Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Settecento

Gabriella Radica, L’histoire de la raison. Anthropologie, morale et politique chez Rousseau

Paola Sosso
p. 629
Notizia bibliografica:

Gabriella Radica, L’histoire de la raison. Anthropologie, morale et politique chez Rousseau, Paris, Champion, 2008 («Les dix-huitièmes siècles», 119), pp. 805.

Testo integrale

1«La règle juste» è il titolo della prima sezione di questo volume che, ricollegandosi in modo puntuale ai grandi studiosi del pensiero del Ginevrino, definisce in quale modo Rousseau si sia distanziato dal giusnaturalismo: la rottura appare radicale nella divergenza di metodo, nella diversa definizione della ragione e in una differente concezione antropologica. Considerata l’incapacità del diritto naturale di regolare i conflitti, diviene per Rousseau necessario lo stato civile e quindi la volontà generale. L’artificio volontario e razionale si inserisce allora nei rapporti umani, insieme a una «objectivité indéniable» (p. 167) che impedisce la creazione di leggi arbitrarie e ingiuste. Nel secondo volet, «La sphère individuelle», sempre costruito su un dialogo continuo con i grandi critici che l’hanno preceduta, l’autrice crea una serie di rapporti interessanti tra la concezione di Rousseau e gli scritti di Pascal, La Rochefoucauld e Fénelon. La studiosa ritorna anche sul dibattito relativo al razionalismo, mettendo in luce le diverse sfumature che questa facoltà assume nell’opera di Rousseau, secondo il quale la comprensione di questa acquisizione umana va inserita nella complessità della storia dell’uomo. Lo studio della bontà, della virtù e della ragione porta all’analisi dell’Émile, il cui primo obiettivo è quello di «apprendre à vivre». A tal fine la ragione condurrà verso ciò che è utile: la riduzione del desiderio e il controllo delle proprie debolezze. Dall’utile si giunge, nell’ottica di Rousseau, all’aspetto morale, argomento della terza parte, «Le monde moral». Lo studio della Nouvelle Héloïse, variazione romanzesca dell’antropologia rousseauiana, mostra come virtù, morale, retorica e ragione siano riproposti dal Ginevrino attraverso una finzione dove ancora una volta si conferma che norme e credenze derivano innanzitutto dalle facoltà più libere e creative dell’uomo.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Paola Sosso, « Gabriella Radica, L’histoire de la raison. Anthropologie, morale et politique chez Rousseau »Studi Francesi, 159 (LIII | III) | 2009, 629.

Notizia bibliografica digitale

Paola Sosso, « Gabriella Radica, L’histoire de la raison. Anthropologie, morale et politique chez Rousseau »Studi Francesi [Online], 159 (LIII | III) | 2009, online dal 30 novembre 2015, consultato il 15 août 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/7582

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals