Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri159 (LIII | III)Rassegna bibliograficaLetterature francofoneMarlène Thélusma Rémy, Contributi...

Rassegna bibliografica
Letterature francofone

Marlène Thélusma Rémy, Contribution de la femme haïtienne à la construction et à la survie de son pays

Monica Blondi
p. 678-679
Notizia bibliografica:

Marlène Thélusma Rémy, Contribution de la femme haïtienne à la construction et à la survie de son pays, Paris, L’Harmattan, 2008, pp. 154.

Testo integrale

1Questo saggio socio-antropologico nasce dall’esperienza diretta della sua autrice che per vent’anni, dal 1972 al 1992, ha svolto la professione di educatrice e assistente sociale. Il suo intento è principalmente quello di rendere omaggio alle donne haitiane di tutte le epoche e di tutte le classi sociali, soprattutto quelle nate e cresciute in un contesto rurale, vittime del maschilismo e di condizioni di vita particolarmente difficili. Lo studio si apre con una carrellata di ritratti femminili appartenenti all’epopea haitiana, a partire dalla capostipite, la regina indiana Anacaona, figura molto celebrata anche in letteratura; seguono poi le eroine che combatterono valorosamente al fianco degli uomini nelle lotte per l’indipendenza, come Suzanne Louverture, moglie del celebre eroe nazionale, la quale, deportata in Francia insieme al marito, subì la tortura senza mai tradirlo. Infine vengono celebrate le pioniere del movimento femminista haitiano nato attorno al 1950.

2Ad Haiti le donne sono gravemente discriminate sia in famiglia che nella società. La svalutazione del femminile è fortemente radicata nella mentalità haitiana, legittimata anche da una tradizione orale che, attraverso proverbi che stigmatizzano alcuni tra i difetti femminili più temuti dall’uomo, come la mancanza di razionalità o l’inaffidabilità, contribuisce a trasmetterla di generazione in generazione, rendendo difficile ogni possibilità di cambiamento. La condizione della donna ad Haiti sembra basarsi su una contraddizione di fondo. Pur svolgendo un importante ruolo sia a livello economico che sociale, il suo impegno non viene riconosciuto né tanto meno retribuito. Infatti, oltre ad aiutare l’uomo nella semina e nel raccolto, la donna partecipa attivamente alla commercializzazione dei prodotti agricoli; inoltre ha l’onere dell’andamento domestico, dell’educazione dei figli e della cura degli anziani. Con il suo lavoro dà un forte impulso all’economia nazionale, tuttavia il suo contributo non è mai stato ufficialmente quantificato e, a differenza di quanto accade per l’uomo, neppure remunerato. E ciò perché nel mondo agricolo esiste una poligamia non legalizzata che consente all’uomo di avere più compagne che lavorano la terra per lui, senza avere alcun obbligo retributivo nei loro confronti. Nei villaggi, inoltre, il tasso di analfabetismo è più elevato tra le donne perché l’educazione scolastica viene riservata agli uomini. Ancora oggi, le giovani che non continuano gli studi vengono iniziate al lavoro molto presto dalle venditrici ambulanti più anziane. Costrette a portare pesi per lunghi tragitti fino alla città, bivaccando in luoghi sporchi e malsani, sono spesso vittime di malattie, come l’anemia, causate dalla malnutrizione. Inoltre, la disinformazione e l’ignoranza delle norme igieniche di base le espone al rischio dell’Aids.

3Oltre al ruolo economico, la donna haitiana ha un importante ruolo sociale che consiste nello stringere relazioni. Fondamentali, perché di grande valore culturale, sono i rapporti tra diverse generazioni di donne. Quale depositaria di una tradizione ancestrale di valori, la donna sente su di sé la responsabilità di trasmettere questa eredità culturale alle generazioni future. Inoltre, è lei a curare i rapporti tra città e campagna, anche se l’inurbamento comporta il più delle volte un ulteriore sfruttamento, in qualità di domestica, o addirittura la degradazione, quando è costretta a prostituirsi. La svalutazione del femminile, in famiglia e nella società, impedisce alla donna di sviluppare un’immagine positiva di sé e di avere coscienza del proprio valore. L’unico ambito in cui riesce a sottrarsi alla tutela patriarcale è quello religioso. Le associazioni cattoliche e protestanti forniscono alla donna protezione e sostegno, ma è soprattutto nel vudù che può sperimentare una forma di emancipazione. Scegliendo di servire i loas, la donna accetta di aderire a un sistema «familiare» di tipo matriarcale che tende ad essere egualitario grazie alla divisione dei ruoli. La crisi di possessione, fase centrale della cerimonia vudù, esalta il ruolo della donna liberandola, seppure temporaneamente, dalla tutela maschile.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Monica Blondi, « Marlène Thélusma Rémy, Contribution de la femme haïtienne à la construction et à la survie de son pays »Studi Francesi, 159 (LIII | III) | 2009, 678-679.

Notizia bibliografica digitale

Monica Blondi, « Marlène Thélusma Rémy, Contribution de la femme haïtienne à la construction et à la survie de son pays »Studi Francesi [Online], 159 (LIII | III) | 2009, online dal 30 novembre 2015, consultato il 30 septembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/7747; DOI: https://doi.org/10.4000/studifrancesi.7747

Torna su

Autore

Monica Blondi

Articoli dello stesso autore

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search