Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Novecento

Karl Kürtös, Henri Michaux et le visuel. Ekphrsais, mimésis, énergie

Elena Mazzoleni
p. 185-186
Notizia bibliografica:

Karl Kürtös, Henri Michaux et le visuel. Ekphrsais, mimésis, énergie, Bern-Berlin-Bruxelles-Frankfurt am Main-New York-Oxford, Peter Lang, 2009, pp. 226.

Testo integrale

1Il saggio di K. Kürtös tratta del rapporto tra rappresentazione e aspetto visivo nelle opere di Henri Michaux. La riflessione, che prende le mosse dalle modalità attraverso le quali la pittura suscita l’ekphrasis, si articola, in primis, intorno all’analisi dei testi scritti sotto l’influenza della droga e si conclude poi con l’esame della produzione dell’autore relativa alla sua attività pittorica capace di rendere conto della rilevanza degli effetti visivi della scrittura.

2Stando allo studioso, con il rifiuto dei postulati tradizionali dell’ekphrasis intesa come ut pictura poesis, Michaux non pone più la scrittura al servizio di una rappresentazione trasparente e leggibile, ma sostiene un’evocazione più libera dell’immagine. L’ekphrasis non è tanto fondata sulla referenza all’immagine, quanto mirata alla soggettività del “lettore” e perciò definita da un legame aperto tra aspetto visivo e rappresentazione. In questa prospettiva, la rappresentazione diventa una restituzione libera, una sorta di «rêverie» (p. 74) evocativa che sfida le regole della mimesi. Dotata di valore allegorico dalla parola, l’immagine non è funzionale alla visualizzazione del testo, ma è chiamata a supplire l’idiosincrasia di tale legame.

3Sul filo di un’analisi testuale dettagliata, Kürtös mette in luce la relazione tra visuale e rappresentazione soffermandosi sui testi scritti in seguito all’esperienza della droga da parte dell’autore, un «corpus hallucinogène» (p. 112) che sollecita le possibilità espressive e l’ambizione mimetica della rappresentazione. La prefazione a Misérable miracle conferma: «Dans la seule scription de ces pages ceux qui savent lire une écriture en apprendront déjà plus que par n’importe quelle description. Quant aux dessins, ils reproduisent précisément les visions subies…» (p. 123).

4La scrittura di Michaux, fondata su una «poétique du rythme» (p. 164), si offre essenzialmente attraverso l’aspetto ritmico delle parole che non s’impone soltanto a livello semantico ma influenza anche la dimensione della ricezione, operando in modo performativo su tutte le forme d’arte: scrittura, pittura e musica. Infine, è nei testi “grafici” che viene rilevata la rivendicazione da parte dell’autore di una rappresentazione che, superando la funzione mimetica, libera l’aspetto visivo. Da qui un’estetica fondata su una trasmissione energetica che investe principalmente una ricezione di tipo affettivo da parte del lettore.

5L’opera di Michaux è presentata come un serbatoio di ricezione produttiva che attiva una «lecture intense» (p. 66). Nella percezione sensibile del contenuto figurato che assurge all’artificialità della rappresentazione, il processo di scrittura non è più definito dall’aspetto descrittivo della parola, ma dalla percezione della riproduzione visiva. I segni non figurano o indicano, ma sono responsabili dell’investimento sensibile nell’elaborazione del lettore. Gli scritti del poeta sono interpretati essenzialmente alla luce di una liberazione dell’aspetto visivo che trasferisce il problema della rappresentazione dall’interrogazione della natura visibile alla constatazione della dissoluzione dell’immagine nella sua trasmissione.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Elena Mazzoleni, « Karl Kürtös, Henri Michaux et le visuel. Ekphrsais, mimésis, énergie »Studi Francesi, 160 (LIV | I) | 2010, 185-186.

Notizia bibliografica digitale

Elena Mazzoleni, « Karl Kürtös, Henri Michaux et le visuel. Ekphrsais, mimésis, énergie »Studi Francesi [Online], 160 (LIV | I) | 2010, online dal 30 novembre 2015, consultato il 08 juillet 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/7356

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals