Queneau. La scrittura e i suoi multipli, a cura di Chetro De Carolis e Delia Gambelli »Studi Francesi [Online], 160 (LIV | I) | 2010, online dal 30 novembre 2015, consultato il 06 juillet 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/7354

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals