Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri159 (LIII | III)Rassegna bibliograficaSettecentoEloge et Pensées de Pascal, éditi...

Rassegna bibliografica
Settecento

Eloge et Pensées de Pascal, édition établie par Condorcet, annotée par Voltaire. Édition critique par Richard Parish

Franco Piva
p. 625-626
Notizia bibliografica:

Eloge et Pensées de Pascal, édition établie par Condorcet, annotée par Voltaire. Édition critique par Richard Parish, Oxford, Voltaire Foundation, 2008 («Les Œuvres complètes de Voltaire», 80A), pp. XIX+ 307.

Testo integrale

1Voltaire fissò la sua attenzione sulla figura e sull’opera di Pascal per tre volte nel corso della sua vita: la prima, al tempo delle Lettres phlosophiques, in quella sorta di appendice che è costituita dalla venticinquesima Lettre alla quale Voltaire, tutto pieno di speranza e di fede nell’uomo, affidò le reazioni suscitate dalle 57 citazioni estratte dalle Pensées; la seconda tra il 1739 ed il 1742, nelle Nouvelles remarques, via via preparate per nuove edizioni delle Lettres, dove Voltaire ebbe modo di precisare il suo pensiero su alcuni punti particolari; la terza alla fine della sua vita, esattamente nel 1778, traendo spunto dall’edizione che delle Pensées pascaliane aveva pubblicato, due anni prima, un giovane adepto dei Lumi, Condorcet, che Voltaire conobbe tramite il fidato d’Alembert. Di fatto, il rapporto di Voltaire con Pascal non s’interruppe mai, anche se rimase per lo più dans le fond. Per ricostruirlo, è necessario leggere con attenzione le lettere del Patriarca e mettere insieme le varie allusioni a Pascal e alla sua opera, tanto di scienziato quanto di filosofo; ne esce un quadro fatto di malcelato fascino (non solo per lo scienziato) e di resistenze di vario genere, di cui la coedizione delle Pensées pubblicata nel 1778 è un’ulteriore dimostrazione.

2Voltaire ha operato sul testo che, due anni prima, aveva preparato Condorcet, organizzando in modo completamente diverso i vari (non tutti) frammenti di quella che avrebbe dovuto essere l’Apologie che erano stati conservati e tramandati; con un’operazione simile a quella che un secolo prima avevano fatto i Signori di Port-Royal, ma in un’ottica decisamente diversa, che dava dell’opera di Pascal una lettura senz’altro più antropologica che apologetica, più laica – come è stato detto - , che religiosa; rafforzata in ciò dai vari paratesti che quella edizione accompagnavano: la Préface e l’Eloge de Pascal, ad opera di Condorcet, e le Réflexions attribuite (probabilmente a torto) a Fontenelle. Fu su questa edizione già chiaramente connotata che Voltaire appose le sue proprie note, che andarono a sommarsi a quelle che già vi aveva messo Condorcet. Gli interventi di Voltaire sono decisamente più casuali e disparates di quelli di Condorcet; riguardano spesso lo stile, o l’informazione storica; non mancano tuttavia di porre l’accento anche su una contraddizione e di mettere in ridicolo certe posizioni che allo scettico Voltaire parevano troppo intrise di fanatismo religioso. Come segnala Richard Parish, che ha preparato il volume con la solita cura alla quale le «Œuvres complètes de Voltaire» ci hanno ormai abituato, e che è l’autore della lunga «Introduction» che precede il testo dell’edizione Condorcet-Voltaire delle Pensées, non c’è tuttavia mai traccia del livore o dell’acredine che avevano dominato le Lettres philosophiques o le Nouvelles remarques: punzecchiature, molte, a volte anche vivaci, stroncature sprezzanti, mai. Segno di un interesse che, con il passare degli anni, si era fatto più attento, e tutto sommato, più rispettoso? Non è impossibile se è vero che, pur con tutte le riserve del caso, negli ultimi anni della sua esistenza Voltaire mostrò, per le grandi questioni della vita e della morte, un’attenzione ed un’attrazione alle quali non ci aveva abituati negli anni precedenti. Sono, d’altra parte, noti il timore ed il fastidio quasi coi quali Voltaire guardava in quegli anni, all’avanzare sempre più minaccioso del materialismo e dell’ateismo. Di fronte a questi pericoli, anche le posizioni radicali di Pascal dovettero sembrargli meno rischiose e, tutto sommato, degne di maggiore attenzione.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Franco Piva, « Eloge et Pensées de Pascal, édition établie par Condorcet, annotée par Voltaire. Édition critique par Richard Parish »Studi Francesi, 159 (LIII | III) | 2009, 625-626.

Notizia bibliografica digitale

Franco Piva, « Eloge et Pensées de Pascal, édition établie par Condorcet, annotée par Voltaire. Édition critique par Richard Parish »Studi Francesi [Online], 159 (LIII | III) | 2009, online dal 30 novembre 2015, consultato il 22 septembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/7575

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search