Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri159 (LIII | III)Rassegna bibliograficaNovecentoDominique Rabaté, Pascal Quignard...

Rassegna bibliografica
Novecento

Dominique Rabaté, Pascal Quignard. Étude de l’œuvre

Stefano Genetti
p. 670-671
Notizia bibliografica:

Dominique Rabaté, Pascal Quignard. Étude de l’œuvre, Paris, Bordas, 2008 («écrivains au présent», 1), pp. 192.

Testo integrale

1Il fatto che quest’agile ma densa monografia, concepita come «une invitation […] au ravissement de la lecture» (p. 10), inauguri la collana «Écrivains au présent» diretta da Dominique Viart, è indicativo del crescente interesse suscitato da una delle principali voci della letteratura contemporanea. Saggi e articoli, atti di convegno e numeri di rivista si sono accumulati negli ultimi anni e l’A. fa il punto della situazione, secondo un approccio utilmente comparabile a quello adottato, in un analogo contributo recente, da un altro specialista: JEAN-LOUIS PAUTROT, Pascal Quignard ou le fonds du monde, Amsterdam-New York, Rodopi («Collection monographique Rodopi en littérature française contemporaine», 46), 2007, pp. 197.

2Laddove IRENA KRISTEVA (Pascal Quignard. La fascination du fragmentaire, Paris, L’Harmattan, 2008, pp. 348), pur trattando in un’ottica mitocritica e psicoanalitica di aspetti onnipresenti in Quignard quali la frammentarietà come istanza etica ed esigenza estetica, la folgorazione e il desiderio, lo scrivere e il leggere, la musica e il silenzio, si concentra soprattutto sui Petits traités, La Haine de la musique e Le Sexe et l’effroi, sia Rabaté che Pautrot affrontano questi e altri argomenti – la riflessione sul linguaggio, sulla lettera e sull’immagine, il senso del dettaglio e la passione etimologica, la solitudine, l’estasi e la malinconia, la rimozione dell’animalità umana e l’allucinazione onirica, figurativa e poetica del “perduto” – nell’ambito di una lettura complessiva di un’opera proteiforme e tuttavia coesa. Insieme altera e coinvolgente, erudita e inquietante, un’aporetica «littérature de l’impossible» (p. 44), scrive Rabaté, «tire son autorité […] de ce qui la ruine» (p. 38), vale a dire da quell’assenza originaria, incessantemente evocata proprio in quanto insondabile, immemoriale, incomunicabile.

3Entrambi i saggi muovono da un aperçu biografico, teso a rintracciare nell’infanzia e nella formazione dell’autore la genealogia del suo l’immaginario, verso una rassegna di tratti e motivi ricorrenti: le letture puntuali di testi emblematici si alternano a considerazioni trasversali o evolutive, dagli autoritratti per interposta persona delle fictions critiques e delle vies imaginaires al ciclo che fa di Vie secrète e dei cinque tomi di Dernier royaume un’onnicomprensiva e asistematica ricapitolazione dell’opera tutta. Sensibile all’archeologia del romanesque perseguita da Quignard, Pautrot mantiene in qualche misura la distinzione tra saggistica e narrativa, mentre Rabaté, che si sofferma ad esempio sui contes, insegue da vicino l’intrecciarsi di speculazione e invenzione che contraddistingue una scrittura a un tempo perentoria e provvisoria. Inoltre, nell’ultima parte del libro, egli fornisce una panoramica non solo sulla ricezione da parte di altri scrittori e pensatori, da Millet a Lyotard a Nancy, ma anche sui progetti che, in un dialogo costante tra le arti, vedono Quignard collaborare con cineasti, pittori, coreografi e musicisti, da Tous les matins du monde a Requiem.

4Se Rabaté si mostra attento alla contestualizzazione letteraria, Pautrot evidenzia efficacemente come il pensiero di Quignard si collochi all’intersezione di vari saperi – antropologia, psicanalisi, filosofia, linguistica – e come la resistenza alla metafisica e la demistificazione della storia come strumento conoscitivo, la critica dell’individualismo, dell’originalità e dell’amnesia culturale che ne deriva partecipino di un ampio e condiviso ripensamento della modernità. Nel delineare, da punti di vista non sempre coincidenti ma tutt’altro che incompatibili, filiazioni e affiliazioni – da Montaigne a Lévi-Strauss e da Ba-taille a Michon –, entrambi sottolineano la pertinenza della “singolarità” dell’opera di Quignard, della sua rivendicata inattualità, rispetto agli interrogativi epistemologici e creativi del nostro tempo.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Stefano Genetti, « Dominique Rabaté, Pascal Quignard. Étude de l’œuvre »Studi Francesi, 159 (LIII | III) | 2009, 670-671.

Notizia bibliografica digitale

Stefano Genetti, « Dominique Rabaté, Pascal Quignard. Étude de l’œuvre »Studi Francesi [Online], 159 (LIII | III) | 2009, online dal 30 novembre 2015, consultato il 30 septembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/7725; DOI: https://doi.org/10.4000/studifrancesi.7725

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search