Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Cinquecento

Samuel Junod, Agrippa d’Aubigné ou les misères du prophète

Dario Cecchetti
p. 383-384
Notizia bibliografica:

Samuel Junod, Agrippa d’Aubigné ou les misères du prophète, Genève, Droz, 2008 («Cahiers d’Humanisme et Renaissance», vol. 83), pp. 352.

Testo integrale

1Come S. Junod indica in apertura del suo interessante lavoro, «Aubigné e prophète sono due parole, due istanze della complessa figura letteraria costruita da Agrippa d’Aubigné nella sua opera, che hanno un destino comune, nella critica letteraria e nell’immagine convenzionale che ci facciamo del poeta dei Tragiques» (p. 11). Il presente saggio si propone anzitutto di sbarazzare il campo dai luoghi comuni della biographie prophétisante albineana, volta a identificare stilemi e strutture profetizzanti dell’opera poetica con un atteggiamento esistenziale, nel tentativo di «ancorare la questione all’ambito di una strategia letteraria e di una poetica». Se è vero infatti che esiste, da parte di Aubigné, la volontà di trasmettere un messaggio che si vuole ‘profetico’, nel quadro di un costante impegno politico e religioso, è anche vero che il ricorso al linguaggio e ai modelli profetici (biblici) sfocia in un vero e proprio sistema retorico. Ben sottolinea l’A. come «la figura profetica sia costruita mediante la messa in opera di strategie che si rifanno alla creazione letteraria: l’imitazione, l’ethos»; e come «essa sia anche un effetto della ricezione, della scelta del lettore di accordare all’autore del discorso, a prezzo di uno slittamento sottile, il prestigio che deriva al personaggio discorsivo inventato da questo discorso stesso»(p. 12). Il libro è suddiviso in due parti. Nella prima (La figure prophétique en aval et en amont des “Tragiques”, pp. 35-138) viene ricostruita la ricezione di Agrippa d’Aubigné – ricezione in cui si configura l’immagine di Aubigné-profeta – a partire dal discorso critico che si costruisce nell’Ottocento sull’opera dello scrittore ugonotto. È con Sainte-Beuve, infatti, che viene abbozzato il ritratto di Aubigné dans une posture prophétique. D’altra parte è nell’Ottocento che la rinascita dell’opera di Aubigné si accompagna a un effetto di amplificazione della sua étrangeté e all’affermarsi di un mythe personnel che è appunto il mito del profeta protestante. Senza contare che Hugo nel comporre una lista di novantacinque poeti, fra i più importanti dell’umanità, include Aubigné in questo elenco che comprende tutti i grandi profeti veterotestamentari e sottintende l’equivalenza poeta e profeta. In questa prima parte viene inoltre raffrontata la posture prophétique di Aubigné con quella di Lutero e Calvino nel quadro della teologia e dell’ecclesiologia riformata nel Rinascimento. Nelle seconda parte (L’‘èthos’ prophétique: la création d’une figure de l’énonciation dans les “Tragiques”, pp. 141-310) l’A. esamina le modalità con cui questa posture assume le caratteristiche di figura retorica, nella convinzione che «non si possa determinare il senso di un discorso qual è quello dei Tragiques senza qualificare la sua enunciazione, in termini di modalità di parola, di posizione morale, di forza pragmatica, di discorso assunto o riportato» (p. 27).

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Dario Cecchetti, « Samuel Junod, Agrippa d’Aubigné ou les misères du prophète »Studi Francesi, 158 (LIII | II) | 2009, 383-384.

Notizia bibliografica digitale

Dario Cecchetti, « Samuel Junod, Agrippa d’Aubigné ou les misères du prophète »Studi Francesi [Online], 158 (LIII | II) | 2009, online dal 30 novembre 2015, consultato il 14 juillet 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/7887

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals