Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Opere generali

Anne-Sophie Barrovecchio, Le complexe de Bélisaire. Histoire et tradition morale

Gabriella Bosco
p. 208-209
Notizia bibliografica:

Anne Sophie Barrovecchio, Le complexe de Bélisaire. Histoire et tradition morale, Paris, Champion, 2009, pp. 446.

Testo integrale

1«L’ultimo Romano e il primo Bizantino», secondo una fortunata formula di H. Ahrweiler, ovvero Belisario – il generale di Giustiniano che la leggenda ha tra-
sformato nell’immagine del paria, vittima della gelosia di un principe ch’egli non avrebbe dovuto servire con tanto zelo e ostinazione, condannato a errare, come un esule all’interno stesso della patria se non decisamente ostracizzato, e punito metaforicamente con la cecità, a significare l’impotenza politica di un personaggio che fu un capo ma non seppe essere un maestro – ha una storia postuma tanto misconosciuta quanto ricca, che dal VI secolo a oggi e dall’Oriente all’Occidente non ha mai smesso, sia pure in forme e significati cangianti, di riemergere nella letteratura e nelle arti. Il celebre quadro di David in cui Belisario chiede l’elemosina e il romanzo storico di Marmontel che ne raccontò la vita per poi sviluppare un discorso di natura politica volto all’elogio della tolleranza religiosa o la riuscita opera di Donizetti non sono che i tasselli più noti della fortuna di un personaggio che, senza avere le caratteristiche necessarie per assurgere a mito, è ugualmente stato sfruttato come se lo fosse.

2Il corposo saggio di Anne-Sophie Barrovecchio (tratto dalla sua tesi di dottorato) è il primo studio sistematico che illustri i percorsi di questa fortuna, pa-radossale in quanto nata da un fallimento. La studiosa individua un prima e un dopo Marmontel, il cui Bélisaire (1767) si pone come frontiera a separare l’epoca del racconto in divenire da quella del suo stabilizzarsi e poi scolorare in citazione latente. Ed è questo ricordo che si cancella senza essere definitivamete perso a formare il substrato di quello che viene definito “il com-plesso di Belisario”.

3La raccolta dei documenti da organizzare in corpus ha rivelato l’importanza del tema in senso numerico e anche l’esistenza di insiemi coerenti di testi, dal punto di vista storico, estetico e talora anche linguistico, determinando la necessità di un’ermeneutica del corpus che sfociasse in una lettura ragionata. Ne è risultato che non necessariamente gli autori più importanti hanno apportato le innovazioni più significative. Ed anche che le varianti del racconto sono tali – i drammaturghi del xvii secolo ad esempio assimilarono la vicenda di Belisario a quelle di Fedra e di Crispo, mentre il xviii secolo fece del generale di Giustiniano una sorta di Edipo e di Socrate – da far pensare che lo scolorire del ricordo che lo riguarda dipenda non dalle caratteristiche del personaggio ma dalle loro troppo numerose e radicali metamorfosi. Il dato ineliminabile per stabilire un criterio di analisi è in effetti non solo l’abbondanza, ma anche l’eterogeneità dei documenti raccolti. L’approccio scelto dalla studiosa è stato di conseguenza quello seriale (messo a punto da S. Menant), applicato a una materia che attraversa i secoli e le frontiere e a partire dalla sostituzione del concetto di ricezione con quello di creazione, in prospettiva genetica, in un ambito in cui l’autore è sempre anche lettore.

4Il volume è strutturato in quattro ampie parti. La prima, «Un nouveau Janus» (pp. 35-81), comporta due capitoli: uno dedicato al personaggio storico, il secondo alla leggenda. Segue una sezione intitolata «Apollon sacrifié» (pp. 87-143) che s’interroga sulla natura umana o divina della giustizia operante nei confronti di Belisario, poi indaga la funzione di exemplum della sua storia, e infine percorre la strada che dal teatro conduce il personaggio al quadro. La terza parte, «Au nom de Socrate» (pp. 149-230), copre il periodo che va dal “best-seller” di Marmontel a filiazioni e discendenze in vari generi d’epoca rivoluzionaria, e analizza poi i “fratelli naturali” di Belisario, coevi. L’ultima parte, «Imiter Sysiphe» (pp. 215-290), presenta gli sdoppiamenti di Belisario, il successo internazionale dell’opera di Donizetti e, tra Otto e Novecento, le versioni narrative del tema.

5Il volume è completato da una serie di annessi: musicografico, filmografico e iconografico. Cui si aggiungono una bibliografia molto ricca e varia e 16 tavole (dall’incisione che raffigura Belisario ricevuto dall’imperatore Giustiniano tratta dalle Chroniques des Rois de France a una pagina della partitura di un recitativo consacrato a Belisario, adattamento dell’opera di Donizetti – la più curiosa è la tavola 11, litografia del 1867 che raffigura Garibaldi con accanto, rovesciato a terra, l’elmo di Belisario).

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Gabriella Bosco, « Anne-Sophie Barrovecchio, Le complexe de Bélisaire. Histoire et tradition morale »Studi Francesi, 160 (LIV | I) | 2010, 208-209.

Notizia bibliografica digitale

Gabriella Bosco, « Anne-Sophie Barrovecchio, Le complexe de Bélisaire. Histoire et tradition morale »Studi Francesi [Online], 160 (LIV | I) | 2010, online dal 30 novembre 2015, consultato il 04 juillet 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/7420

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals