Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Cinquecento

Aa. Vv., La tragédie à l’époque d’Henri III. Deuxième Série. Vol. 5: 1586-1589, «Théâtre français de la Renaissance»

Michele Mastroianni
p. 613-614
Notizia bibliografica:

La tragédie à l’époque d’Henri III. Deuxième Série. Vol. 5: 1586-1589, «Théâtre français de la Renaissance», fondé par Enea Balmas et Michel Dassonville, dirigé par Nerina Clerici Balmas, Marcel Tetel et Luigia Zilli, Florence-Paris, Olschki-P.U.F., 2009, pp. 523.

Testo integrale

1Continua (e ci avviamo ormai agli ultimi volumi) la monumentale e meritoria impresa del corpus – strumento di ricerca ormai irrinunciabile – fondato dai compianti Enea Balmas e Michel Dassonville. Il presente tomo (il quattordicesimo della silloge) offre l’edizione di quattro tragedie. Abbiamo anzitutto l’Adonias di Philone (del 1586), edito da Anna Bettoni e introdotto da Rosanna Gorris Camos, che già aveva fornito l’edizione del Josias, sempre di Philone (Première Série, vol. 3, pp. 87-202). Come già la precedente tragédie sainte (la storia è biblica) di Philone, anche Adonias vuole essere un «théâtre de combat [qui], exploitant les histoires des Rois d’Israël, réflète comme un miroir les événements historiques et cristallise les sentiments, espoirs et déceptions, illusions et crises profondes qui accompagnent le chemin de ces hommes et femmes à la recherche de Dieu et de sa vérité» (p. 3). Come tutte le tragédies saintes cinquecentesche che si schierano dalla parte cattolica o dalla parte protestante, presentandosi come pamphlets teologici o politici, anche questa è una pièce a favore della causa protestante, che in piena guerra di religione prende posizione, come bene illustra l’introduzione, contro il sovrano machiavellico.

2Abbiamo quindi due tragedie di Pierre Matthieu (del 1589): Vasthi, premiere tragedie, edita e introdotta da Anna Bettoni, e Aman, seconde tragedie, edita e introdotta da Régine Reynolds-Cornell. Queste due pièces sono come i due volets di un’unica tragedia che racconta la storia biblica di Esther. In effetti, si tratta dell’ampliamento e smembramento di una precedente Esther (del 1585) di Matthieu (edita nel nostro corpus: Deuxième Série, vol. 4, pp. 211-458). I testi erano di recente comparsi nell’edizione critica di tutto il teatro di Matthieu (cfr. Pierre Matthieu, Théâtre complet, édition critique par L. Lobbes, Paris, Champion, 2007: cfr. questi «Studi», 154, 2008, pp. 175-176), ma la presente edizione, cui gli editori hanno lavorato in contemporanea con L. Lobbes, si raccomanda per le eccellenti introduzioni, sia per la messa in evidenza delle tematiche, sia per l’analisi strutturale, sia per le annotazioni essenziali.

3Ultimo dei testi qui editi è ancora una tragedia di Matthieu, La Guisiade (del 1589), edita da Tran-Thi-Chat-Thiet e Gabriela Cultrera, con introduzione di Mariangela Miotti. Non tragédie sainte ma tragedia storica, ispirata a un fatto contemporaneo, l’assassinio del duca di Guise agli Stati Generali di Blois il 25 dicembre 1588, è una pièce senechiana che dal modello latino riprende sia i moduli del theâtre de la cruauté sia la riflessione stoica sul potere e sulla tirannide. In comune con le tragédies saintes dell’epoca ha il riferimento alle guerre di religione. L’introduzione mette bene in evidenza le componenti ideologiche e politiche dell’autore e del suo teatro.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Michele Mastroianni, « Aa. Vv., La tragédie à l’époque d’Henri III. Deuxième Série. Vol. 5: 1586-1589, «Théâtre français de la Renaissance» »Studi Francesi, 159 (LIII | III) | 2009, 613-614.

Notizia bibliografica digitale

Michele Mastroianni, « Aa. Vv., La tragédie à l’époque d’Henri III. Deuxième Série. Vol. 5: 1586-1589, «Théâtre français de la Renaissance» »Studi Francesi [Online], 159 (LIII | III) | 2009, online dal 30 novembre 2015, consultato il 05 juillet 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/7528

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals