Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Opere generali

Viaggi e pellegrinaggi fra Tre e Ottocento, a cura di Claudio Sensi e Patrizia Pellizzari

Francesca Forcolin
p. 205-206
Notizia bibliografica:

Aa. Vv., Viaggi e pellegrinaggi fra Tre e Ottocento, a cura di Claudio Sensi e Patrizia Pellizzari, Alessandria, Edizioni dell’Orso, 2008, pp. 400.

Testo integrale

1Il volume raccoglie gli atti del Convegno omonimo tenutosi a Torino il 26 marzo 2007, che aveva l’obiettivo di presentare percorsi, lavori conclusi o in via di svolgimento da parte di giovani ricercatori, studiosi consolidati o specialisti della materia, riguardo a scritture di viaggio e di pellegrinaggio.

2Dedicata a Marziano Guglielminetti, eminente studioso anche di letteratura di viaggio e autore in quest’ambito di importanti testi come l’antologia Viaggiatori del Seicento, la miscellanea è strutturata in due sezioni – «Strumenti, bilanci, sintesi» la prima, «Prospettive» la seconda – introdotte dalla «Presentazione» di Claudio Sensi e inframmezzate da una serie di 25 stampe riferite agli argomenti trattati.

3Il testo di Sensi propone una panoramica sugli articoli raccolti; di particolare interesse risulta, tuttavia, l’attenzione riservata alla collaborazione tra Guglielminetti e Jeannine Guérin Dalle Mese, specialista del settore, sfociata negli anni ’80 nella creazione della collana (di cui questo è il decimo volume) dedicata all’odeporica, dal titolo Oltramare. Viaggiatori italiani dal Medioevo al Rinascimento. Ed è proprio con un articolo di Jeannine Guérin Dalle Mese, Orientamenti progetti metodi di ricerca in Francia (pp. 3-30), che si apre la prima sezione: qui la studiosa presenta i centri specialistici di odeporica in Francia, passandoli in rassegna - dal CRAIRAC dell’Université d’Aix-Marseille al CRLV di Paris IV, per citarne alcuni – e accenna ai loro orientamenti e ai progetti in corso, otre che alle pubblicazioni dell’ultimo decennio. Seguono la presentazione del CISVA a cura di Giovanna Scianatico, il cui articolo, dal titolo Odeporica adriatica. L’esperienza transfrontaliera del CISVA – Centro Interuniversitario Internazionale di Studi sul Viaggio Adriatico (pp. 31-36), sottolinea la novità del progetto destinato a far maturare il sentimento di identità adriatica; e quella del CIRVI (Presentazione del CIRVI – Centro Interuniversitario di Ricerche sul Viaggio in Italia, pp. 37-46) a cura di Emanuele Kanceff, che illustra le mostre e le esposizioni organizzate dal Centro, e le fruttuose collaborazioni con varie università.

4Nell’articolo successivo, Antichi testi di viaggio in biblioteche piemontesi. Note per la navigazione in un catalogo te(le)matico (pp. 47-58), Alessandra Ruffino illustra le linee guida della sua ricerca bibliografica sui testi di viaggio composti tra Tre e Seicento conservati in biblioteche piemontesi, 30 in totale quelle visitate, che l’ha impegnata due anni.

5Gli ultimi due contributi della prima sezione toccano, invece, il pellegrinaggio: il primo, Il pellegrinaggio in Terra Santa (pp. 59-76), è un denso resoconto biblico-teologico di Giorgio M. Vigna, che presenta gli aspetti antropologici e i caratteri di questo pellegrinaggio, le fasi e le strutture. Nel secondo, Dall’esperienza del pellegrinaggio in Terra Santa ai Sacri Monti (pp. 77-122), Guido Gentile propone un approfondito discorso sul rapporto tra Oriente e Occidente, sul pellegrinaggio reale e spirituale, arricchendolo con dettagli storici e ampie note.

6La seconda sezione si articola in due rubriche, Cantieri e Orizzonti. Spaziando dalla filologia odeporica alla linguistica, la raccolta include, tra le altre, due comunicazioni che non hanno trovato spazio durante il convegno: quella di Meriem Fatem Dhouib, Dal viaggio dei sensi al senso del viaggio: per un itinerario nell’Islam (pp. 127-148), incentrata sul pellegrino attento alle specificità dell’Islam, Riccoldo da Montecroce, e quella di Marina Montesano, Tra pellegrinaggio e missione diplomatica. Un viaggio da Firenze all’Egitto e alla Terrasanta nel 1488-1489 (pp. 177-196). Troviamo un ritratto dell’Itinerarium di Alessandro Ariosto, frate francescano e pellegrino di fine ’400, nell’articolo di Fabio Uliana Tra viaggio e pellegrinaggio. L’Itinerarium di Alessandro Ariosto (pp. 149-176); segue lo studio di Claudio Sensi su un manoscritto anonimo, Un compendio inedito del “Bouquet sacré composé des plus belles fleurs de la terre Saincte” di Jean Boucher, francescano del Seicento (pp. 197-242), legato alla ricerca bibliografica piemontese prima evocata. Infine il contributo, di particolare interesse linguistico, nello specifico in arabistica, di Matteo Milani, dal titolo Sollecitazioni lessicali dell’“Itinerario di Terra Santa” di Faostino da Toscolano (pp. 283-318).

7A chiusura del volume, le pagine di Franco Marenco, decano degli studi di odeporica e direttore di alcune collane, che con Lo sguardo del viaggiatore fra Sette e Ottocento (pp. 321-330), si sofferma sulla meta ideale del viaggiatore del xviii secolo, l’Italia e in particolare Roma, anticipando lo studio di Donatella Abbate Badin, dal titolo Tre primedonne del Gran Tour: Lady Montagu, Hester Thrale e Lady Morgan (pp. 331-382). Qui, lo sguardo delle viaggiatrici inglesi sul patrimonio italiano, scrittrici acute e indifferenti ai pregiudizi, permette di avere anche una visione etico-politica del viaggio, finora non affrontata.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Francesca Forcolin, « Viaggi e pellegrinaggi fra Tre e Ottocento, a cura di Claudio Sensi e Patrizia Pellizzari »Studi Francesi, 160 (LIV | I) | 2010, 205-206.

Notizia bibliografica digitale

Francesca Forcolin, « Viaggi e pellegrinaggi fra Tre e Ottocento, a cura di Claudio Sensi e Patrizia Pellizzari »Studi Francesi [Online], 160 (LIV | I) | 2010, online dal 30 novembre 2015, consultato il 14 juillet 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/7414

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals